Giovedì , 09 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. La difficile scommessa che siamo chiamati a giocare
29 Febbraio 2008
 

Par di capire che i radicali si siano “venduti”, per l’equivalente di un piatto di lenticchie. Par di capire che l’accordo elettorale con Walter Veltroni e il Partito Democratico sia una “svendita” dei valori, dell’identità, della storia stessa dei radicali. Par di capire, insomma, che i radicali stiano pregiudicando in modo irreparabile il loro essere, la loro stessa ragione costitutiva.

Figuriamoci: ma è evidente che la mancanza di un simbolo radicale nella scheda è cosa che brucia. Altrettanto brucia il veto a Marco Pannella e a Sergio D’Elia. Chiunque abbia voglia e pazienza di ascoltare gli interventi ai lavori dei Comitati di Radicali Italiani e dell’Associazione Luca Coscioni, si renderà ben conto di come la cosa sia vissuta e dei travagli che comporta. Con tutto il rispetto per i “mal di pancia” (e chi scrive li rispetta considerandoli anch’essi dati politici meritevoli della massima considerazione), la questione, però, così è mal posta.

 

Si potrà o no condividere la scelta di perseguire un’intesa con Veltroni e il PD. Ma occorrerà tener presente che a queste elezioni si va con una legge elettorale (il famoso “porcellum”) che lascia ben poche possibilità a quelle forze politiche che “corrono” da sole. A questo punto si potrà legittimamente obiettare: meglio soli che mal accompagnati, anche se questa “solitudine” comporta la ragionevole certezza che non si sapranno superare gli sbarramenti elettorali e si resterà fuori dalle istituzioni.

Benissimo. Si può anche decidere di giocare una scommessa che ha pochissime o nessuna possibilità di essere vinta, e moltissime di vederci fuori da Camera e da Senato. La “purezza” radicale non ne verrebbe intaccata. Ma sommessamente: non pare davvero che una pretesa “purezza” radicale sia la questione essenziale.

Nella passata legislatura, sotto le bandiere della Rosa nel Pugno, furono eletti diciotto deputati, e scippati quattro senatori. Gli equilibri parlamentari di quella legislatura sono noti e conosciuti. Nove deputati erano espressione socialista; due, Turci e Buglio, venivano dai DS e quasi subito hanno deciso di percorrere altre rotte; sette deputati radicali, dunque, con Emma Bonino ministro, e Capezzone presidente della Commissione attività produttive; quest’ultimo, quasi subito, in rotta di collisione con il gruppo dirigente radicale. Alla fine, sei deputati. Bene, questa esigua presenza da una parte non ha svenduto o pregiudicato alcun valore, alcuna identità, alcun “vissuto” radicale. Hanno anzi arricchito e impreziosito la nostra storia, e si ammetterà che tra le non molte cose positive del governo Prodi ce ne sono sicuramente due che portano il timbro radicale: la moratoria per le esecuzioni capitali nel mondo votata dall’assemblea generale dell’ONU; e il bilancio più che positivo – in termini politici, di considerazione internazionale e di economia – del ministero guidato da Emma Bonino. Poi si potrebbero fare altri esempi: la quotidiana, positiva azione di Marco Beltrandi, per quel che riguarda le vicende relative alla RAI e all’informazione in genere; l’efficace azione di contrasto in materia di politica economica contro le scelte conservatrici della sinistra comunista dei Diliberto e dei Giordano… Insomma, la presenza nella maggioranza della “pattuglia” radicale (che peraltro non aveva, giova ricordarlo, alcuna voce in capitolo al Senato), è stata significativa e importante. Ci sarà senz’altro chi obietterà che “si doveva”, “si poteva”, “non è sufficiente” e quant’altro. Ma la politica radicale è sempre stata quella paziente e ostinata della goccia che scava, non dell’assalto ai palazzi d’inverno.

 

Siamo all’oggi. Figuriamoci se è questione di assicurare una “poltrona” a Emma Bonino o a Rita Bernardini (foto), per fare due nomi. Si aveva bisogno di arrivare al 2008 per porsi il problema di una “poltrona” o di uno “sgabello”? Ma davvero si pensa che non si sono avute maggiori e migliori occasioni, se questa fosse stata l’intenzione? E davvero si ha così poca considerazione di quello che siamo – e così poca memoria di quel che si è saputo essere – per essere presi dal dubbio che ci si “svenda”? Davvero una storia di cinquant’anni non significa nulla, il “fare” e il “fatto” di Pannella, Bonino e di tutti noi è così irrilevante, se poi oggi si può credere che non si è altro in attesa che di quel piatto di “lenticchie”?

Se si decide di giocare la partita – e che sarà difficile, complessa non c’è dubbio – è perché si ritiene che questo paese abbia necessità vitale di una politica riformatrice e liberale, e che nelle istituzioni ci sia bisogno di una presenza politica che questa politica riformatrice e liberale la incarna. Per questo si pagano dei “prezzi”, e si accettano umiliazioni. A chi in questi giorni sostiene che i radicali sono un qualcosa di “comprato” e “venduto”, si suggerisce cautela: chi dice (e magari qualcuno spera), che i radicali sono in svendita, avrà modo di ricredersi. Poco (forse), ma sicuro.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 28 febbraio 2008)


Articoli correlati

  Elezioni. Appello dei radicali per 'aprire' il PD e concorrere alla sua vittoria politico-elettorale
  Valter Vecellio. Appunti per una campagna elettorale
  Valter Vecellio. L’ordine impartito è: far fuori Pannella e i radicali
  Rosangela Pesenti. Pensare in piccolo, agire in tempo...
  Lidia Menapace. Voti dannosi
  Rita Bernardini e Marco Cappato. Meno efficace di un'alleanza riformatrice, ma accettiamo impostazione per un accordo con il Partito Democratico
  Valter Vecellio. Hanno ragione Veltroni e Rutelli
  Emma Bonino. Radicali in Parlamento: 6 eletti per scelta determinata, 3 “per caso”
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Silvio Viale e Igor Boni. Elezioni: sconfitta terapeutica
  Valter Vecellio. Gli affetti e i concetti
  Mao Valpiana. Il voto è mio e lo gestisco io
  Maria G. Di Rienzo. Elezioni. Prime risposte verso il 2 marzo
  Mao Valpiana. Un vero evento politico
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Elezioni. Territorio al centro delle scelte delle candidature
  Donne e uomini di Sinistra chiedono al PD di valutare la possibilità di unirsi in coalizione con i Radicali
  Luciano Canova. Le valigie da preparare
  Marco Lombardi. Basta Vincere. Un messaggio socialmente devastante
  Marco Pannella sulle candidature radicali nel Pd
  Michele Boato, Maria G. Di Rienzo, Mao Valpiana. Crisi politica. Discutiamone il 2 marzo a Bologna
  Marco Cappato e Rocco Berardo. Lettera aperta a Gavino Angius
  Maria G. Di Rienzo. Una proposta semplice. Come sono le liste che io vorrei
  Il Palazzo, Antigone e il programma di sinistra
  SÌ e NO della Sinistra
  Enrico Letta a Sondrio venerdì. Un'intera giornata in provincia
  Benedetto Della Vedova. Più vicini alle grandi democrazie
  Radicali: «Sì all'accordo col Partito democratico»
  Marco Pannella. Sono d’accordo con base e sviluppi dell’intesa con il Partito Democratico e con Walter Veltroni
  Maria Antonietta Farina Coscioni. «Per ogni nuova legge, abroghiamone 10!»
  Elezioni 2008. Sulla marginalità delle donne
  Elezioni 2008. I nomi dei nove Radicali candidati nelle liste del Partito Democratico
  Annagloria Del Piano. Quell'Italia che è stata sconfitta
  Pd. Candidature in provincia di Sondrio
  “Famiglia Cristiana”. I risultati di un sondaggio sul numero in edicola e attacco all'intesa Pd/Radicali sul prossimo
  Elisabetta Zamparutti. Sulla mia candidatura in Basilicata
  Emma Bonino. Alcuni punti chiave della nostra posizione e delle nostre proposte
  Stasera Emma Bonino a Ballarò
  Elezioni Basilicata. Elisabetta Zamparutti: «Cercherò di dare un contributo al rinnovamento della politica lucana»
  Accordo Pd-Radicali: Appello per rispetto "parola data"
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Marco Pannella. Con Walter senza riserve
  Lidia Menapace. Divagazioni
  UDC. Dalle urne una grande sorpresa
  Matteo Mecacci. Veltroni come Obama? Una falsificazione politica e giornalistica
  Candidati coi controfiocchi. Il caso Andrea Verde nella circoscrizione estera per il “Popolo della Libertà”
  Valter Vecellio. La penisola che c’è. Don Antonio Sciortino, “Famiglia Cristiana”, le scomuniche
  Benedetto Della Vedova e Peppino Calderisi eletti con il Popolo della Libertà. Gli intenti dei “Riformatori Liberali”
  Valter Vecellio. Il “laikoonte” di Giorgio Forattini, un’email, e gli sms di un amico
  Niccolò Bulanti. «Cosa ci aspettiamo da lui». Sulle elezioni italiane 2008
  A Parigi e in Valtellina per un'Italia europea
  Valter Vecellio. Unn’è cosa di spartiricci u pani ‘nzemmula
  Bruna Spagnuolo. Auguri agl’Italiani e… - Tellusfolio elezioni 2008
  Tutti e nove i candidati radicali nelle liste del PD eletti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy