Lunedì , 18 Febbraio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
22 Novembre 2009
 

Allego il volantino di un'iniziativa organizzata per il 28 novembre e colgo questa occasione per aggiungere alcune riflessioni sulle ultime informazioni... Nell'attuale tristissimo panorama politico penso che sia utile per tutti aprire spazi di dialogo con impegno appassionato e stile pacato. Al di là delle dichiarazioni penso che il modo di fare le cose segnali l'autenticità degli intenti. Partire dalla concretezza delle situazioni, materiali e spirituali, più che dalla declamazione dei principi.

Apprezzo poco il modo in cui viene condotta la battaglia contro il crocefisso o contro il vaticano perché favorisce schieramenti e rafforza il loro potere, simbolico e pratico.

Se l'intenzione è politica nel senso nobile della condivisione e non solo un'esigenza di “mostrare i muscoli”, peraltro poco in forma, penso siano più utili in questo momento le forme dell'indifferenza o dell'ironia nell'espressione pubblica e invogliare la pratica della coerenza nelle scelte personali. Non si tratta di stare in silenzio, ma di trovare l'oggetto e il modo che davvero inducano alla riflessione e sgretolino l'arroccamento.

Spesso i crocefissi sono rimasti nei luoghi pubblici, scuole comprese, per la stessa forma di pigrizia per la quale gli arredamenti sono sempre gli stessi. Così può capitare che in una scuola nuova, come la mia, nessuno acquisti crocefissi e di fronte alle rimostranze del solito insegnante di religione si risponda che di questi tempi i soldi si spendono per cose utili e non decorative. È accaduto qualche anno fa, ma se parte la battaglia sul crocefisso il rischio è che diventi oggetto di collegio docenti.

Vorrei invece convincere tutte le persone che amano la democrazia del fatto, provato, che i figli e le figlie non soffrono se non fanno l'ora di religione, anzi, hanno così un'occasione di dialogo con i genitori e un piccolo spazio tutto per sé nella scansione oraria della scuola. Meno insegnanti di religione sarebbe un bel risparmio di soldi e non ne soffrirebbe la cultura.

A chi mi diceva a suo tempo che l'ora di religione avrebbe introdotto la “morale” i tempi hanno già risposto e l'attuale amoralità è certamente anche frutto della doppia morale che si insegna fin da piccoli proprio attraverso la pratica dell'asservimento ad una pratica devozionale vuota di significato come l'ora di nulla. Con buona pace anche delle colleghe e colleghi di religione, convinti di fare del bene accettando un lavoro fondato sul privilegio e inventandosi la materia da insegnare pur di ottenere l'attenzione e la disciplina dei disinteressati discenti.

Non creiamo noi un interesse dove in genere c'è solo annoiata obbedienza a genitori un po' confusi. Semmai cerchiamo di rendere diverse tutte le altre materie, ma questo è un problema ben più grande e, mi pare, molto molto più urgente.

 

Rosangela Pesenti



Plaudo al commento di Rosangela, che mi pare puntualissimo e ricco. Io pure mi diverto alle battute degli Atei agnostici ecc., ma le trovo poco utili, spesso costruiscono schieramenti lì dove stava passando indifferenza e noia. Comunque il Crocefisso, che non è un bel simbolo per una religione che si proclama salvifica, fu di fatto imposto dopo che l'imperatore Costantino lo usò per metterlo sulle sue bandiere quando -essendo in guerra contro Massenzio- lo sconfisse sul Ponte Milvio a Roma e per sfruttare il potere religioso insieme a quello politico, si inventò che al momento della vittoria era comparsa in cielo sopra le sue bandiere la scritta: «In hoc signo vinces», “Sotto questa insegna si vince!” 

Dunque il Crocefisso non indica né la salvezza, né l'umanità del Cristo come nome del Cristianesimo, bensì il potere politico-religioso simboleggiato dalle guerre dette “sante”, una delle peggiori bestemmie che si possano pronunciare nel nome di Gesù Cristo. A lungo, e ben prima che dal Crocefisso, il Cristianesimo fu simboleggiato dal Buon Pastore che è già testimoniato nelle catacombe, e molto più tardi, forse anche in polemica col Crocefisso, dal Bambin Gesù nel presepio, inventato da san Francesco d'Assisi, nel secolo XIII, come simbolo di povertà e pace: «Gloria a Dio nell'alto dei cieli e pace in terra agli uomini che vogliono il bene!». San Francesco fu molto curioso dell'Islam e andato in Terrasanta incontrò il Saladino (che aveva sconfitto i Cristiani) e si intesero così tanto che i Francescani furono da allora riconosciuti come custodi del santo sepolcro dai Mussulmani, mai cacciati né perseguitati. San Francesco si oppose sempre alle Crociate. 

Il Cristianesimo è molto più ricco di storia di quanto non credano i nostri concittadini e contemporanei, magari anche un po' ignoranti in fatto di storia delle religioni (che infatti manca nel piano di studi di tutte le scuole italiane). E non può essere sostituita da un'ora di catechismo cattolico, o da un'ora di nulla, tenuta da insegnanti nominati dal Vescovo, e che non hanno fatto nessun concorso e non possono nemmeno essere “tagliati” e vengono fatti diventare di ruolo con un privilegio intollerabile. Sarebbe ben più utile fare una bella proposta di insegnamento della storia delle religioni insieme alla storia politica generale e che la storia delle religioni diventi una parte del programma della scuola pubblica e sia insegnata in modo adeguatamente critico.

 

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Scuola e Costituzione. Il giudice spagnolo, l'Avvenire, Calderoli
  La fede si vive nelle coscienze... / Traguardo di civiltà la pronuncia della Corte Europea dei diritti dell'uomo
  La sentenza di Strasburgo sul Crocifisso: un’offesa al “buon senso”?
  Attilio Doni. Ai cristiani che vogliono il crocifisso nelle aule scolastiche o sulla bandiera
  Crocifisso. Senatori Radicali interrogano Maroni su sicurezza famiglia ricorrente
  Vacanze in Montenegro. Re Nicola più avveduto del Consiglio di Stato
  Rosario Amico Roxas. 21 novembre 2009: Lettera aperta al sig. Papa
  Un David H. Thoreau a Rimini. È il giudice Luigi Tosti, che si batte per una giustizia autenticamente laica
  Paolo Diodati. Risarcimento per danni morali
  Rossella Baldini. Crocifisso simbolo religioso o laico?
  Vittorio Giorgini: Il Crocifisso
  Marco Cappato. Crocifisso: da Mussolini a Bossi (Renzo) non è detto che la tragedia si riduca a farsa
  “Scuola e Diritti”. La libertà in croce
  Renato Pierri. Un discorso dal Crocifisso
  Le quotidiane ferite alla laicità dello Stato
  La sentenza della Corte europea sul crocifisso al Consiglio comunale di Morbegno
  Vincenzo Donvito. Crocifisso a scuola. Corte Strasburgo lo condanna. E ora che farà il nostro Stato?
  Antonia Sani. In difesa del professor Coppoli
  “Scuola e Diritti”. La libertà in croce
  Carlo Oliva. Arredi controversi
  Rosario Amico Roxas: Il Crocifisso come tradizione.
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  ONU. «Lo stupro è guerra»
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy