Martedì , 12 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Emanuele Rigitano. Sistema elettorale: i particolari faranno la differenza
04 Maggio 2012
 

L'articolo di Valter Vecellio “L’uninominale per battere la crisi” mi spinge a voler riprendere il dibattito sulla legge elettorale possibile in Italia.

Il debito pubblico sembra diventi più alto nei Paesi con un sistema elettorale proporzionale rispetto a quelli con un sistema uninominale. Ma a ben vedere i Paesi con tale sistema sono a maggioranza di mentalità anglosassone, ad esclusione della Francia. Forse il problema è la mentalità e l'approccio verso la politica, almeno per quanto riguarda l'Italia.

Zingales apprezza il sistema uninominale, ma poi fa un elogio della formula elettorale dei comuni. Che non è un sistema a collegi, ma ha un premio di maggioranza per la coalizione che appoggia il candidato sindaco vincente, più la possibilità di scrivere un nome. In realtà nei comuni la situazione non è affatto così rosea, di certo è stato possibile creare un'alternanza.

Ma l'alternanza in questione non è semplicemente data dal bipolarismo, ma da un sistema elettorale che facilita il pluralismo e le eventuali alleanze al secondo turno per stare in maggioranza, nonché il voto disgiunto. Insomma, meccanismo complessi tanto quanto efficaci se usati con intelligenza. Al punto che a Napoli De Magistris è riuscito a vincere. In un sistema bipartitico questo non sarebbe stato possibile.

Il porcellum sarebbe una brutta copia del modello dei comuni, escludendo la preferenza (che non è cosa da poco). Ma in realtà scoraggia liste e coalizioni alternative, cosa che non fa la legge dei comuni. Il primo problema da risolvere di quel sistema è il rischio di avere un Senato con una maggioranza risicata e di colore opposto alla Camera, cosa da scongiurare assolutamente alle prossime elezioni. Sarebbe bastato che i partiti presenti in Parlamento si fossero mossi per creare almeno il Senato federale. Gli altri problemi sono l'assenza di una preferenza, la candidatura multipla, sbarramenti troppo alti per liste e coalizioni alternative,che non permetterebbero un certo pluralismo a vantaggio dei cittadini.

Un tale modello ha il problema di non rappresentare il territorio. Ma d'altronde nemmeno il sistema elettorale delle regioni lo fa, eppure ce ne sarebbe bisogno perché spesso diventano consiglieri esponenti che nascono, vivono e ottengono la maggioranza dei voti nei centri urbani (un esempio su tutti il Lazio). Prerogativa tipica del collegio uninominale, che altrimenti non permette la rappresentanza delle minoranze, puntando tutto sui singoli.

Senza considerare che un sistema uninominale come quello del Regno Unito non garantisce una maggioranza di un solo colore, certa e la stabilità di un governo di per sé. Lo dimostrano le ultime elezioni che hanno visto una difficoltosa alleanza (nota bene: dopo il voto) tra conservatori e liberaldemocratici. La cosa buona di quel sistema è la facilità di candidarsi e di fare campagna elettorale in territori piccoli, per cui non c'è necessità di somme ingenti per farsi conoscere. Il contrario di quel che accade qui in Italia (dove si chiedono tante firme a chi è fuori, mentre i partiti che sono dentro o le falsificano o si fanno le leggi per non avere l'obbligo di raccoglierle).

Quindi, sarebbe ora di discutere di modificare quelle norme che limitano il potere dei cittadini (quorum ai referendum, mancato obbligo di discussione delle petizioni popolari e delle proposte di legge dei cittadini, assenza di referendum propositivi e, appunto, difficoltà di candidatura e di farsi conoscere da parte dei candidati non partitocratici).

Quindi bisognerebbe ridurre quasi a zero le firme da raccogliere per presentarsi, garantire servizi ai candidati e rimborsi per tutti (non solo chi supera una certa percentuale), facilitare e ampliare gli strumenti di democrazia diretta in grado di allentare il potere che alcuni personaggi riescono ad utilizzare contro la democrazia, contro la res publica.

 

Emanuele Rigitano

(da Notizie Radicali, 4 maggio 2012)


Articoli correlati

  Anna Finocchiaro e Luigi Zanda. Forse non tutti pensano che il Porcellum vada archiviato
  Lega per l'uninominale. I nuovi organi e le decisioni prese
  I vescovi ci indicano la retta via proporzionale per le migliori istituzioni?
  Felice Besostri. Il gioco delle tre tavolette
  Lidia Menapace. Quale democrazia?: paritaria, di genere o rappresentativa?
  La soluzione per la legge elettorale che aspettiamo da otto anni
  Ricette veloci. 1 - La legge elettorale
  ADUC. Tagliare il numero dei Parlamentari?
  Giuseppe Civati. A proposito delle commissioni (e della legge elettorale)
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  Enea Sansi. Franceschini, gli impegni, Pannella, il referendum
  Claudio Madricardo. “L’Italicum come il Porcellum. È incostituzionale”
  Francesco Verducci. Abrogare il Porcellum e tornare alla “legge Mattarella”
  Amedeo Barletta. La bozza Vassallo - Ceccanti e l’eterno dibattito sul sistema elettorale
  Andrea Pertici. Il pasticcio sulla legge elettorale e le prospettive per l’immediato futuro
  Claudia Osmetti, Domenico Letizia. Doveri di Libertà
  Critica liberale. Riforme elettorali ed istituzionali
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  MayDay! 'Allarme rosso' per la legge elettorale
  Giuseppe Civati. Breve riflessione politica sulla legge elettorale
  Lidia Menapace. Oltre gli auguri: vi parlo del sistema elettorale
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  Martina Simonini. Così è se vi pare (o anche se non)
  Mario Staderini. Come nelle dittature
  Uninominale e maggioritario. Il sistema elettorale radicale
  Andrea Ermano. Il percorso misterioso
  Berlusconi e Veltroni favorevoli al maggioritario uninominale
  Raniero La Valle. La legge beffa
  A Roma il 20 febbraio, Assemblea per l'Uninominale
  Vincenzo Donvito. Contro il Parlamento dei nominati dal potere. Non mollare!
  LeG. Mai più alle urne con questa legge
  Arriva col treno l'ultimo numero del GAZETIN
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Felice C. Besostri. Prepariamoci a battere il semi-presidenzialismo
  Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
  Benedetto Della Vedova. Difendere il bipolarismo
  Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla
  Legge elettorale. Sì all’appello di Italia Unica contro Italicum
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Appello per l'uninominale
  Marco Pannella. L'uninominale secca
  “Non lasceremo sopravvivere questa indegna legge”
  Valter Vecellio. Riforma americana e anglosassone
  Felice Besostri. Un popolo “archepensevole” (in senso orwelliano)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy