Domenica , 22 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Oltre gli auguri: vi parlo del sistema elettorale
23 Dicembre 2007
 

Vorrei dire qualcosa sugli auguri, lasciando a più matura riflessione le ultime vicende in Senato, dove a furia di fiducia siamo arrivati ad approvare tutto a tempo, evitando l'esercizio provvisorio.

 

In ogni società organizzata una ricorrenza viene sempre dedicata agli auguri, una specie di rassicurazione sul futuro. Va bene, è giusto pensare al futuro e augurarsi di averlo. Non il futuro dell'universo, che non ha bisogno di noi, anzi noi rischiamo di accorciarglielo, ma per la nostra terra, per noi. Bisogna voler avere un futuro e questo può essere un buon patto per gli auguri. Oggi è più difficile, dato che siamo molto appiattiti su un presente fine a se stesso e alle sue miserie e quasi non ci ricordiamo più di avere un futuro, così come cancelliamo il passato. Ciò pesa soprattutto sulle giovani generazioni, che senza futuro e in mezzo alla noia non vivono e infatti si uccidono, uccidono, distruggono, vandali e bulli che sono, certo non tutti, ma solo i più deboli e sfiduciati. Intanto gli adulti soccombono sotto valanghe di (spesso stupidi) regali e di cartoncini di auguri: ne ricevo appunto valanghe da colleghi coi quali mi trovo di solito da dire quasi solo buongiorno, da funzionari che non so nemmeno chi siano, da capi di tutte le armi corpi specialità ecc. Non rispondo a nessuno e spero che capiscano.

 

Ma oggi, appena fatta la premessa sugli auguri, dei quali tuttavia ben più d'uno mi è graditissimo e rispondo, vorrei parlare del sistema elettorale, che oggi sembra a molti quasi solo l'unico futuro che possiamo avere. Mi pare triste non avere altre speranze, tuttavia vorrei dire sul sistema elettorale, senza che tutto il dibattito politico sia concentrato sull'unico tema nè per rispondere a chi ha lanciato l'ultima proposta. Non è bello giocare sempre e solo di rimessa. Premetto che non mi intendo della questione sotto il profilo tecnico e perciò ne parlo solo da un punto di vista politico.

 

Il sistema elettorale serve per sapere come è fatto politicamente il paese in cui vivi: deve perciò rappresentarlo il più precisamente possibile. Siccome non si può applicare la democrazia diretta, votando su ogni cosa tutti (nelle antiche città greche e nei cantoni svizzeri questo è stato possibile, anche perché votavano solo gli uomini liberi nati lì e quindi il numero, escludendo donne e schiavi o immigrati, non era alto), si è scelta da lungo tempo la rappresentanza, che è sempre approssimativa: la difficoltà è scegliere il sistema che rappresenta il più precisamente possibile. Sembra che assegnare i seggi in proporzione ai voti raccolti sia il sistema più immediatamente significativo, da questo punto di vista, ma poiché può dare e dà grande frammentazione della rappresentanza stessa, ha lo svantaggio di produrre risultati di difficile composizione e non garantisce un esercizio significativo del governo. Allora si prende in considerazione il maggioritario che assegna il seggio a chi ha vinto nel territorio considerato. È il sistema inglese, per il quale può succedere che chi vince non abbia la maggioianza dei voti complessivi. Si cercano composizioni tra i due sistemi di fondo: e qui siamo.

 

Tuttavia non si può scegliere astrattamente solo in base alle tecniche, se prima non si fa una analisi dei bacini di cultura politica, che si debbono rappresentare, altrimenti si decide in base a interessi e quasi predeterminando i risultati, ciò stravolge la democrazia. E si vota per conservare il proprio potere, per escludere alcuni (la conventio ad excludendum il Pci per decenni) ecc. Il termine “legge truffa” non per caso è stato coniato per una legge elettorale.

 

Detto in breve, a me pare che oggi in Italia è possibile vedere un enorme bacino di opinione moderata, vagamente di centro, ma separata da non indifferenti opzioni culturali ed etiche, e potremmo dire che dunque una rappresentanza corretta di tale bacino è che se lo contendano due partiti non antagonisti tra loro, ma rappresentativi di interessi non facilmente componibili, e che possono competere tra loro giocandosi i margini frastagliati dell'area di centrodestra e centrosinistra, avendo sempre la riserva possibile del governo istituzionale o della grande coalizione. Ma esiste anche una destra molto radicata e con propri apparati organizzativi e culturali. Esiste ancor più una sinistra derivata da storie molto lunghe e diverse, che però ha sempre conservato almeno una spinta all'unità e che oggi sta cercando di costituirla.

Tutte queste opzioni possono essere lette come bipartitismo o quadripartitismo; come bipolarismo o multipolarismo. E di conseguenza offrono una opzione verso sistemi volti a semplificare o “ridurre la complessità” secondo la ricetta luhmanniana) oppure lasciare che i risultati abbiano carattere di polarità, (bipolarismo o mutipolarismo) cioè costituiscano alleanze o coalizioni abbastanza omogenee, ma non coatte. A me pare che questa seconda ipotesi dei poli sia più rispettosa della realtà senza violentarla, sia perciò di gran lunga la più democratica. Può passare attraverso tecnicalità anche sofisticate, ma prima di tutto ha un segno politico chiaro, che non soggiace a tecniche manipolatorie.

 

L'ho detto, auguri caldi forti futuribili a tutte e tutti

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  I vescovi ci indicano la retta via proporzionale per le migliori istituzioni?
  Benedetto Della Vedova. Difendere il bipolarismo
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  La soluzione per la legge elettorale che aspettiamo da otto anni
  Giuseppe Civati. A proposito delle commissioni (e della legge elettorale)
  ADUC. Tagliare il numero dei Parlamentari?
  Claudia Osmetti, Domenico Letizia. Doveri di Libertà
  Enea Sansi. Franceschini, gli impegni, Pannella, il referendum
  Francesco Verducci. Abrogare il Porcellum e tornare alla “legge Mattarella”
  Amedeo Barletta. La bozza Vassallo - Ceccanti e l’eterno dibattito sul sistema elettorale
  Andrea Pertici. Il pasticcio sulla legge elettorale e le prospettive per l’immediato futuro
  Critica liberale. Riforme elettorali ed istituzionali
  Felice Besostri. Il gioco delle tre tavolette
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  MayDay! 'Allarme rosso' per la legge elettorale
  Vincenzo Donvito. Contro il Parlamento dei nominati dal potere. Non mollare!
  Giuseppe Civati. Breve riflessione politica sulla legge elettorale
  Appello per l'uninominale
  Claudio Madricardo. “L’Italicum come il Porcellum. È incostituzionale”
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  Martina Simonini. Così è se vi pare (o anche se non)
  Felice Besostri. Un popolo “archepensevole” (in senso orwelliano)
  Uninominale e maggioritario. Il sistema elettorale radicale
  Andrea Ermano. Il percorso misterioso
  Berlusconi e Veltroni favorevoli al maggioritario uninominale
  Raniero La Valle. La legge beffa
  A Roma il 20 febbraio, Assemblea per l'Uninominale
  LeG. Mai più alle urne con questa legge
  Lidia Menapace. Quale democrazia?: paritaria, di genere o rappresentativa?
  Arriva col treno l'ultimo numero del GAZETIN
  Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
  Emanuele Rigitano. Sistema elettorale: i particolari faranno la differenza
  Legge elettorale. Sì all’appello di Italia Unica contro Italicum
  Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla
  Marco Pannella. L'uninominale secca
  Mario Staderini. Come nelle dittature
  Felice C. Besostri. Prepariamoci a battere il semi-presidenzialismo
  “Non lasceremo sopravvivere questa indegna legge”
  Valter Vecellio. Riforma americana e anglosassone
  Lega per l'uninominale. I nuovi organi e le decisioni prese
  Ricette veloci. 1 - La legge elettorale
  Anna Finocchiaro e Luigi Zanda. Forse non tutti pensano che il Porcellum vada archiviato
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy