Venerdì , 26 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
07 Febbraio 2011
 

Per Clara, accoltellata dal marito, mentre andava a fare il suo lavoro di donna delle pulizie, perché voleva la separazione (Napoli, luglio 2010).

Per Teresa, freddata da colpi di pistola a trent'anni, stesso motivo, omicida il marito (Milano, settembre 2010).

Per Anna, alla cui casa l'ex compagno ha dato fuoco, procurandole ustioni gravi sul 50% del corpo (Roma, luglio 2010).

Per un'altra Anna, uccisa per strada a colpi di pistola, mentre portava in braccio la figlioletta di un anno e mezzo (Foggia, settembre 2010).

Per Cesarina, che mostrava quotidianamente i suoi lividi e che nessun politico filantropo ha soccorso, uccisa di botte dal compagno a 47 anni (Pisa, agosto 2010).

Per Anna Rosa, vittima di un tentato omicidio che l'aveva mandata in coma nel 2005, ed uccisa cinque anni dopo con un coltello da macellaio: opere del suo ex che lei aveva denunciato più volte e che per averla ridotta in fin di vita aveva scontato solo quattro mesi di carcere grazie ai “benefici” di legge provvisti dall'attuale governo (Matera, dicembre 2010).

Per la ragazza marocchina, sfigurata dal lancio di acido muriatico, che non è “nipote di Mubarak”, che nessuno ha intervistato, nessuno ha richiesto nelle discoteche o per gli spot pubblicitari, di cui nessuna consigliera regionale si occupa (Milano, agosto 2010).

Per la giovane rumena torturata per sei mesi, da un uomo con il doppio della sua età che aveva respinto, prima che i vicini di casa decidessero di mettere fine a quelle urla fastidiose chiamando la polizia (Roma, settembre 2010).

Per la studentessa di 22 anni, che dopo essere stata violentata nel parcheggio della discoteca da una guardia giurata, ha dovuto subire anche l'oltraggio della “difesa” di costui: “Credevo fosse ubriaca” (Venezia, agosto 2010).

Per la ragazzina di 13 anni violentata per mesi da un gruppo di giovanotti che si premuravano di riprendere gli stupri con i telefonini (Bari, dicembre 2010).

Per le due ragazze a cui un pregiudicato (condannato 26 volte, e persino per stupro di minore, ma a piede libero) ha dato fuoco, urlando ad una di loro: “O mia o di nessuno” (Torino, maggio 2010).

Per le due bimbe che hanno subito per anni, ogni giorno, le violenze sessuali loro inflitte dal nonno (Avellino, gennaio 2011).

Per le due quattordicenni ridotte a “schiave sessuali” da quattro loro coetanei (Brindisi, dicembre 2009).

Perché se la fidanzata ti lascia, puoi essere così arrabbiato da uccidere la prima donna che vedi per strada (Milano, agosto 2010).

Per tutte le giovani ed i giovani che hanno partecipato a concorsi pubblici ma non erano cubiste, soubrette, veline o parenti di qualche politico, e quindi non li hanno vinti.

Perché l'Italia ha il primato europeo delle molestie sessuali sul lavoro: 10 milioni e 485 mila donne italiane che hanno subito molestie fisiche, molestie verbali, pedinamenti, atti di esibizionismo, telefonate oscene, o ricatti sessuali nei loro luoghi di lavoro (Istat, 2009).

Perché il tasso di inattività femminile italiano nel 2009 (48,9%) è il secondo nell'Unione Europea, inferiore solo a quello di Malta, ed una donna su due ha rinunciato a cercare lavoro (Istat, 2010).

Perché ai problemi delle madri lavoratrici il governo in carica ha risposto consigliando di “usare” le nonne (“Italia 2020. Programma di inclusione delle donne nel mercato del lavoro”, 2010, documento co-firmato dalla Ministra Carfagna e dal Ministro Sacconi).

Perché i rifugi e i centri antiviolenza sono costretti a chiudere per la mancanza di fondi: quelli che il governo delle “riforme” aveva promesso e non ha mai dato.

Perché il 4 febbraio scorso una diciassettenne si è impiccata nel bagno della scuola: riteneva che il suo corpo non rispondesse agli standard richiesti dalla cultura dominante, quelli delle pubblicità, quelli dei festini ad Arcore e a Palazzo Grazioli, quelli dei programmi televisivi, quelli richiesti per esistere come donna a qualche livello, per essere viste, per essere considerate.

Ecco perché vado in piazza con le altre donne, e spero con altri uomini, il 13 febbraio prossimo.

Per far cominciare la primavera.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 7 febbraio 2011)


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Monica Lanfranco. Come sarò in piazza il 13 febbraio
  Rosangela Pesenti. Inclusione
  Rosangela Pesenti. Lenzuola alle finestre
  Se non ora quando? Itineranze in Valtellina e Valchiavenna
  Vittoria Longoni. Domande varie sulla manifestazione del 13 febbraio
  Lidia Menapace. Meraviglioso 13 febbraio!
  Lidia Menapace. Costruiamo una cultura politica molteplice
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy