Sabato , 23 Febbraio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Raniero La Valle. La legge beffa
05 Maggio 2009
 

Ci fu, nel 1953, una legge che fu detta truffa, perché assegnava un piccolo premio di maggioranza alla coalizione di partiti che nelle elezioni politiche avesse raggiunto almeno il 50 per cento dei voti più uno. Si trattava di rafforzare una maggioranza assoluta già espressa dagli elettori nelle urne; e tuttavia, in tempi di proporzionale, quello fu ritenuto un sopruso, la soglia del 50 per cento non fu raggiunta da nessuno, e la legge perciò cadde nel vuoto. Per la DC (e per l’Italia) fu una felice sconfitta: perché, venuta meno la blindatura di una maggioranza quadripartita di centro, la vita politica riprese vigore, e prima fu avviato il centro-sinistra, con cui furono guadagnati all’area di governo i socialisti, poi fu avviata la politica culminata nel “compromesso storico”, con cui alla governabilità democratica fu recuperato l’elettorato comunista; e in quei decenni l’Italia ebbe quello straordinario sviluppo civile, economico e sociale che la portò tra le maggiori nazioni dell’Occidente.

Oggi abbiamo in vigore una legge elettorale che dà una enorme maggioranza alla coalizione di liste che anche con una semplice maggioranza relativa, ben inferiore al 50 per cento, abbia ottenuto più voti; ed è questa la legge per cui oggi Berlusconi con i suoi parlamentari, assegnatigli d’ufficio (senza neanche preferenze), fa il bello e il cattivo tempo nel Parlamento e nel Paese. Questa legge, tanto peggiore di quella del 1953, fu detta e ancora è chiamata “porcellum”.

Ma la manipolazione elettorale non doveva finire qui. È stato infatti promosso dai patiti del bipolarismo, e si voterà il 21 giugno, un referendum che cancella l’ipotesi di un voto dato alla coalizione, suppone che ogni partito corra da solo e trasferisce il premio di maggioranza a quella singola lista che abbia avuto più voti di ciascuna delle altre. Lo scopo è di cancellare, nel Parlamento e nel Paese, tutti i partiti ad eccezione di due.

È del tutto evidente che il partito beneficiario di questa elargizione sarebbe quello di Berlusconi, che già ha riunito in un’unica schiera tutti i suoi alleati tranne la Lega; il Partito Democratico, da solo, non potrebbe mai aspirare a ottenere un tale risultato. Per Berlusconi sarebbe la certezza di un potere a tempo indeterminato. Lui stesso lo ha riconosciuto, dicendosene grato. Alla domanda se avrebbe votato “Sì” al referendum per la modifica della legge elettorale, ha detto: «Sì, certo, la risposta è ovvia. Il referendum dà un premio di maggioranza al partito più forte, e vi sembra che io possa votare no?». Non sono un masochista, ha spiegato, osservando, come per una cosa ovvia: «Puoi domandare all’avvantaggiato di votare no per un vantaggio che gli altri ti regalano e potrebbe essere confermato dal popolo?». No, non glielo puoi domandare. Resta da capire perché gli si vuol fare questo regalo, che certo egli non merita, il regalo più grande e decisivo dopo quello delle frequenze televisive tolte a suo tempo al servizio pubblico.

Ma a questo punto alla truffa subentra la beffa. Perché sul voto del 21 giugno è partita sulla stampa una mistificazione colossale. Giocando sul fatto che il referendum è abrogativo, si dice infatti che con il “Sì” verrebbe abrogata la legge “porcellum”, mentre è chiaro che ne verrebbe soppressa solo una norma, col risultato di fornire alla legge nel suo complesso l’avallo del voto popolare, rendendola nel contempo ancora più indecente. Ma non basta: il Partito Democratico, che da questo risultato sarebbe travolto, ha annunciato che voterà a favore; e nella meraviglia generale ha spiegato che con la vittoria del “Sì” la legge diverrebbe così brutta, che a quel punto sarebbe giocoforza modificarla in Parlamento. Il ragionamento è pretestuoso e di un politicismo della peggiore specie: pronunziarsi per una cosa per averne invece un’altra. Ai tempi della politica colta, questo si chiamava machiavellismo. Ma è un’illusione, perché è del tutto chiaro che ottenuto il regalo, gli “avvantaggiati” si guarderebbero bene dal rimetterlo in gioco, e oggi il Parlamento è loro. Come ha detto Bossi: «Se la sinistra vota Sì, Berlusconi vincerà per sempre».

Quindi col referendum non sarebbe macellato nessun “porcellum”, mentre non si farebbe altro che portargli ghiande e altre leccornie per un pasto ancora più abbondante. E resterebbe la legge beffa: per la quale sarebbero beffati gli elettori, che voterebbero non più per una pluralità di liste e partiti ma per un partito unico; beffato il Partito Democratico, che con le sue mani si sarebbe procurato la propria rovina, e beffati gli italiani che avevano voluto costruire la democrazia e si troverebbero a votare, un’altra volta, per un regime.

 

Raniero La Valle

(per il n. 10 di Rocca)


Articoli correlati

  Giuseppe Civati. A proposito delle commissioni (e della legge elettorale)
  Benedetto Della Vedova. Difendere il bipolarismo
  Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  Claudia Osmetti, Domenico Letizia. Doveri di Libertà
  La soluzione per la legge elettorale che aspettiamo da otto anni
  Uninominale e maggioritario. Il sistema elettorale radicale
  Anna Finocchiaro e Luigi Zanda. Forse non tutti pensano che il Porcellum vada archiviato
  LeG. Mai più alle urne con questa legge
  Arriva col treno l'ultimo numero del GAZETIN
  ADUC. Tagliare il numero dei Parlamentari?
  Critica liberale. Riforme elettorali ed istituzionali
  Claudio Madricardo. “L’Italicum come il Porcellum. È incostituzionale”
  Andrea Pertici. Il pasticcio sulla legge elettorale e le prospettive per l’immediato futuro
  A Roma il 20 febbraio, Assemblea per l'Uninominale
  Francesco Verducci. Abrogare il Porcellum e tornare alla “legge Mattarella”
  Lidia Menapace. Oltre gli auguri: vi parlo del sistema elettorale
  MayDay! 'Allarme rosso' per la legge elettorale
  I vescovi ci indicano la retta via proporzionale per le migliori istituzioni?
  Giuseppe Civati. Breve riflessione politica sulla legge elettorale
  Martina Simonini. Così è se vi pare (o anche se non)
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  Andrea Ermano. Il percorso misterioso
  Marco Pannella. L'uninominale secca
  Lega per l'uninominale. I nuovi organi e le decisioni prese
  Berlusconi e Veltroni favorevoli al maggioritario uninominale
  Enea Sansi. Franceschini, gli impegni, Pannella, il referendum
  Appello per l'uninominale
  Mario Staderini. Come nelle dittature
  Legge elettorale. Sì all’appello di Italia Unica contro Italicum
  Emanuele Rigitano. Sistema elettorale: i particolari faranno la differenza
  Felice Besostri. Un popolo “archepensevole” (in senso orwelliano)
  Lidia Menapace. Quale democrazia?: paritaria, di genere o rappresentativa?
  Valter Vecellio. Riforma americana e anglosassone
  Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  Ricette veloci. 1 - La legge elettorale
  Felice C. Besostri. Prepariamoci a battere il semi-presidenzialismo
  “Non lasceremo sopravvivere questa indegna legge”
  Felice Besostri. Il gioco delle tre tavolette
  Amedeo Barletta. La bozza Vassallo - Ceccanti e l’eterno dibattito sul sistema elettorale
  Vincenzo Donvito. Contro il Parlamento dei nominati dal potere. Non mollare!
  Carlo Forin. Perché voterei No in Catalogna
  Lettera VII. “Elezioni” pro­vin­cia­li: prove tec­ni­che di nuovo Senato
  Giuseppe Civati. Se la mobilitazione muove dal Sud
  Daniele Lugli. A Vicenza anche per tutti noi
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Movimento Nonviolento: Votare Sì il 17 aprile
  Enrico Borg. Giustizia: Se il Pd continua a fare spallucce sui referendum
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Sondrio. Domenica banchetto informazioni 5 Stelle
  Fabrizio Ferrante. Droghe, il governo Letta conferma la linea Serpelloni
  Roberta De Monticelli. Ma perché dici sì a una riforma costituzionale sulla quale sputi?
  Dodici firme per salvare questa Democrazia
  Referendum: “La par condicio non c'entra nulla”
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Stefano Santarossa. Referendum radicali: Casson favorevole alla responsabilità civile dei magistrati
  Lidia Menapace. Referendum
  Francesco Pullia. Se Pannella non mangia
  Valter Vecellio. Referendum: Il paradosso di una sinistra che c’è (ma non c’è)
  Enea Sansi. Combinato (in)disposto
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  L'irriverente e il Referendum trivelle
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  “Nexus causalis”. Io voto NO perché...
  Claudio Protto. Il 17 vota e vota sì
  Sondrio Possibile. Sì al referendum del 17 aprile
  Felice Besostri. Verso il Referendum: Perché No
  Michele Governatori. Referendum “trivelle”: cosa votare?
  I-Lab. Chiavenna: Evento in-formativo sul Referendum costituzionale
  Riprende l'iniziativa referendaria: si firma nei comuni e, sabato, in piazza a Morbegno
  REFERENDUM. Maria G. di Rienzo: una riflessione sulla Costituzione
  Francesco Lena. Re­fe­ren­dum sull’au­to­no­mia della Lom­bar­dia. Il giorno dopo
  Referendum/PD. Staderini alla Festa democratica nazionale di Genova...
  Francesco Cecchini. Lorenzoni Anpi e Puppato Partito democratico
  Primo Mastrantoni. Padania e referendum
  Giuseppe Civati. Il nostro impegno per il no alla riforma costituzionale, e non solo
  Sondrio Possibile. Una promettente sconfitta
  Carlo Forin. Come votano i 'veri' partigiani?
  “Re-nzi-ferendum”. Io voto NO perché...
  Referendum days 14 e 15 settembre: in piazza a Sondrio, Morbegno e Bormio
  WWF: Perché votare il 17 aprile e perché votare Sì
  Valter Vecellio. Condanna di Berlusconi
  Liberodiscrivere regala un libro per il “referendum” 2011
  Radicali Sondrio. 15.000 firme da 1.300 cittadini
  Cappato (Ass. Coscioni): “Bloccato servizio Iene su disabili con Renzi”
  Lucia Salemi. Referendum: emergenza disinformazione
  Vuoi votare per il referendum? Io voto SÌ perché...
  Referendum 12-13 giugno? Parliamone!
  Sondrio. Di nuovo in piazza attivisti 5 Stelle
  Enzo Orsingher. Referendum su Scuola, Italicum, Ambiente e Jobs act
  Marco Gentili. Ospitalità (mancata) alla Festa Democratica di Trieste
  17 aprile 2016. Referendum sulle trivelle in mare
  Marco Morosini. Ma non basta limitare le trivelle in Italia
  “Giù le mani dai referendum sull'acqua!”
  Carlo Forin. Italia 2016-Italia 1948
  Vincenzo Donvito. Viva il referendum
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Lettera a Bertoldo n. 8
  Lettera VII. Lontani dal mare, vicini all’Italia
  Vincenzo Servile. Dopo le amministrative i referendum!
  Lidia Menapace. Esercitare la sovranità popolare: e uno, e due, ecc.
  Morbegno, giovedì 14: aperitivo No-Triv e appello al voto
  Benedetto Della Vedova. Ipocrisie degli astensionisti di ieri e di oggi sui referendum
  Lidia Menapace. La sovranità
  Nuovo sondaggio. Quella piccola ma urgente riforma costituzionale...
  Nichi Vendola firma i referendum radicali
  L'Azione Cattolica invita ad andare al voto per il Referendum del 12 e 13 giugno
  Andrea Ermano. Se voto “No” casca il mondo?
  Lidia Menapace. Periodo sismico
  Marco Lombardi. Trivelle incombono sul potere dello Stato
  Sondrio. Possibile si presenta e parte coi referendum
  “Tutti alle urne per una nuova ventata di libertà, di equità e di giustizia”
  Pietro Yates Moretti. Referendum fallito? Nessuno scagli la prima pietra
  Giuseppe Civati. Andare a votare e votare presto
  Il Presidente incarichi Enrico Letta
  TV. Informazione e referendum: tardi non è meglio che mai
  Lidia Menapace. Il referendum del 17 aprile
  Autonomia di Valtellina e Valchiavenna: Vittoria del NO. La parola ora ai cittadini
  Luciano Angelini. FUKUSHIMA
  Mario Lucchini. L’inghippo
  Le menzogne della Ministra Boschi e del Sen. Mauro Del Barba
  Giannelli. Prognosi riservata
  Renato Pasqualetti. Il dato che emerge è la confusione
  Pietro Yates Moretti. Proposte di legge di iniziativa popolare
  CCCVa / PRC. Sulle conseguenze dei risultati del Referendum a Sondrio e provincia
  Emma Bonino. Con Pisapia una prima, vera, primavera milanese
  Mario Staderini. Referendum: il video della “rapina del voto degli italiani all’estero”
  Stefano Catone. Fuori dalle balle (del referendum lombardo)
  Giuseppe Candido. Stato di diritto e Referendum sulle trivellazioni
  Si firma a Sondrio, sabato in piazza e domenica nel carcere
  Referendum in Comune: “Rai e Tv informino i cittadini”
  I Radicali iniziano una nuova raccolta di firme
  17 Aprile: SÌ al tramonto delle trivelle!
  A Morbegno e a Tirano incontri pubblici del M5S sul referendum costituzionale
  Referendum 12 e 13 giugno. L'illegalità ha passato il segno
  Paolo Diodati. Renzi all’ultima spiaggia: “Senza di Me… il diluvio!”
  12 referendum. I Radicali chiedono l'intervento del Prefetto
  Notizie Radicali. Referendum informato ma non troppo
  Andrea Ermano. Chi dice instabile a chi?
  Carlo Forin. È sbagliato il quesito costituzionale
  Pietro Yates Moretti. Responsabilità civile dei magistrati, bene il voto alla Camera dei Deputati
  Comitato Sondriese per l'acqua pubblica. Dov'è l'uffico d'ambito per il servizio idrico di Valtellina e Valchiavenna?
  Intervallo/ Sillogismi e Casa Pound
  Benedetto Della Vedova sottoscrive a Caorle i 12 referendum radicali
  Primo Mastrantoni. Terremoto ed election day. Il “pizzo” della Lega
  Guido Monti. Quale federalismo?
  Sondrio. PD: 30 milioni per... catturare allodole
  Adriano Celentano. Referendum: “Questo voto è l’unico mezzo per sopravvivere, fidatevi”
  In difesa della natura contro le trivellazioni petrolifere in mare
  Referendum costituzionale del 25 e 26 giugno 2006
  RadicaliSondrio. 12Referendum: Domani a Chiesa in Valmalenco
  Claudia Osmetti. Le cose che ho imparato ai tavoli referendari
  Mario Staderini. Dalle pagine dell'Unità un appello al PD
  Cesare Salvi. Berlinguer e la riforma costituzionale
  Referendum radicali 2013. A Chiavenna l'ultima occasione per Valtellina e Valchiavenna
  Piccoli esperimenti di democrazia
  Elezioni. A Firenze le illegalità: induzione al non-voto referendario nei seggi
  Carlo Forin. L’inferno dei viventi
  Vincenzo Donvito. Referendum. Consigliamo di votare! E di votare due SÌ e due NO
  Milano. Radicali d'aprile
  Enea Sansi. Della tesaurizzazione dei risultati del Refe­ren­dum del 4 dicembre
  L'Anpi provinciale di Viterbo per il Sì al referendum del 17 aprile
  Enea Sansi. Referendari e referendum
  Anche Beppe Grillo a sostegno dei referendum radicali?
  Rita Bernardini. Legalizzazione ad uso terapeutico della cannabis
  Vincenzo Donvito. No tombale al nucleare? No...
  Adesso tocca all'Azienda socio-sanitaria aggiornare il suo Poas
  Piero Sansonetti. La chance di chiudere i conti col vero berlusconismo
  Acqua bene comune. Un grande risultato per la democrazia e la società civile
  28-30 agosto: Referendum in Comune. Firma e fai firmare!
  Referendum, alla tribuna Rai riappare il fantasma della democrazia
  Giuseppe Civati. Decisamente no, contro le leggende metro­po­li­ta­ne, da qualsiasi parte esse provengano
  Referendum, campagna già fuorilegge
  Sondrio 5 Stelle. Vota Sì al Referendum e acqua pubblica
  Quartu Sant’Elena. Il Sindaco firma i referendum radicali
  Lidia Menapace. Le priorità
  Referendum Days e limitazioni alle iniziative referendarie
  RadicaliSondrio. Referendum 2013, a Bormio sabato 3 agosto...
  Si firma per “Ero straniero – L’umanità che fa bene”
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Farmacisti e referendum. Bene gli obiettivi ma attenti alle false sirene
  Radicali Italiani impegnati per la riforma dell'istituto referendario
  Referendum. Contro lo sfascismo, proposte di legge per la riforma
  Carlo Onofrio Gori. Battiquorum
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy