Domenica , 25 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
Uniti come il papà voleva fosse unita la sua famiglia...
Uniti come il papà voleva fosse unita la sua famiglia... 
16 Ottobre 2008
 

C'erano una volta le parole. Le ascoltavi e le leggevi, ci riflettevi su.

Potevano commuoverti, o mandarti in collera, o divertirti, o spingerti a prendere decisioni. Le parole avevano dei significati. Ricordate quei tempi?

Sui quotidiani gli articoli potevano piacerti o meno, contenere menzogne o verità, pure erano scritti in modo da non sfuggire ai significati delle parole. C'era una bambina che leggeva quegli articoli, mi viene ora in mente, e che pensava con ammirazione alle persone che avevano scritto così bene tutte quelle parole: “Bisognerà essere molto intelligenti e studiare a fondo per diventare giornalisti”. Oggi, va da sé, l'ex bambina la pensa in tutt'altro modo, però continua ingenuamente a inorridire e ad indignarsi di come i massacri del senso coprano i massacri dei corpi.

*

Ecco come cominciava un pezzo su un giornale nazionale qualche giorno fa: «Uniti. Così li hanno trovati insieme. Uniti come il papà voleva fosse unita la sua famiglia». A cosa vi fa pensare tale incipit, cosa vi viene in mente? Che qualcuno ha trucidato un'intera famiglia, forse per rappresaglia contro il padre. Invece è stato quest'ultimo a prendere i suoi figlioletti di 3 e 7 anni a martellate, ne ha dato notizia ai parenti, e poi si è ucciso. Altri articoli sulla vicenda si aprivano con frasi tipo “Un compagno e un padre esemplare”, “Non accettava la fine della relazione”, “In preda a raptus”, eccetera, eccetera (come disse Ambrose Bierce, «la sanità mentale è quella condizione che precede e segue immediatamente un omicidio»).

Adesso qual è l'immagine che vedete? Un galantuomo disperato, ridotto a tale follia dalla donna che voleva lasciarlo. Magari voltate pagina, perché siete di fretta o perché la storia è troppo triste. Certo è che ormai avete individuato il colpevole, anzi “la” colpevole, e non era il maggiordomo né, stranamente, quello che aveva il martello in mano. Le altre notizie dovreste cercarle più in basso, a fine colonna, dove leggereste ad esempio che il padre in questione aveva alle spalle un divorzio e un'altra figlia: stante il fatto che le relazioni a due si fanno funzionare o fallire in due, credete ancora che quest'uomo non avesse nessuna responsabilità nel fallimento delle proprie? Questo non toglie nulla alla pietà umana per una persona che ha violentemente messo fine alla propria esistenza, e però tale compassione non mi acceca al punto da non vedere che prima di suicidarsi la stessa persona ha ucciso due bambini a colpi di martello.

Il raptus. Il raptus gli fa montare i figli in auto, portarli in una zona dove non verrà disturbato durante gli omicidi, e lo costringe ad alzare ed abbassare ripetutamente il martello. Potete figurarvi la scena? Le piccole braccia che tentano di parare il colpo, gli occhi sgranati, le urla, il pianto? Non si è trattato di uno sparo rapido in testa, i due bambini ci hanno messo un po' a morire. Quanto durano i raptus davvero non lo so, dovremmo chiederlo alla famosa psicologa che a commento di questo fatto di cronaca non ha trovato di meglio che scrivere (in pessimo italiano, tra l'altro) contro la legge 180 ed ha reiterato per tutto il pezzo come «troppi segnali di follia non vengano visti».

Ma chi poteva vederli, signora, in un compagno perfetto e in un padre esemplare che voleva solo l'unità della propria famiglia? Forse la donna che viveva con lui. Forse per questo aveva deciso che era meglio separarsi. Prima che lui facesse del male ai bambini, per esempio. Qualcuno le avrebbe creduto, l'avrebbe ascoltata, o aiutata, se ne avesse parlato? O le avremmo consigliato di sopportare perché tenere unita una famiglia è più importante delle vite di coloro che la compongono? Nessuno degli articoli che io ho letto ha speso una parola di comprensione per la madre dei due piccoli assassinati. L'unica sua frase riportata, tuttavia, l'ho capita benissimo: «Me li ha uccisi tutti e due». Non si tratta di un errore, leggetela bene: li ha uccisi “a me”, per fare del male a me, per vendicarsi di me. Un gran bel padre, davvero. E pensare che io giudicavo pessimo il mio, di padre, per la sua abitudine di sfasciare facce e mobili. Direi che è stato solo un po' meno “esemplare”, infatti non ci ha ammazzati.

*

Mi piacerebbe poter sostenere che lo scempio del senso, nella narrazione pubblica, è dovuto solo alla scarsa professionalità dei giornalisti, ma temo che questa si inserisca in un disegno preciso: la riformulazione del senso comune rispetto a tutta una serie di conquiste sociali e politiche. In cima alla lista delle priorità sembra esserci la libertà delle donne. Il 26 settembre u.s. i principali quotidiani italiani riportano senza commento alcuno le esternazioni di un alto prelato italiano, con titoli che variano di poco ed il cui leit motiv è: la pillola anticoncezionale fa male. Il monsignore sostiene che vi sono studi scientifici che lo provano e che vengono tenuti nascosti. Non cita quali studi, fatti da chi, quando, e con che metodi. Né chi li occulta e perché. Nessuno dei sedicenti giornalisti glielo chiede. Nessun sedicente direttore obietta: come posso passarti questo pezzo in cui non c'è uno straccio di evidenza a sostenere le affermazioni del monsignore? E non ti accorgi che c'è un'ipotesi di reato grave non verificata, e cioè il tenere nascosti dati relativi alla salute pubblica? Com'è che non hai chiesto conto di questo, quando tutti gli studi scientifici a nostra disposizione dicono da trent'anni il contrario? Ma se lo scopo è creare allarme sociale rispetto al controllo della fertilità, spingendo le donne a credere di essere in pericolo se usano la pillola, lo scopo si raggiunge strillando i titoli e mistificando. Le opinioni diventano fatti, la direzione politica indicata da monsignore diventa “scienza”.

Nel corso della stessa esternazione, il prelato si rivolge “ai giovani” (citazione letterale): «Tendete ad anticipare molto stili di vita che a lungo andare portano ad annoiarsi. Quando a 15 anni cominciate a vivere con una coetanea come marito e moglie, che accadrà quando ne avrete trenta?».

Permetta che la corregga, sig. giornalista, e creda, lo faccio umilmente. Il monsignore non si è rivolto “ai giovani” intesi come la gioventù italiana composta da ragazzi e ragazze, si è rivolto ai giovani maschi, la sola categoria del gruppo che gli interessi. La sola autorizzata a prendere decisioni in merito di sessualità. La sola che conti. Ed ha suggerito loro la vecchia solfa dell'uomo “cacciatore”. È ovvio che se stai con una tipa da quando avevi 15 anni poi ti stufi, è sempre la solita minestra no? La noia delle fanciulle non è contemplata, si sa che tutto quello che noi vogliamo è un uomo da adorare, a cui stirare le camicie e a cui dare tanti bambini. Sperando che poi non ce li ammazzi in un raptus, ma questa è un'altra storia.

*

E guardate assieme a che altri titoli, lo stesso giorno, appaiono le belle pensate di monsignore: “Al Mi-Sex le donne nude entrano gratis”; “Bruni nuda scomparsa dalla mostra”; “Ripa di Meana e l'amore per un trans”; “Che beffa per Ronaldo: la sua ultima fidanzata è una escort di lusso”; “La capigliatura del premier” (probabilmente quest'ultimo è l'articolo più osceno del mazzo).

Ciò che l'informazione consuma è del tutto ovvio: consuma l'attenzione di chi la riceve. Quando un mucchio di informazione-spazzatura riempie le nostre teste, perdiamo le notizie vere.

Naturalmente chiunque di noi può cambiare canale, voltare pagina e persino coprire le “notizie” sullo schermo del computer con una mano mentre legge la posta dal server, ma questo non cambia il fatto che milioni di altri italiani vengono nel frattempo ipnotizzati da questo tipo di “informazione”.

C'è una guerra in Afghanistan in cui il nostro paese è coinvolto e noi non ne sappiamo niente. Non sappiamo niente di dove va a finire l'immondizia ammassata sulle strade del napoletano. Non sappiamo niente dello stato reale del nostro paese, in termini economici e sociali. Siamo sommersi da corpi nudi, corpi massacrati, corpi infiocchettati di lustrini, corpi imprigionati, corpi privi di vita. Corpi muti di donne e parole di uomini.

Non so voi, ma io da tempo soffoco come se mi trovassi dentro ad un film horror.

A volte, nel tentativo di respirare, cercavo le notizie cosiddette “scientifiche”, ma ho dovuto arrendermi. Hanno la stessa fattura delle notizie su Ronaldo. Gli articoli sulla sonda Phoenix, al lavoro su Marte, mi hanno dato il colpo di grazia: la sonda ha recuperato ed analizzato un metro cubo di suolo marziano, trovandolo ricco di sostanze alcaline (per cui potrebbe sostenere la vita), ed il titolo del pezzo sul giornale è “Si potrebbero piantare asparagi su Marte”. Eh, gli affari sono affari, vedi come la mano invisibile del mercato si protende attraverso le stelle.

Potremmo costruire sul pianeta rosso centri di detenzione abusiva (pardon, di soggiorno temporaneo) per immigrati e deportarvi gli insegnanti in soprannumero della riforma Gelmini, e tutti potrebbero coltivare asparagi in allegria.

*

Quanto ho me, visto che la lingua italiana mi sta abbandonando, sto imparando il cinese. La parola per “buono” (il suono è un “ho” di gola) è composta dai segni che indicano una donna e un bambino insieme. Penso che sarebbe fantastico se quella donna fosse felice, su un pianeta che la rispetta e la ama e che lei ama e rispetta; sarebbe fantastico se quel bambino crescesse sino a diventare un uomo che ama e rispetta i suoi simili e le sue simili. Ma temo che molto prima di vedere quel giorno vedrò qualcuno mangiare asparagi marziani.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Nonviolenza. Femminile plurale, 16 ottobre 2008)


Articoli correlati

  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Valter Vecellio. Il Vaticano impazzito
  Contraccezione e procreazione responsabile. Bene la campagna della Puglia
  Vincenzo Donvito. Contraccezione e informazione. La solita tragedia
  26 settembre, giornata mondiale della contraccezione
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Depressione post partum o disperazione da ignoranza e abbandono?
  Danila Celant. Affermazioni reazionarie e banali, quelle di papa Benedetto XVI
  Ru486. Metodo già previsto in legge. Contraccezione, clandestinità e obiezione di coscienza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy