Martedì , 12 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla 
La casta si vince con la democrazia: Pier Paolo Segneri, Sulla legge elettorale
01 Settembre 2011
 

«Ma perché si parla di ridurre i costi della politica ipotizzando, per il futuro, una fantomatica riduzione di oltre 50.000 cariche pubbliche e non si decide, da subito, il dimezzamento del contributo elettorale ai partiti (già soppresso come finanziamento pubblico a seguito del referendum del 1993). Risparmio immediato, circa 700 milioni di euro, se non erro. Perché nessuno ne parla, perché?»

Mauro de Stefano, lettera al Corriere della sera, 1° settembre 2011

 

«Ne ha parlato Emma Bonino in una lettera al Corriere pubblicata il 29 agosto. Non è vero quindi che nessuno ne parli. Ma è certamente vero che questa è una materia su cui il silenzio della classe politica è bipartisan».

Sergio Romano, Corriere della sera, 1° settembre 2011

 

Su tutti i mezzi di informazione il dimezzamento dei parlamentari viene spacciata come una grande riforma della casta. Si tratta invece di una vittoria della partitocrazia!

Ci sono modi assai più incisivi per ridurre i costi... non della politica, ma della partitocrazia. Come appunto l'abolizione del finanziamento pubblico dei partiti, proposta depositata dai parlamentari radicali come emendamento alla manovra finanziaria, che produrrebbe 476 milioni di euro di risparmi all'anno.

Se il sistema elettorale venisse riformato in senso maggioritario uninominale, come noi proponiamo da sempre e come gli elettori hanno votato al 90,3 per cento nel referendum del 1993, solo con collegi uninominali relativamente piccoli, nei quali i candidati si confrontino di fronte a poche decine di migliaia di abitanti che ne conoscono vita, morte e miracoli, si potrà avere quel rapporto eletto-elettore che garantisce il controllo democratico e una politica a «misura d’uomo». In Gran Bretagna la Camera dei Comuni è composta da 650 rappresentanti, più dei deputati italiani, di modo che ogni parlamentare rappresenta non più di 70/80 mila elettori.

C'è di più. L'insieme degli emendamenti alla manovra economica proposti dai parlamentari radicali consentirebbero un risparmio nell'immediato di circa 8 miliardi di euro, senza contare i risparmi derivanti dagli interventi sulle pensioni e le maggiori entrate grazie alle misure per il rilancio dell'economia.

 

Emendamenti per il taglio della spesa pubblica

- Abolizione finanziamento pubblico ai partiti
Risparmio stimato:
476 milioni di euro

- Abrogazione dell'esenzione Ici per gli immobili degli enti religiosi che svolgono attività commerciali 
Risparmio stimato: 
400-700 milioni di euro

- Eliminazione sprechi e prebende forze armate
Risparmio stimato:
3,69 miliardi di euro

 

Emendamenti per maggiori entrate economiche

- Contributo ecologico sui consumi energetici non rinnovabili 
Entrate previste:
3 miliardi di euro

 

Emendamenti per il rilancio dell'economia

- Innalzamento dell'età pensionabile e riforma del welfare
Risparmio annuale stimato a regime: oltre 7 miliardi di euro

- Liberalizzazione delle professioni

- Prosecuzione volontaria dell'attività lavorativa oltre l'età per la pensione obbligatoria
Risparmio stimato nell'ipotesi massima: 2,3 miliardi di euro

- Privatizzazione della Rai e liberalizzazione del settore radiotelevisivo

 

L'insieme della nostra attività parlamentare, delle proposte puntuali per il taglio degli sprechi della partitocrazia e il rilancio dell'economia, per la riforma istituzionale in senso maggioritario e uninominale, rappresenta una garanzia per il futuro anche economico del nostro paese.

 

Radicali Italiani

 

 

 

Sulla legge elettorale

 

Se si dimezzano i parlamentari significa che si andrà a votare con questa legge elettorale. È la vittoria delle liste bloccate, delle nomine dall’alto e del cosiddetto 'porcellum'. Con la riduzione drastica del numero dei parlamentari, infatti, vince l’antipolitica, vincono le segreterie dei partiti e perde la politica, cioè pagano i cittadini, le persone e si perde la possibilità di cambiare questa legge elettorale.

Il dimezzamento dei parlamentari, infatti, è incompatibile con una riforma uninominale e maggioritaria basata sui collegi piccoli, come accade nel modello anglosassone. Questo taglio, inoltre, che non colpisce la partitocrazia e lascia intatta la spartizione del finanziamento pubblico ai partiti o del rimborso elettorale, è incompatibile finanche con la proposta di ritorno al 'mattarellum', che è costruito, per il 75 per cento, sui collegi uninominali. E così, se la partitocrazia dimezzerà i parlamentari, pagheremo tutti noi sul piano democratico, sul piano della rappresentanza, sul piano di una visione liberale delle istituzioni. In una democrazia liberale, infatti, i parlamentari non sono eletti o nominati dai partiti e dalle liste elettorali, ma dai cittadini.

La quota proporzionale, invece, in qualsivoglia sistema elettorale, permette la conservazione dei peggiori meccanismi partitocratici e nel porcellum, addirittura, si vota solo la lista e non il candidato, praticamente tutto il potere è dato in mano ai capi delle segreterie e, in questo modo, interi territori non avranno più il loro rappresentante in parlamento. Vi ricordate come erano disegnati i collegi del mattarellum? Con il dimezzamento dei seggi, quei collegi, così come erano stati concepiti, non ci saranno più. E poi, bisogna pure che qualcuno lo scriva, i deputati e i senatori, in un’ottica liberale, sono espressione di un determinato territorio, di un collegio elettorale, di una comunità locale, non del vasto terreno partitocratico, che è un terreno apolide, cioè non-politico e antipolitico. Per farsi prima candidare e poi eleggere, insomma, bisognerà andare a Roma. Trasferirsi a Roma. E ingraziarsi i vertici dei partiti. Se ridotti nel numero, quindi, gli eletti saranno sempre e comunque espressione delle segreterie burocratiche e non, come invece dovrebbe essere, emanazione diretta degli elettori di un determinato collegio chiamati a votare il loro rappresentante.

Neanche le primarie potrebbero risolvere il problema. È evidente. Ma non basta: la prima caratteristica di una buona legge elettorale è quella di essere democratica, cioè di essere semplice da spiegare, chiara, facilmente comprensibile dai cittadini. Una legge elettorale è democratica, insomma, se tutti la possono capire, conoscere, intendere. Altrimenti, dietro a una serie di dettagli, spesso incomprensibili, vi può essere l’inganno della partitocrazia ai danni degli elettori. Per questo motivo è indispensabile restituire alla democrazia il collegio uninominale e agli elettori la possibilità di indicare direttamente il proprio rappresentante in parlamento.

 

Pier Paolo Segneri

(da Notizie Radicali, 31 agosto 2011)


Articoli correlati

  Patrizia Garofalo. Anche noi grondavamo sangue…
  Carmelo Lentino. Tutto va a rotoli, ci vuole uno scatto d’orgoglio
  “Critichiamo la politica perché non è politica”. I Draghi Ribelli di via Nazionale
  Cesare Maffi. Si può mettere a dieta la casta
  Martina Simonini. La manovra di Tremonti ci porterà a sbattere
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Fare emergere il 'nero' legalizzandolo. Per un'Italia più europea
  Manovra: Privilegi vaticani? È ora di darci un taglio!
  Vincenzo Donvito. Iva 21%? Una mazzata su consumatori ed economia
  Marco Lombardi. La banda degli onesti, cornuti e mazziati
  Emma Bonino e Marco De Andreis. Non serve minacciare tagli. L’unica via sono gli eurobond
  Marco Lombardi. AAA-doremus
  Lidia Menapace. Governo Monti: non c'è nulla da esultare
  Emma Bonino, Marco De Andreis. Il realismo dell’utopia federalista
  Giovanni Maiolo. La LORO crisi NOI non la paghiamo!
  Il Movimento Nonviolento alla CGIL su sciopero, spese militari, guerra
  Privilegi Vaticano. Ecco le prove di attività commerciali che non pagano l'ICI
  Antonella Beccaria. In Italia spendiamo ogni ora 3 milioni per armi
  Manovra anticrisi: la riforma della controriforma forense? Un cambio di rotta Radicale!
  Valter Vecellio. Crisi. Cronache di un formicaio impazzito
  Manovra. L'intervento di Emma Bonino al Senato
  Donatella Poretti. A ciascuno il proprio ordine
  Alessandro Barchiesi. Tagliare!
  Sviluppo. 30 milioni (a costo 0) in più
  G.C. Vallocchia. Anche i preti paghino l'ICI!!!
  Mario Staderini. Prime valutazioni sui provvedimenti del Governo
  Piero Cappelli. Coalizione per l’emergenza
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. È il sistema che è marcio
  Nicola Vacca. Un marziano a Palazzo Chigi
  Massimo Bonfatti. Quando i coglioni versano
  Comunità cristiane di base. ICI e Chiesa cattolica
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Legalizzare droghe leggere
  Marco Lombardi. La crisi economica e le onerose scelte di responsabilità
  Primo Mastrantoni. Manovra economica. Restituire agli italiani 1 miliardo e 685 milioni di euro
  Peppe Sini. Dallo sciopero generale all'alternativa nonviolenta
  Piero Cappelli. Nuove misure economiche: il Governo è nel caos più assoluto! Che vergogna!
  Vincenzo Donvito. Con le liberalizzazioni si fa bene all'economia e alla salute dei cittadini
  Mario Staderini. Gli occhi dell’Europa puntati sull’Italia (e sul Vaticano)
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Flavio Lotti. Manovra economica: tagliate la spesa militare!
  FAND e FISH. Manovre. No al taglio dell’assistenza! Fermiamoli con una firma!
  Abolire i privilegi fiscali degli enti ecclesiastici
  Walter Castaldo. W l'Italia!!!
  Manovra economica tappabuchi. E la prossima volta? ...Gli Stati Uniti d'Europa?
  Anna Finocchiaro e Luigi Zanda. Forse non tutti pensano che il Porcellum vada archiviato
  Lega per l'uninominale. I nuovi organi e le decisioni prese
  I vescovi ci indicano la retta via proporzionale per le migliori istituzioni?
  Felice Besostri. Il gioco delle tre tavolette
  Lidia Menapace. Quale democrazia?: paritaria, di genere o rappresentativa?
  La soluzione per la legge elettorale che aspettiamo da otto anni
  Ricette veloci. 1 - La legge elettorale
  ADUC. Tagliare il numero dei Parlamentari?
  Giuseppe Civati. A proposito delle commissioni (e della legge elettorale)
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  Enea Sansi. Franceschini, gli impegni, Pannella, il referendum
  Claudio Madricardo. “L’Italicum come il Porcellum. È incostituzionale”
  Francesco Verducci. Abrogare il Porcellum e tornare alla “legge Mattarella”
  Amedeo Barletta. La bozza Vassallo - Ceccanti e l’eterno dibattito sul sistema elettorale
  Andrea Pertici. Il pasticcio sulla legge elettorale e le prospettive per l’immediato futuro
  Claudia Osmetti, Domenico Letizia. Doveri di Libertà
  Critica liberale. Riforme elettorali ed istituzionali
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  MayDay! 'Allarme rosso' per la legge elettorale
  Giuseppe Civati. Breve riflessione politica sulla legge elettorale
  Lidia Menapace. Oltre gli auguri: vi parlo del sistema elettorale
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  Martina Simonini. Così è se vi pare (o anche se non)
  Mario Staderini. Come nelle dittature
  Uninominale e maggioritario. Il sistema elettorale radicale
  Andrea Ermano. Il percorso misterioso
  Berlusconi e Veltroni favorevoli al maggioritario uninominale
  Raniero La Valle. La legge beffa
  A Roma il 20 febbraio, Assemblea per l'Uninominale
  Vincenzo Donvito. Contro il Parlamento dei nominati dal potere. Non mollare!
  LeG. Mai più alle urne con questa legge
  Arriva col treno l'ultimo numero del GAZETIN
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Felice C. Besostri. Prepariamoci a battere il semi-presidenzialismo
  Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
  Emanuele Rigitano. Sistema elettorale: i particolari faranno la differenza
  Benedetto Della Vedova. Difendere il bipolarismo
  Legge elettorale. Sì all’appello di Italia Unica contro Italicum
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Appello per l'uninominale
  Marco Pannella. L'uninominale secca
  “Non lasceremo sopravvivere questa indegna legge”
  Valter Vecellio. Riforma americana e anglosassone
  Felice Besostri. Un popolo “archepensevole” (in senso orwelliano)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy