Sabato , 27 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
27 Agosto 2009
 

C'era una volta una ragazzina, chiamiamola Giulia, che frequentava le medie nell'anno scolastico 2006/2007. Era talmente brava negli studi e così entusiasta di quel che imparava che la sua reputazione a scuola divenne altissima. Era anche una ragazzina molto sensibile, attenta a quel che accadeva intorno a lei, e già faceva volontariato nel suo quartiere. Oggi sta in un letto d'ospedale, ridotta ad uno scheletro, e la sua madre disperata sta lottando affinché la dirigenza scolastica si assuma qualche responsabilità. Per tutto l'anno scolastico menzionato, infatti, tre compagni bulli l'hanno tormentata dicendole che era grassa, una brutta cicciona, una scrofa ingorda eccetera eccetera. All'inizio del 2008 la fanciulla ha avuto il primo ricovero ospedaliero, perché il suo peso, eccessivamente basso, la metteva in pericolo di vita. Le dichiarazioni standard degli insegnanti e del preside sono state di questo tenore: l'intera faccenda è “un disgraziato incidente”, “Non si può correlare l'anoressia al dileggio dei compagni”, “Sarebbe altrettanto facile dire che la ragazza è diventata anoressica a causa del suo rapporto con la madre”.

L'ultima scusa è davvero la più facile di tutte, ed è fervidamente raccomandata ad ogni livello. Ci evita, per esempio, di chiedere scusa a Sofia, decenne sottratta alla madre tramite carabinieri da un padre violento, già condannato per gravi maltrattamenti alla moglie ma titolare di posizione sociale ed indubbia fede machista. C'è voluto il tribunale per accertare che la “sindrome della madre malevola” usata per togliere Sofia alla mamma era un'idiozia “non accettata dalla comunità scientifica”, e che la bimba aveva consistenti ragioni per temere suo padre, ma intanto grazie all'aiuto degli psicologi d'accatto l'abbiamo fatta urlare e svenire fra le braccia degli “uomini neri” venuti a strapparla dalla sua casa (anche Sofia è finita in ospedale). Per il resto, che volete, i professionisti dell'educazione e dell'istruzione non hanno tutti i torti a cercare di “svangarla”: un proverbio africano dice efficacemente che “Ci vuole un villaggio per crescere un bambino”. Per cui non è stata solo l'efferata cretineria dei piccoli bulli o la criminale indifferenza degli insegnanti ad avviare Giulia sulla sua personale via crucis. Come me, come voi, la ragazzina sarà di sicuro entrata qualche volta in un supermercato, e se voleva comperarsi un pigiama avrà girato fra gli espositori della biancheria per bambini, dove come me, come voi, ha visto i tanga decorati di lustrini e piumette, disegnati per bambine dai 7 ai 10 anni d'età. Ma se ha preferito girare per la corsia dei giocattoli ha potuto ammirare dozzine di bambole mutanti scheletriche, senza quasi torso ad eccezione dei seni, con improbabili lunghissime gambe, vestite di minigonne in pelle, calze a rete e scarpe o stivaloni con il tacco alto: praticamente l'outfit (non storcete il naso, oggi si dice così) delle escort (appunto) italiane prima che diventino consigliere, deputate, assessore e ministre, quando ancora cantano sulle tv private “Si abbassa la mutanda, si alza l'auditel”.

E la televisione, giusto. Come me, come voi, Giulia ha visto che il premio, l'ammirazione, l'ascesa sociale, l'approvazione, vanno a quella delle sculettanti scosciate che accetta di mostrarsi più muta, più stupida e più acquiescente di tutte le altre. Ha visto uomini umiliare e ridicolizzare chi si comporta diversamente. Come me e voi, ha visto le pubblicità, i cosiddetti “consigli per gli acquisti” dove praticamente qualsiasi cosa è messa in vendita con un corpo femminile più o meno anoressico, dove le donne quando parlano si preoccupano di come lavare meglio i piatti o di come liberarsi da quegli orribili peli “superflui” (chi ha stabilito che sono tali, tra l'altro?) o di come occultare il disgustoso fatto che sono mestruate. D'altronde, se devi trasformarti nel liscio manichino della “femminilità”, sapete, quell'enorme frode fantastica con cui schiantare le donne reali, un po' di ribrezzo per te stessa gioverà alla bisogna. Il manichino, tra l'altro, ha un'età sempre più bassa: i messaggi culturali stanno premendo su questo, e cioè sul farci credere che la sessualizzazione delle bambine e delle ragazze è cosa buona e giusta.

Persino con un tocco di “progressismo”, giacché per dieci anni buoni icone intellettuali ambosessi ci hanno spiegato quanto moderno e liberatorio fosse l'andazzo. Adesso siamo al fondo del barile: famiglie ed amici incoraggiano le bambine ad essere oggetti sessuali, e le trattano come tali. Le conseguenze sono logiche: se una ragazzina impara che un comportamento ed un abbigliamento sessualizzato ottengono il plauso della società e dei suoi pari (il cui giudizio è quello che teme di più) non avrà altre aspirazioni che fare la velina, o si affamerà a morte per ottenere quel corpo “perfetto” che è tale solo se eccita sessualmente il sesso opposto.

*

Il mese scorso, il nostrano Ministero della Salute ha ordinato il ritiro dal commercio sul territorio nazionale di una serie di prodotti cosmetici. Si tratta di fard, ombretti, ciprie e rossetti dai prezzi assai contenuti che erano disponibili nelle profumerie e nei supermercati di tutta Italia: le analisi hanno rilevato la presenza in essi di cromo, nichel, piombo e arsenico; in alcuni casi vi erano anche tracce di contaminazione microbiologica. Pare che la composizione di questi cosmetici sia responsabile di un bel po' di irritazioni e dermatiti. Ma non dobbiamo giudicare in fretta: può darsi che ciò sia accaduto perché le pelli a cui erano destinati mancavano di addestramento. Infatti, erano kit di trucco per bambine. E sapete cosa stava immediatamente sotto a questa notizia, nel giornale in cui l'ho letta? Un bel sondaggio interattivo: “La cellulite delle dive. Guarda e vota, chi è messa peggio?”. Secondo me, quella messa peggio è la redazione. Non c'è niente di più devastante della morte dei neuroni, neppure la cellulite.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Nonviolenza. Femminile plurale, 27 agosto 2009)


Articoli correlati

  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy