Venerdì , 22 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Farmacisti e referendum. Bene gli obiettivi ma attenti alle false sirene
17 Settembre 2007
 

Notevole mobilitazioni di tre associazioni di farmacisti per impedire che il Senato rispedisca al mittente quel minimo di liberalizzazione che la Camera aveva approvato. La Federazione esercizi farmaceutici (Fef), l'Associazione nazionale parafarmacie italiane (Anpi) e il Movimento Nazionale Liberi farmacisti (Mnlf) fanno benissimo a difendere il voto della Camera che dovrebbe consentire la vendita dei farmaci di fascia C con ricetta anche fuori delle farmacie (anche se poi non potrà essere rimborsato dal Ssn), perché sicuramente è un passo importante per la totale liberalizzazione del settore. Così come fanno bene a chiedere l'abolizione della piana organica delle farmacie e del prezzo fisso dei farmaci. Da parte nostra li supportiamo con la proposta di legge che, presentata da 18 deputati con prima firma quella dell'on. Donatella Poretti (Rnp), è stata depositata col nostro supporto fin da maggio del 2006 e in cui chiediamo che non ci sia l'obbligo del farmacista per vendere i farmaci fuori delle farmacie; proposta supportata anche da una petizione.

Ma c'è un pericolo non indifferente dietro l'angolo nel momento in cui, per cercare di intimorire di più la controparte e imboccare una strada verso l'affermazione delle proprie proposte, si sbandiera l'arma del referendum abrogativo.

Non è bastata la lezione del referendum sulla legge sulla procreazione assistita, dove, nonostante una mobilitazione mediatica non indifferente, il quesito è stato rimandato a casa da un corpo elettorale che ha deciso di non decidere, cioè non partecipando al voto almeno con il 50% piu 1 rendendo invalida la consultazione? L'arma del referendum è spuntata non solo per il quorum, ma anche perché, solo a firme raccolte la Corte Costituzionale si esprime sulla legittima del quesito. E sia pensando bene che male di questa Corte, come già avviene in Svizzera e California, sarebbe meglio che il parere di legittimità costituzionale fosse espresso prima della raccolta delle firme. Tutto questo fa dello strumento referendum, così com'è ora la legge istitutiva, un non-strumento: oggi è in mano a chi è in grado di manovrare una certa quantità di elettori, un numero non molto alto vista la fiducia media degli italiani verso i partiti, ma sufficiente ad aggiungersi a quella gran parte di elettori che comunque a votare non ci va e, insieme, raggiungono una percentuale ben oltre quel 50% utile per la validità della consultazione.

Prima di utilizzare lo strumento referendum è bene essere consapevoli che si tratta di un fucile a molla. Per questo noi suggeriamo che le energie è meglio utilizzarle in modo diverso, anche se apparentemente meno immediato, cioè cercare di convincere i deputati, anche con l'aiuto di quelli che già sono sulle nostre posizioni, nonché con petizioni, mobilitazioni, manifestazioni, che quello che noi chiediamo è per il bene del Paese. Ci rendiamo conto che stiamo parlando di una “lotta di lunga durata” ma noi, per il momento, non conosciamo altri strumenti e minacciare di far male con un'arma spuntata come il referendum, oltre che velleitario è doloroso per gli stessi che l'agitano: raccogliere 500.000 firme non è una passeggiata.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Referendum. Contro lo sfascismo, proposte di legge per la riforma
  Giuseppe Civati. Se la mobilitazione muove dal Sud
  Benedetto Della Vedova. Ipocrisie degli astensionisti di ieri e di oggi sui referendum
  17 aprile 2016. Referendum sulle trivelle in mare
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Carlo Onofrio Gori. Battiquorum
  Enea Sansi. Referendari e referendum
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  Radicali Italiani impegnati per la riforma dell'istituto referendario
  Raniero La Valle. La legge beffa
  Nuovo sondaggio. Quella piccola ma urgente riforma costituzionale...
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
  Si firma per “Ero straniero – L’umanità che fa bene”
  Elezioni. A Firenze le illegalità: induzione al non-voto referendario nei seggi
  Piccoli esperimenti di democrazia
  Ministro Sacconi difensore del monopolio delle farmacie? Speriamo difenda anche i consumatori!
  Vincenzo Donvito. Farmacie verso la chiusura a causa della liberalizzazione?
  Farmaci di fascia C nei supermercati. Critiche "frettolose" del ministro Turco
  Farmacie. Liberalizzazioni, ampliamento pianta organica e parafarmacie
  Liberalizzazione mercato farmaci. Le corporazioni all'attacco... BASTA!!!
  Farmaci C fuori dalla farmacia. L'ostinazione corporativa del Ministro contrario
  Antritrust e farmaci da banco. Bene, ma occorre levare l'obbligo del farmacista
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy