Martedì , 25 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
22 Febbraio 2010
 

La violenza sessuata non è più emergenza; a clamori spenti la parola stessa viene sostituita con “tutto a posto”. Nel nostro Paese, sempre, o è emergenza o è tutto a posto.

È un inganno non nuovo, ma la storia che si ripete è sempre una caricatura del passato. Una tragica caricatura. La connivenza Istituzionale sulla subalternazione violenta delle donne è espressa a nostri giorni mettendo una tragica maschera ridanciana allo sciovinismo maschilista di sempre.


La vicenda di Taurianova, e i giornalisti fanno nome e cognome della vittima, è una tragedia lunga sei anni. Sei anni nei quali una donna ha vissuto reclusa, diffamata e perseguitata. Nessuno le ha più dato lavoro, trasformandola in un'ospite indesiderata a casa sua. Sola contro l'omertà del paese.

La vicenda è una delle tante, che ci hanno sollecitate a smentire che per le donne sia tutto a posto.

Da quando abbiamo sollevato il velo delle contraddizioni sulla responsabilità pubblica, non abbiamo mai smesso di pensare che nonostante le parole, quella responsabilità non è agita dallo Stato.

Abbiamo scritto una proposta di legge per sostanziare la responsabilità pubblica: una legge sul risarcimento delle vittime delle violenze sessuate, attraverso la formazione di un fondo pubblico.

Le norme auspicate non mirano alla monetizzazione del danno, ma alla valorizzazione sociale del coraggio, per esempio, dell'allora tredicenne vittima di Taurianova.

Le norme auspicate non si sostituiscono ad una legge organica contro le violenze, semplicemente ne anticipano la parte irrimandabile.

Da quando abbiamo resa pubblica la nostra legge, sempre più spesso, senza nominarci, nell'ordinaria strumentalizzazione delle cronache, si dice che è già possibile essere risarcite, che è possibile avere coraggio perché c'è la legge sugli atti persecutori.

Sempre la vicenda di Taurianova dimostra il contrario, e cioè che in questi sei lunghi anni una giovane donna è stata sola, abbandonata dallo Stato e dalla sua comunità che ancora è corroborata da un pensiero condiviso di ingiuria per le vittime. Dice ancora che non si può arrestare diffidare una comunità, ma si deve promuovere l’immagine sociale della vittima, esaltare il valore sociale dei suoi gesti. La costruzione di un pensiero ormai condiviso di condanna per le mafie, è avvenuta per la consapevolezza che parallelamente all’inasprimento delle pene, andava promossa l’immagine sociale della vittima e del suo coraggio.

Ci vuole tempo per cambiare, nulla avviene automaticamente in conseguenza del varo di una norma, ma da qui bisogna cominciare.


È possibile essere risarcite, oggi, ma davvero non si coglie la differenza questo ed il fondo pubblico? Tra una lite privata e l'espressione pubblica dello stare dalla parte della vittima?

Non si può monetizzare appunto, ma la legge vigente lo fa.

E che dire della dimensione associativa automatica del crimine, dell'omertà, della strutturalità degli usi convenuti, che prevedono prima lo stupro e poi l'alienazione di ogni bene e della possibilità di conquistarlo.


Continuiamo ad affermare l’esigenza di una legge organica, e non pensiamo sia contraddittorio anticiparne una parte: lo abbiamo fatto per infrangere le regole che ancora permettono alla politica di smembrare la nostra difesa:come ha fatto approvando la legge sugli atti persecutori senza sostenere concretamente le donne. La giusta punizione del colpevole, inasprendo le pene, doveva prevedere atti patrimoniali e protezione non assistenziale per le vittime. L'esempio dell'ex coniuge è illuminante: la reclusione è un buon motivo per non versare gli alimenti.

Noi vogliamo andare verso l'eliminazione di quel meccanismo perverso basato su leggi che mentre puniscono il colpevole, costringono la vittima ad identificarsi in un modello di vita dipendente da percorsi di accompagnamento obbligato (per altro impropriamente finanziati). Questo non significa il superamento delle competenze dei veri centri antiviolenza.

Significa liberarli dalla clandestinità delle vittime e dalla loro povertà materiale.

Noi sappiamo di dover andare sempre oltre.


L’obiettivo di tutto questo è far discutere una legge dando forza ai suoi contenuti. Il percorso della legge d’iniziativa popolare e quello, scelto in alternativa, di chiamare alla condivisione alcune parlamentari, non tolgono nulla alla “laicità” dell’altro.

Le esperienze di 50e50, propositiva dell’UDI, e quella precedente sulla violenza sessuale hanno avuto un grande significato, hanno richiesto un impegno anche esso produttivo di consapevolezze.

Nel caso della seconda citata, le parti abrogative hanno naturalmente provocato l’abolizione di norme come il matrimonio riparatore, l’eccesso di mezzi di correzione ecc. Per quanto riguarda le parti propositive, come anche sarà per 50e50, il passaggio in commissione è previsto obbligatoriamente, lì i parlamentari devono essere coinvolti e i comitati, naturalmente, devono contattarli, non solo per vigilanza sui tempi. Infatti le commissioni rielaborano, e i parlamentari chiedono la calendarizzazione.

La pressione sui parlamentari è indispensabile, tanto che un progetto costato fatica e denaro può rimanere nel cassetto anche per 17 anni, come è avvenuto, per l’ormai superata legge d’iniziativa femminista sulla violenza sessuata presentata nel 1980.


Quando abbiamo scelto la modalità della richiesta di sottoscrizione e coinvolgimento di alcune parlamentari, lo abbiamo fatto su alcuni punti non negoziabili, ed abbiamo costruito una relazione basata sulla convinzione dell’interlocutrice espressa pubblicamente.


I passi successivi, cioè le azioni per dare visibilità e concretezza alle volontà che si saranno espresse, saranno certamente un’altra fatica ed un’altra sfida.


Stefania Cantatore


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy