Venerdì , 24 Maggio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Utili risorse
25 Maggio 2011
 

Nel maggio dello scorso anno, un consiglio di chierici afgani a Herat emana una fatwa che proibisce alle donne di viaggiare. A meno che non siano accompagnate da padre o fratello o altro mahram (parente non sposabile), spiega il capo del consiglio Muhammad Kababeyane, le donne che viaggiano da sole sarebbero in fallo anche se stessero facendo il pellegrinaggio alla Mecca. Inoltre, aggiunge, non dovrebbe essere loro permesso di usare cosmetici fuori dalle mura di casa propria.

Chiusura: il fiero consiglio “non intende chiudere gli occhi sulla situazione” e chiede al governo di emanare le leggi necessarie. Quindi, il peggio che Kababeyane e i suoi accoliti vedono in un paese occupato militarmente, devastato da trent'anni di guerra, tuttora non unito e teatro di scontri armati, dove la maggioranza delle persone non ha ancora accesso ai servizi di base e non ha cibo sufficiente, cos'è? Il fatto che una donna viaggi da sola, magari con un po' di rossetto sulle labbra.

 

Sempre nel 2010, a novembre, il consiglio locale di Baliayan, Uttar Pradesh, India, bandisce l'uso del telefono cellulare alle giovani donne non sposate: il problema è che tramite telefono si mettono d'accordo con gli uomini che amano e li sposano anche se ambo le famiglie sono contrarie, spesso rompendo le divisioni di casta. Ai giovani scapoli l'uso del cellulare è permesso, dice il portavoce del consiglio Satish Tyagisi, si consiglia però ai genitori di vigilare. L'India ha seri problemi di povertà, discriminazione, dissesto ambientale, femminicidio, ma a Baliayan hanno individuato il più grave e urgente: il fatto che una donna sposi chi vuole.

 

All'inizio di quest'anno, in gennaio, il gruppo islamista al-Shabab che controlla gran parte del centro e del sud della Somalia (il paese non ha un governo unico e stabile sin dal 1991), proibisce le strette di mano fra uomini e donne nella città di Jowhar. Maschi e femmine che non siano parenti non possono altresì camminare insieme o parlare insieme in pubblico. Il gruppo ha in precedenza bandito, nell'area, l'ascoltare musica e il suonarla. Gli ultimi vent'anni di scontri fra gruppi “insorgenti” in Somalia hanno prodotto un milione di morti ed un milione e duecentomila rifugiati interni. Un terzo del paese morirebbe letteralmente di fame se privo degli aiuti umanitari. Ma la cosa impellente qual è? Impedire alle persone di stringersi le mani.

 

È difficile trovare una spiegazione razionale agli eventi citati, però mi rifiuto di credere che tutti questi decisori siano mentalmente labili, incapaci di intendere o sotto l'effetto costante di stupefacenti. Voi capite, per esempio, che quando si deve imporre un comportamento per legge questo comportamento non ha niente a che fare con gli usi o le tradizioni. Al nostro governo, che pure di idiozie ne fa parecchie e persino di criminali, non verrebbe mai in mente di imporre per decreto che gli italiani mangino spaghetti: il piatto fa parte della nostra tradizione culinaria e lo mangiamo già senza bisogno che nessuno ci obblighi. Quindi la scappatoia consueta, “sono i loro diversi costumi che siamo tenuti a rispettare”, non funziona. Non va bene neanche la fuga in seconda battuta, “è la loro religione, sono obblighi di fede”, perché sfido chiunque a trovare nei testi sacri la prescrizione dell'accompagnamento coatto in viaggio e del matrimonio forzato, o il bando della stretta di mano.

L'unica idea che ho al proposito è questa: i religiosi afgani, i consiglieri indiani, i guerriglieri somali la rovina che hanno intorno la vedono sin troppo bene. Sanno anche di esserne corresponsabili, ma non hanno il coraggio di affrontare la situazione, di rivedere mezzi e scopi, di ammettere errori e di emendarli. Le risorse materiali a loro disposizione sono scarse e ciò fa sì che si sentano sia impotenti sia minacciati. La gente che vogliono “guidare” in un senso o nell'altro potrebbe pensare, e financo dire, che loro non stanno facendo proprio niente per il benessere generale. Allora finiscono per chiedersi: cosa c'è a disposizione per stornare l'attenzione, chi possiamo biasimare affinché il biasimo non cada su di noi?

Sono più di vent'anni che sento rubricare le donne sotto la voce “risorse non utilizzate”. Vedete bene che è una menzogna, vero?

 

Maria G. Di Rienzo

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 25 maggio 2011)


Articoli correlati

  Maria G. Di Rienzo. Il coltello nel ventre
  Maria G. Di Rienzo. Biancaneve e i sette minatori verticalmente svantaggiati
  Maria G. Di Rienzo. Un miliardo di donne che danzano
  Maria G. Di Rienzo. Sally che ha vinto la propria vita in tribunale
  Camilla Spadavecchia. I costi della violenza coniugale per i bilanci nazionali dei Paesi europei
  Maria G. Di Rienzo. Film
  “Piccole” notizie di cui non si parla (o si parla poco)
  Sondrio. L’insostenibile silenzio sulla violenza…
  Maria G. Di Rienzo. Il 13 febbraio in piazza per far cominciare la primavera
  La contraddizione principale e la contraddizione originaria
  Paola M. De Maestri. Donne al bivio, una società da rifare
  Tra moglie e marito non mettere il dito
  Stop alla violenza sulle donne. Domenica in piazza a Morbegno
  Miriam Della Croce. Guai ad innamorarsi di un islamico
  Lidia Menapace. Femminicidio
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Renato Pierri. La profezia di Virginia Woolf
  Maria G. Di Rienzo. Preferisco i lupi
  Maria G. Di Rienzo. Veleni per bambine Spa
  Maria G. Di Rienzo. Fioco lume
  Francesca Ribeiro. La Ru486 in Vaticano
  Renato Pierri. Qualche pensiero a seguito di una notizia di scarsa importanza
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Miscellanea per un discorso da comunisti/e
  Attilio Doni. Una donna docile, malleabile, remissiva, la si può “amare”, senza problemi
  Attilio Doni. A immagine e somiglianza di chi?
  Normanna Albertini. Di quanti otto marzo ci sarà ancora bisogno?
  Stefania Cantatore. Se qualcuno dicesse… Sul risarcimento pubblico alle violenze sessuate
  Jimmie Briggs. Fare spazio alla luce
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  “Stop violenza sulle donne”. Verso l'8 marzo...
  Renato Pierri. I morti, ne sono certo, amano il silenzio
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Sabina Amidi. Le 'sposavo' prima dell'esecuzione
  Maria G. Di Rienzo. Un corteo di fantasmi
  Karen Russo. Una piccola grande attivista
  Renato Pierri. Non si uccide per amore
  Eve Ensler. Il giorno V compie dieci anni
  Francesca Ribeiro. RVP, ronde volontarie paoline (non padane!)
  Maria G. Di Rienzo. Maryam
  Emma Bonino. Stop alle mutilazioni genitali femmini
  Maria G. Di Rienzo. Elogio dell'idiota
  UDI Napoli. Piove, femminismo ladro!
  Usciamo dal silenzio. Fiaccolata a Sondrio “Contro la violenza sulle donne”
  Per troppe donne la violenza è pane quotidiano
  “Usciamo dal silenzio”. Regione Lombardia: un documento dalla Commissione pari opportunità
  Maria G. Di Rienzo. Il dolore degli altri
  Maria G. Di Rienzo. Del femminismo, ovviamente
  Maria G. Di Rienzo. 167 dollari al mese
  Basta sangue nel nome della tradizione e della religione. Libertà per le donne migranti!
  Usciamo dal Silenzio. Onorevole Carfagna, si dimetta!
  Barbarah Guglielmana. Il muro delle donne
  Maria G. Di Rienzo. Distinguere vittime e carnefici, nominare la violenza e contrastarla
  Holly Kearl. La strada e le donne
  Di pedofilia, di pederastia e di violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Il mondo chiude un occhio
  Maria G. Di Rienzo. Dead women walking
  Risposta di Lidia Menapace agli anarchici torinesi sull'insinuante patriarcato
  “Non tacere la violenza”. Due manifestazioni e un Comitato
  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Maria G. Di Rienzo. Mutande rosa
  UDI. Alice è entrata nel paese degli orrori
  Alice Suella: "Ascolto femminile". Un forum da visitare.
  Maria G. Di Rienzo. Asparagi su Marte
  Tua e Le Altre. “Contro la violenza alle donne”
  Maria G. Di Rienzo. Violenza di genere
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo tabù
  Gila Svirsky. Licenza di uccidere
  Maria G. Di Rienzo. Il silenzio dei giornali
  Usciamo dal Silenzio. Un documento e un manifesto per le amministrative 2009
  Rosangela Pesenti. Precipitare di comportamenti nella barbarie di un'indifferenza torva
  Camilla Spadavecchia. Ancora una conferenza per dire no alla violenza contro le donne ed essere consapevoli
  Maria G. Di Rienzo. L'era dell'assurdo
  Martina Simonini. Il corpo delle donne. E quello degli uomini
  Maria G. Di Rienzo. Chi deve cambiare
  Yoani Sánchez. Violenza domestica, silenzio letale
  Valentina Vandilli. Flash Mob ad Anagnina: contro la violenza sulle donne
  Maria G. Di Rienzo. Ci sono altre voci
  ONU. «Lo stupro è guerra»
  Maria G. Di Rienzo. Ho quasi le lacrime agli occhi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy