Sabato , 15 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Annagloria Del Piano. Quell'Italia che è stata sconfitta
15 Aprile 2008
 

E rieccoci, dunque, nelle mani di Berlusconi.

La “pancia del Paese” - come l'ha definita oggi su Repubblica Massimo Giannini - è con lui.

Questo il verdetto, che lo si condivida o no: il popolo sovrano ha scelto lui. Lui, che resta l'uomo che più l'ha convinto, anche ora che non parla più di miracoli. Anche se, in questa campagna elettorale, ha più volte affermato di non disporre più di bacchette magiche.

Ci risiamo, e per la terza volta. Incuranti del personaggio, avvoltolato nelle sue tormentate vicende giudiziarie; incuranti del conflitto di interessi che continua a rappresentare. Nonostante l'exploit degli ultimi giorni antecedenti le elezioni, quando ha definito il suo ex stalliere e guardia del corpo Mangano - uomo al soldo della mafia, con anni di carcere alle spalle, condannato a due ergastoli in primo grado nel 99 poco prima di morire - niente meno che un eroe.

Nonostante si sia pronunciato contro chi si è messo ad indagare le esemplari forze dell'ordine del G8, anziché condannare chi ha sfasciato la città di Genova, dimentico di quanto è emerso al processo - non certo con la necessaria eco - circa le torture di Bolzaneto, da parte di poliziotti, carabinieri e perfino medici...

Sì, l'Italia è nelle mani di Berlusconi; il campione degli italiani furbi, di quelli che, quando non pagano le tasse, è perché son troppe e troppo esose, di quelli che difendono le sue ripetute gaffes perché sono solo ironiche battute da guascone, per lo più fraintese dalla stampa di sinistra. (anche quelle che han danneggiato seriamente trattative delicate - vedi Alitalia - o offeso categorie di persone, lavoratori o interi elettorati...)

E chi l'ha votato non ha evidentemente avuto perplessità circa un partito che è nato in maniera autocratica dal predellino di un'automobile. Ha messo da parte le convinzioni storico-patriottiche di cui si faceva vanto (vedi l'elettorato di Fini) per sacrificarle volentieri al cavalierato del suo leader. La Resistenza verrà eliminata dai programmi scolastici? l'unità d'Italia sarà vanto anacronistico da scrollarsi di dosso in nome del federalismo alla Bossi? il divario nord-sud incrementato ancor più?

Certo, una parte d'Italia avrà quel che ha dimostrato di volere. Sarà l'Italia populista, pronta a scaldarsi per un'ICI in meno da pagare o a “decidersi” dopo la promessa di un bollo-auto eliminato (MA forse, solo se il tesoretto davvero ci sarà, MA so già che non ci sarà perché Veltroni è un bugiardo!... MA quindi, scusi, come si eliminerà il bollo? resta da chiedersi...), l'Italia insofferente alle regole e diffidente nelle istituzioni, l'Italia che in nome di quelle ed altre tasse in meno da versare è pronta a non interrogarsi su come si possano trovare i denari per coprire quei 33,9 miliardi di promesse fatte!

E non si lamenti del futuro andazzo quella parte dell'Italia che ha preferito non schierarsi, quelli che non han frapposto ostacoli, che han deciso per il non-voto al motto scontato del "son tutti uguali" o seguendo le ragioni di un'antipolitica alla Grillo che ha fatto più male che bene, se non è stata capace di apprezzare chi - Veltroni - alcune di quelle istanze (le sole attuabili in un sistema che comunque si basa su una società democratica da amministrare) per primo ha fatto proprie, proponendole in una campagna elettorale che in pochi mesi ha comunque convinto uno zoccolo duro vicino al 34% dei voti.

Andrà avanti, il PD, crescerà come ha dimostrato nel panorama politico e sarà quel partito riformista che serviva, serve e servirà sempre più, ci si può scommettere. Le radici son state messe, il vecchio schema spiazzato. Di quest'Italia che si avvia verso un sistema veramente bipolarista si deve dar merito a Veltroni.

E si dovrà interrogare anche l'elettorato della sinistra alternativa, quella che ha creduto di essere rappresentata dall'Arcobaleno: una coalizione per quattro sigle accomunatesi in corner. PDCI, Rifondazione, Verdi e Mussi: una coalizione che evidentemente non ha convinto, un'offerta che non ha ben ponderato le proprie possibilità. E che deve imparare ad usare meglio la bilancia quando pesa su di un piatto le proprie supposte coerenze ideologiche e sull'altro la necessità di farsi interprete di una parte di italiani. Italiani che non vivono anch'essi “all'opposizione” sotto l'aura protettiva di chissà quale “intoccabile coscienza di sinistra”, ma al contrario devono fare i conti con il Paese come tutti, standoci al meglio, che diventa meglio possibile, non con niente del tutto visto che chi li rappresenta è intento a mantenersi puro (mentre comunque può dormire sonni tranquilli) intanto che loro restano con le pance vuote. In questo ha ragione Maroni: gli operai, molti, si rivolgono alla Lega. Non sarà che alle sinistre alternative si guardi da una privilegiata condizione radical-chic?

Ad esser stata sconfitta è l'Italia dei lavoratori, della legalità, della giustizia, dell'attenzione al sociale. L'Italia che comunque in molti continueremo ad auspicare per i nostri figli.

 

Annagloria Del Piano


Articoli correlati

  Niccolò Bulanti. «Cosa ci aspettiamo da lui». Sulle elezioni italiane 2008
  Enrico Letta a Sondrio venerdì. Un'intera giornata in provincia
  Maria Antonietta Farina Coscioni. «Per ogni nuova legge, abroghiamone 10!»
  Rosangela Pesenti. Pensare in piccolo, agire in tempo...
  Lidia Menapace. Voti dannosi
  Benedetto Della Vedova. Più vicini alle grandi democrazie
  Elisabetta Zamparutti. Sulla mia candidatura in Basilicata
  Emma Bonino. Radicali in Parlamento: 6 eletti per scelta determinata, 3 “per caso”
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Valter Vecellio. Appunti per una campagna elettorale
  Valter Vecellio. L’ordine impartito è: far fuori Pannella e i radicali
  Elezioni. Territorio al centro delle scelte delle candidature
  Valter Vecellio. Hanno ragione Veltroni e Rutelli
  Maria G. Di Rienzo. Elezioni. Prime risposte verso il 2 marzo
  Mao Valpiana. Un vero evento politico
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Donne e uomini di Sinistra chiedono al PD di valutare la possibilità di unirsi in coalizione con i Radicali
  Luciano Canova. Le valigie da preparare
  Marco Pannella sulle candidature radicali nel Pd
  Elezioni. Appello dei radicali per 'aprire' il PD e concorrere alla sua vittoria politico-elettorale
  Valter Vecellio. Unn’è cosa di spartiricci u pani ‘nzemmula
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Rita Bernardini e Marco Cappato. Meno efficace di un'alleanza riformatrice, ma accettiamo impostazione per un accordo con il Partito Democratico
  Michele Boato, Maria G. Di Rienzo, Mao Valpiana. Crisi politica. Discutiamone il 2 marzo a Bologna
  Accordo Pd-Radicali: Appello per rispetto "parola data"
  Maria G. Di Rienzo. Una proposta semplice. Come sono le liste che io vorrei
  Il Palazzo, Antigone e il programma di sinistra
  SÌ e NO della Sinistra
  Marco Lombardi. Basta Vincere. Un messaggio socialmente devastante
  Valter Vecellio. Il “laikoonte” di Giorgio Forattini, un’email, e gli sms di un amico
  Marco Pannella. Sono d’accordo con base e sviluppi dell’intesa con il Partito Democratico e con Walter Veltroni
  Valter Vecellio. Gli affetti e i concetti
  Pd. Candidature in provincia di Sondrio
  Marco Cappato e Rocco Berardo. Lettera aperta a Gavino Angius
  “Famiglia Cristiana”. I risultati di un sondaggio sul numero in edicola e attacco all'intesa Pd/Radicali sul prossimo
  Mao Valpiana. Il voto è mio e lo gestisco io
  Emma Bonino. Alcuni punti chiave della nostra posizione e delle nostre proposte
  Tutti e nove i candidati radicali nelle liste del PD eletti
  Marco Pannella. Con Walter senza riserve
  Lidia Menapace. Divagazioni
  UDC. Dalle urne una grande sorpresa
  Radicali: «Sì all'accordo col Partito democratico»
  Candidati coi controfiocchi. Il caso Andrea Verde nella circoscrizione estera per il “Popolo della Libertà”
  Valter Vecellio. La difficile scommessa che siamo chiamati a giocare
  Matteo Mecacci. Veltroni come Obama? Una falsificazione politica e giornalistica
  Elezioni 2008. I nomi dei nove Radicali candidati nelle liste del Partito Democratico
  Valter Vecellio. La penisola che c’è. Don Antonio Sciortino, “Famiglia Cristiana”, le scomuniche
  Benedetto Della Vedova e Peppino Calderisi eletti con il Popolo della Libertà. Gli intenti dei “Riformatori Liberali”
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Silvio Viale e Igor Boni. Elezioni: sconfitta terapeutica
  A Parigi e in Valtellina per un'Italia europea
  Stasera Emma Bonino a Ballarò
  Elezioni Basilicata. Elisabetta Zamparutti: «Cercherò di dare un contributo al rinnovamento della politica lucana»
  Bruna Spagnuolo. Auguri agl’Italiani e… - Tellusfolio elezioni 2008
  Elezioni 2008. Sulla marginalità delle donne
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy