Venerdì , 22 Febbraio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gila Svirsky. Licenza di uccidere
18 Luglio 2010
 

Yelena è stata pugnalata a morte proprio sopra le nostre teste. Non ho udito le sue grida, come è accaduto ad altri vicini di casa, ma sono stata svegliata alle 4:30 del mattino dalla polizia che tentava di buttar giù la mia porta, credendo fosse quella del suo appartamento.

Quando l'hanno trovata, al piano di sopra, era già morta; giaceva in una pozza di sangue, ferita al collo ed al petto, con due figliolette di 7 ed 8 anni terrorizzate al suo fianco, ed un compagno che sosteneva di averla uccisa per legittima difesa, perché lei “lo aveva assalito”.

Non importa che ormai Yelena fosse di casa al rifugio per donne maltrattate, e che lo avesse denunciato per aggressione già tre volte. Non importa che lei fosse trentunenne, bassa e minuta, e lui un alto e solido cinquantenne. Ha dovuto pugnalarla innumerevoli volte per “proteggere se stesso”.

Vorrei dire una parola sulla cultura della violenza che sta crescendo attorno a noi, in Israele, negli Usa, e ovunque persone e nazioni pensano di poter risolvere problemi alzando un coltello o un fucile.

L'assassinio, in tutte le sue molte forme (crimine, omicidio politico, attentato suicida, guerra contro il terrorismo), non funziona. Perché no? Perché uccidere distrugge sempre più di quanto salva. Distrugge la vittima, distrugge le famiglie della vittima e del perpetratore, distrugge masse di passanti innocenti, e manda il messaggio che la violenza è legittima, invitando nel contempo al prossimo round della stessa.

Chiedetelo ai sopravvissuti palestinesi dell'appartamento su cui un terrorista ha lanciato una bomba da una tonnellata, e li ha lasciati a contare i cadaveri di coloro che amavano uccisi da quella bomba. Chiedetelo ai genitori israeliani che tentano di rimettere insieme i pezzi delle loro vite dopo che un attentato suicida ha sventrato un autobus. Chiedetelo a coloro i cui cari sono stati spazzati via nelle Due Torri. O ai bimbi iracheni che vivono a Falluja, dove i soldati statunitensi hanno dato loro una dimostrazione di come si porta la democrazia nel mondo.

Ogni uccisione è un crimine. E le uccisioni perpetrate dai governi diventano modelli da imitare per altri, ovunque i leader politici pratichino o condonino la violenza. Negli ultimi anni, mentre i palestinesi giustamente cercano l'indipendenza dall'occupazione ed il governo israeliano tenta di impedirla, la violenza è cresciuta esponenzialmente da ambo le parti. I risultati non sono solo più morti durante le azioni politiche, e più amarezza e più odio, ma anche maggior violenza nella società civile. In Israele abbiamo avuto più stupri, più omicidi di donne da parte dei loro partner, più bambini violenti nelle scuole.

La connessione fra la “guerra al terrorismo” e l'aumentata violenza nelle strade, nelle case, nelle scuole, non è una coincidenza. Una cultura della violenza filtra nella società quando i suoi leader usano la forza per risolvere i problemi. Questa cultura della violenza, che allenta le briglie all'uso della forza, non è un'invenzione della tv o dei film (che certamente la propagano) ma comincia con l'esempio personale di coloro che influenzano i nostri valori e le nostre norme: genitori, leader politici, le nazioni più potenti sulla terra. Cosa possiamo mai imparare quando una superpotenza, con tutti i mezzi immaginabili a disposizione, usa la violenza?

Perciò, quando pensiamo a come mettere fine alla violenza contro le donne, io dico che non possiamo liberarcene senza mettere in questione anche l'esempio dato dallo stato. Quando il potere e la violenza dominano la strategia politica, ai governi viene conferita la licenza di uccidere, e questo arriva fino a noi, fino agli appartamenti sopra le nostre teste.

 

Gila Svirsky

Traduzione di Maria G. Di Rienzo

(testo e immagine da Lanuvola's Blog, 15 luglio2010)

 

 

Gila Svirsky vive a Gerusalemme, è impegnata nella Coalizione di donne per la pace, ed è una delle figure più note del movimento per la pace in Israele.


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Mariolina Nobili. Violenza o nonviolenza?
  Mao Valpiana. Il Movimento Nonviolento compie 50 anni
  Maria G. Di Rienzo. Ma la mamma no
  Pasquale Pugliese. 55 anni dopo, c’è sempre più bisogno di nonviolenza
  We Are Church con papa Francesco per la nonviolenza. Buon Anno!!
  Peppe Sini. Hiroshima sul lungomare di Nizza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy