Domenica , 25 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
22 Luglio 2008
 

Io non credo alle “donne” come soggetto unico. Siamo differenti l'una dall'altra: i nostri interessi, le nostre speranze, i nostri desideri differiscono. Le circostanze in cui ci troviamo, le nostre prospettive, le risorse che abbiamo a disposizione, sono diverse. Non ho mai pensato di parlare in nome e per conto delle donne: le domande che faccio alle strutture di potere le faccio come femminista, e cioè sapendo che per quanto noi si parli con voci differenti, si abbiano esperienze differenti e si viva in condizioni differenti, tutte dobbiamo confrontarci con ingiustizie e violenze di genere.

In Italia, per esempio, tendiamo assai frequentemente a morire d'amore. Nel senso che ci uccidono fidanzati ed ex fidanzati, mariti ed ex mariti, amici ed amanti (o aspiranti tali). La percentuale degli uomini che muoiono in questo modo, e cioè uccisi da una donna che ha detto loro o continua a dir loro di amarli, è statisticamente uno zero virgola zero qualcosa all'altra estremità dello spettro. Ovvero, un'eccentricità sulla normalità: la normalità è che sono le donne a morire ammazzate. Non che questo tolga nulla alla gravità dello zero virgola; mi preme solo sottolineare che il divaricamento della forbice è così ampio da non permettere di liquidare la questione con il solito “Anche le donne lo fanno, quindi il problema non esiste, o meglio, non è un problema di genere”. Sarebbe come dire: alcuni schiavi hanno pur ammazzato i loro padroni, che legalmente avevano la facoltà di ucciderli e la usavano, e quindi il problema non è la schiavitù.

Le teorie correnti, quelle che vi vengono propinate da televisione e giornali, sono arcinote. Le donne muoiono ammazzate perché i loro compagni hanno avuto un raptus, erano depressi, stavano per essere “lasciati” o lo erano già stati, erano disoccupati (e se invece erano imprenditori avevano difficoltà economiche, e se erano benestanti e tutto gli andava a gonfie vele si torna al raptus...). Comunque, una volta dato conto che gli uomini non sono responsabili degli omicidi di donne anche quando li pianificano, le notizie svaniscono. Non sapremo mai più nulla. Leggiamo un nome di donna in un articolo, sotto il titolo “Dramma della gelosia”, in cui assassino e assassinata vengono posti sullo stesso piano nella riscossione del nostro cordoglio, e poi quel nome si dissolve come si è dissolta un'esistenza. A volte quel nome neppure appare: ho dozzine di trafiletti con “cinquantenne uccisa dal marito”, “giovane assassinata dall'ex fidanzato”.

È per questo che oggi io mi trovo in un corteo di fantasmi.

Naturalmente è doloroso, e preferirei fare altro. Non conoscevo nessuna di loro, ed è probabile che con molte, quando erano vive, non sarei andata affatto d'accordo. Eppure sono tutte qui. Apparse per un giorno su una pagina di giornale, e poi non abbastanza interessanti per consentire alla cronaca di occuparsene ancora: nessun frisson di droga, serate “trasgressive”, cugine veline e avvocati da talk show. Intellettuali, politici e predicatori vari non mi hanno inviato nessun appello da firmare, non hanno convocato nessuna manifestazione, non hanno detto una sola dannata parola delle tonnellate con cui mi investono di solito, ad esempio per salvare i pesci dalle reti a strascico (e io sono d'accordo, però vorrei che salvassimo anche le mogli dei pescatori).

Le donne per cui abbiamo fallito sono tutte qui, e chiedono di non essere dimenticate. Giustizia, compensazione, comprensione? Loro non ne avranno più: chi ne ha bisogno sono coloro che le amavano davvero, e coloro che neppure le hanno mai sentite nominare ma rischiano di fare la stessa fine domani.

*

Ricordatele. Leggete questi nomi a voce alta. Non vi prenderà molto tempo, si tratta solo della prima fila del corteo:

Rosaria Morra, 48 anni, 25 luglio 2007. Sgozzata dal marito, davanti ai quattro figli, perché costui credeva che lei lo tradisse.

Marisa Molinari, 51 anni, 14 settembre 2007, uccisa a bastonate dall'uomo con cui non voleva continuare ad avere una relazione.

Sara Wasington, 22 anni, 30 settembre 2007, uccisa a pugni da un pretendente che rifiutava.

Marianna Manduca, 32 anni, 4 ottobre 2007, ammazzata a coltellate per strada, dall'ex marito da cui si era separata da tempo.

Francesca Catalano, 38 anni, 26 novembre 2007, strangolata dal marito.

Delia Cosettini, 35 anni, 4 dicembre 2007, ammazzata a colpi d'arma da fuoco, dal marito, assieme al loro bimbo di quattro anni.

Giovanna Toscano, 24 anni, 16 dicembre 2007. Uccisa a coltellate, assieme al figlioletto di quattro mesi, dal convivente.

Alina Clara Bulal, 21 anni, e Ionica Urda, 20 anni, 5 gennaio 2008, sgozzate con un rasoio dal convivente della prima.

Teresina Vanzan, 64 anni, 31 gennaio 2008, uccisa a fucilate dal marito.

Mariarosa Nugnes, 30 anni, 21 febbraio 2008, uccisa in un agguato a colpi d'arma da fuoco, in strada, dal marito.

Anna Maria Fanelli, 44 anni, 10 marzo 2008, legata al letto dal marito che poi le sfonda la testa a martellate (uccise con lo stesso mezzo anche le due figliolette della coppia).

Maria Manetto, 61 anni, 16 marzo 2008, uccisa a colpi di arma da fuoco dall'uomo con cui aveva avuto una relazione.

Laura Forcellini, 36 anni, 24 aprile 2008, ammazzata a coltellate dal marito.

Agnese Schiopetti, 27 anni, 26 maggio 2008, strangolata e poi gettata nel lago d'Iseo dal marito.

Alessandra Mainolfi, 21 anni, 9 giugno 2008, uccisa a coltellate dall'uomo con cui aveva una relazione.

Chiara Bernardi, 25 anni, 13 giugno 2008, uccisa a fucilate dall'ex convivente.

Antonia Maria Sangiovanni, 53 anni, 21 giugno 2008, investita con l'auto, mentre era in bicicletta, dall'uomo con cui aveva avuto una relazione: rialzatasi ferita ha tentato di fuggire, ma e' stata inseguita e finita a coltellate.

Immaginatele: Marisa che va al lavoro, Sara che il lavoro lo sta cercando, Delia che porta il piccolo all'asilo, Anna Maria che aiuta le bambine a fare i compiti, Agnese in fabbrica che contratta per le ferie, Alessandra che ride con le amiche. Guardatele. Bionde o brune, o spruzzate di grigio, in jeans o in tailleur, guardatele camminare per le vostre strade. Siete i loro genitori, i loro figli o le loro figlie, i loro colleghi o le loro colleghe.

Siete quelle o quelli che le incontrano all'edicola, alla fermata dell'autobus, dal panettiere, all'ufficio postale. E alcune vi sono simpatiche, e altre per niente, e altre ancora vi sono indifferenti. Adesso pensate: sono tutte state assassinate. Quel che sapete subito, d'istinto, è che ognuna ha lasciato dietro di se' qualcuno che la rimpiange, che pensa continuamente a ciò che ha perduto, che avrebbe voluto sanare quel litigio, o condividere quella gioia, ma non c'è più tempo. Lei è morta “d'amore”, e non tornerà.

*

In Italia la violenza è la prima causa di morte o invalidità permanente delle donne tra i 14 e i 50 anni. Ogni giorno, in Italia, sette donne sono prese a botte, oppure sono soggette ad ingiurie ed abusi. Quattro stupri (denunciati) al giorno, in Italia, il che se la matematica non è un'opinione o il fumo di un raptus fa 1.460 stupri l'anno, di cui il 6% opera di estranei, e più del 70% opera di coniugi o ex coniugi, partner o ex partner. Oltre due milioni di donne all'anno, in Italia, subiscono il cosiddetto “stalking”, e cioè comportamenti persecutori da parte di un compagno da cui si sono separate (non pensate solo alla telefonata minacciosa o insultante: si tratta anche di pedinamenti, danneggiamenti di automobili ed abitazioni, piazzate e percosse in pubblico, maltrattamenti a parenti ed amici, eccetera). Dal 2006 al 2007 gli atti di violenza contro le donne sono aumentati, in Italia, del 22%.

Ditemi, vi sembra un problema oppure no? Mi piacerebbe saperlo. Mi piacerebbe sapere se stasera ci sono solo io, con gli occhi pieni di lacrime, a stringere mani fantasma.

 

Maria G. Di Rienzo

(da Voci e volti della nonviolenza, n. 203 del 22 luglio 2008)


Articoli correlati

  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Maria G. Di Rienzo. Film
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy