Martedì , 12 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Non lasceremo sopravvivere questa indegna legge”
14 Dicembre 2005
 

Così si è espresso Romano Prodi, in una conferenza stampa tenuta ieri a Palazzo Madama, sulla nuova legge elettorale che potrebbe essere approvata oggi in via definitiva dal Senato:


Con l’approvazione in via definitiva della nuova legge elettorale si produrrà un altro danno al Paese da parte di questa maggioranza e di questo governo.

Solo un mese fa, pur di continuare a governare ad ogni costo, questa maggioranza, che da tempo perde regolarmente tutte le consultazioni elettorali, come anche ieri a Messina è accaduto, ha cambiato la Costituzione.

Oggi cambia la legge elettorale solo allo scopo di perdere meno seggi di quanti ne perderebbe se avesse il coraggio di presentarsi al giudizio degli elettori con quello stesso sistema elettorale che cinque anni fa le assicurò la vittoria. Un sistema ispirato alla governabilità che ha permesso all’esecutivo e al suo Premier di continuare a governare per tutta la legislatura malgrado la perdita di consenso popolare e il fallimento delle scelte politiche.

Questa stessa maggioranza ha adottato, solo pochi giorni fa, una riforma costituzionale che, con la devolution, rende il Senato estraneo al circuito delle fiducia fra Parlamento e Governo e, dunque, rende del tutto irrilevante la composizione del Senato ai fini della governabilità. Oggi essa vuole approvare una riforma della legge elettorale che prevede invece premi di maggioranza anche al Senato, dimostrando così di ritenere che anche al Senato vi è motivo di cercare di rafforzare la governabilità. Proprio ciò che invece la riforma costituzionale da essa stessa approvata rende del tutto indipendente dalla volontà del Senato.

La ricerca della governabilità avviene attraverso premi di maggioranza regionali che per definizione, proprio perché potenzialmente diversi da regione a regione, non sono certo in grado di garantire di per sé una stabile maggioranza di governo.

Dunque una duplice incoerenza, un duplice salto mortale.

Con la riforma costituzionale il Senato diviene un sedicente Senato federale, tagliato fuori dal circuito della fiducia al Governo, questo in quanto pretende di conciliare il federalismo esasperato voluto dalla Lega Nord con la stabilità di governo e il premierato forte voluto dal resto della coalizione.

La legge elettorale diviene una legge proporzionale con premio di maggioranza nazionale alla Camera e regionale al Senato, perché vuole trovare il modo di sottrarsi al duro giudizio dell’ elettorato. Di un elettorato che, se potesse votare con lo stesso sistema che ieri diede a questo Premier una grande maggioranza, ratificherebbe oggi una pesantissima e sonora sconfitta di chi, di illusione in illusione, e di inganno in inganno, ha provocato un generale impoverimento del Paese e una delle più drammatiche crisi strutturali che l’Italia abbia mai conosciuto.

Ma non basta.

Cinque anni fa, questa stessa maggioranza, che allora era opposizione, gridò con tutta la forza di cui era capace che mai e poi mai avrebbe accettato una riforma della legge elettorale imposta dalla maggioranza di allora. Cinque anni fa gridò che mai e poi mai il Presidente della Repubblica avrebbe potuto promulgare una legge elettorale approvata contro l’opposizione.

Queste medesime forze politiche sembrano invece pretendere ora, con minacce neppure molto velate che talvolta si alternano a lusinghe neppure troppo eleganti, che il Presidente della Repubblica assicuri senza indugio la promulgazione di una legge di comodo, adottata dalla sola maggioranza nel suo evidente interesse di bottega e di parte.

Una legge che tradisce la volontà popolare espressa col referendum del 93 quando fu sanzionata la abrogazione del principio proporzionale stesso, visto come la ragione di fondo della instabilità di governo del Paese e della mancanza di rispetto della volontà popolare da parte di un sistema che di fatto privava gli elettori del diritto di scegliere chi li dovesse governare.

Del resto, che della volontà popolare questa maggioranza abbia il massimo disprezzo lo testimonia ancora una volta il fatto che neppure l’emendamento presentato dai senatori Bassanini, D’Amico e Manzella è stato preso in seria considerazione per un confronto rispettoso con l’opposizione. Un emendamento, questo, che era ispirato appunto alla volontà di assicurare che questa legge, se approvata, potesse essere sottoposta a referendum popolare senza che la Corte costituzionale potesse dichiararne l’inammissibilità per paura del vuoto che l’eventuale rigetto popolare della legge potrebbe creare.

Dunque una maggioranza in fuga, che sa e constata ogni giorno di non avere più il consenso del Paese, fa spregio della volontà popolare. Calpesta il referendum del 93. Adotta una legge in contrasto evidente con la riforma costituzionale approvata da essa stessa solo un mese fa.  Per questa maggioranza era l’occasione per dimostrare il minimo rispetto per le regole democratiche.

Questa legge è infatti anche incostituzionale, così come hanno dichiarato cento costituzionalisti del nostro Paese, rappresentativi delle più diverse scuole giuridiche e di quasi tutte le università.

È incostituzionale perché introduce una molteplicità di premi di maggioranza che avranno tutti l’effetto di distorcere il risultato del voto senza per questo assicurare alcuna governabilità.

È incostituzionale perché individua in modo del tutto irrazionale soglie di sbarramento di fatto diverse da regione a regione e da Camera e Senato.

È incostituzionale perché non garantisce in alcun modo che i premi di maggioranza previsti e che costituiscono comunque una distorsione del voto popolare, impediscano agli eletti di una medesima coalizione e ai partiti a cui questi appartengono di dividersi in Parlamento subito dopo aver ottenuto, anche attraverso il premio di maggioranza, i seggi ad essi assegnati.

È incostituzionale perché non prevede in alcun modo misure che possano promuovere le pari opportunità tra uomini e donne, come invece vorrebbe l’art. 51 primo comma della Costituzione che ha definitivamente introdotto nella nostra Carta il principio della pari opportunità come valore fondamentale del nostro ordinamento. Come non capire che l’Italia ha bisogno di più donne nelle istituzioni come chiede l’Europa e come è nelle attese di una società che le vede protagoniste in tutti i campi?

Per questo noi dichiariamo fin d’ora che così come ci opporremo con ogni forza alla riforma costituzionale votata qualche settimana fa, con altrettanta forza procederemo ad abrogare questa legge. Lo faremo per motivi politici ed etici.

Nell’attesa di trovare un adeguato consenso per una nuova e più equilibrata legge elettorale condivisa con l’opposizione, ripristineremo il sistema attuale. Certo non lasceremo sopravvivere questa indegna legge che è stata adottata con un metodo e con intenti incompatibili con il più elementare rispetto delle regole democratiche e della dignità stessa degli elettori. Questa infatti è una legge che rompe il legame tra elettore ed eletto.

Le nostre ragioni sono ragioni forti, sono ragioni vere perché non sono nel nostro interesse ma nell’interesse del nostro Paese. Questa è una legge antipatriottica, contro il bene dell’Italia che noi amiamo.

La nostra convinzione della incostituzionalità di questa legge è quindi altrettanto radicata quanto lo è la certezza che essa, così dannosa e offensiva per la democrazia italiana, non è che l’ultimo atto di un governo in fuga, che gli italiani hanno da tempo già giudicato e condannato.


(fonte: www.romanoprodi.it)


Articoli correlati

  Lega per l'uninominale. I nuovi organi e le decisioni prese
  I vescovi ci indicano la retta via proporzionale per le migliori istituzioni?
  Mario Staderini. Come nelle dittature
  Felice Besostri. Il gioco delle tre tavolette
  La soluzione per la legge elettorale che aspettiamo da otto anni
  Ricette veloci. 1 - La legge elettorale
  Felice Besostri. Un popolo “archepensevole” (in senso orwelliano)
  Lidia Menapace. Quale democrazia?: paritaria, di genere o rappresentativa?
  Enea Sansi. Franceschini, gli impegni, Pannella, il referendum
  ADUC. Tagliare il numero dei Parlamentari?
  Giuseppe Civati. A proposito delle commissioni (e della legge elettorale)
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  Claudio Madricardo. “L’Italicum come il Porcellum. È incostituzionale”
  Francesco Verducci. Abrogare il Porcellum e tornare alla “legge Mattarella”
  Amedeo Barletta. La bozza Vassallo - Ceccanti e l’eterno dibattito sul sistema elettorale
  Andrea Pertici. Il pasticcio sulla legge elettorale e le prospettive per l’immediato futuro
  Claudia Osmetti, Domenico Letizia. Doveri di Libertà
  Critica liberale. Riforme elettorali ed istituzionali
  Benedetto Della Vedova. Difendere il bipolarismo
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  MayDay! 'Allarme rosso' per la legge elettorale
  Giuseppe Civati. Breve riflessione politica sulla legge elettorale
  Lidia Menapace. Oltre gli auguri: vi parlo del sistema elettorale
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  Martina Simonini. Così è se vi pare (o anche se non)
  Uninominale e maggioritario. Il sistema elettorale radicale
  Andrea Ermano. Il percorso misterioso
  Berlusconi e Veltroni favorevoli al maggioritario uninominale
  Raniero La Valle. La legge beffa
  A Roma il 20 febbraio, Assemblea per l'Uninominale
  Vincenzo Donvito. Contro il Parlamento dei nominati dal potere. Non mollare!
  LeG. Mai più alle urne con questa legge
  Arriva col treno l'ultimo numero del GAZETIN
  Felice C. Besostri. Prepariamoci a battere il semi-presidenzialismo
  Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
  Emanuele Rigitano. Sistema elettorale: i particolari faranno la differenza
  Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla
  Legge elettorale. Sì all’appello di Italia Unica contro Italicum
  Anna Finocchiaro e Luigi Zanda. Forse non tutti pensano che il Porcellum vada archiviato
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Appello per l'uninominale
  Marco Pannella. L'uninominale secca
  Valter Vecellio. Riforma americana e anglosassone
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  “Salviamo la Costituzione, aggiornarla non demolirla”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy