Domenica , 25 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
05 Settembre 2009
 

Da qualche settimana si dà un interessante dibattito nell'ex sinistra italiana (ora sinergica coalizione di sintesi “fra illuminismo e cristianesimo”, un gruppo che guarda al futuro... al futuro di tre secoli fa come minimo): si tratta del silenzio delle donne. “Interessante” è un eufemismo ironico, nel mio caso, perché le dissertazioni non hanno stimolato una sola delle cellule cerebrali, ammetto che sono poche, in mia dotazione. Succede che i dirigenti del partitone si aspettavano qualcosa che non è accaduto, e cioè che a fronte degli scandali “sessuali” relativi al governo in carica, “le donne” ripulissero l'immenso ammontare di spazzatura misogina, sessista, razzista e guerrafondaia, creato anche da loro, in cui il nostro paese sta soffocando. È una storia che mi è nota e che si ripete da troppo tempo perché io possa ancora meravigliarmi. A volte funziona: nel senso che storicamente spesso donne hanno fatto quanto gli uomini chiedevano loro (mamma, pulisci tu perché io non so più dove mettere le mani), e nei molti casi in cui hanno avuto successo sono state immediatamente estromesse dallo scenario successivo... che a suo tempo si è trasformato di nuovo in una discarica tossico-nociva e via così.

Può darsi, anche se l'erosione della memoria è una costante per mantenere gli attuali assetti di potere, che echi di ciò risuonino nelle mente delle donne italiane. Ma credo che il principale motivo del “silenzio delle donne” sia la sordità di quelli e quelle che ora ne stanno disquisendo con gran sofferenza e sfoggio intellettuale. Lo stesso giornale in cui oggi si piange ha pubblicato per un decennio articoli e commenti sul cosiddetto post-femminismo: e nessuno dei comunicati, delle lettere, degli annunci, dei resoconti delle femministe (gliene ho spediti un bel po' anch'io); ha strillato, come tutti gli altri quotidiani, “dove sono le femministe?” ogni qualvolta si è dato un caso di violenza di genere, e non ha riportato in cronaca una sola delle iniziative antiviolenza delle donne; ha suggerito che assassinare una figlia “ribelle” sia semplicemente una pratica culturale che confligge con il concetto “occidentale” di diritti umani; ha recensito con favore e zelo testi singhiozzanti sulla “mascolinità in pericolo” e la ricerca degli spermatozoi perduti; ha rubricato come “drammi della gelosia” i vari episodi di femminicidio avvenuti nel nostro paese; ha tenuto bordone, come diceva mia nonna, a vari tentativi di limitare o impedire la libertà di scelta delle donne, purché venissero operati dalla parte politica di riferimento.

Scusatemi, ma per quale motivo una donna scontenta di come vanno le cose attualmente (e credo che siamo in tante) dovrebbe ritenervi interlocutori privilegiati o sensibili? Lasciando da parte la questione della violenza di genere, come state coprendo la protesta contro le leggi razziali in Italia?

Vi siete accorti che sta accadendo qualcosa, o visto che quel qualcosa non è sponsorizzato dal partitone non vale niente ed è meglio non parlarne?

Aprite un dibattito su “il silenzio dei giornali”, “il silenzio dei giornalisti”, “i problemi d'udito e di vista dei professionisti dei media”, “la tendenza alla pecoraggine nel mondo dell'informazione”. Chissà che non vi venga qualche idea. Poi, se è un'idea sensata, vengo anch'io a ripulire la vostra spazzatura, promesso.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza, 5 settembre 2009)


Articoli correlati

  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy