Lunedì , 25 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Emma Bonino e Marco De Andreis. Non serve minacciare tagli. L’unica via sono gli eurobond
20 Agosto 2011
 

L’euro è in fiamme. Le idee di George Soros su come spegnere l’incendio, avanzate su queste colonne negli ultimi giorni, sono abbastanza radicali da avere finalmente qualche probabilità di convincere i mercati e perciò vanno sostenute senza riserve.

Vista la profondità di questa crisi, tuttavia, vale la pena di provare a guardare un pochino più lontano. Se le idee di Soros venissero tradotte in pratica – come noi speriamo – l’Unione europea finirebbe per essere uno stranissimo animale, una specie di mostro mitologico dal corpo enorme e dalla testa microscopica.

Con l’emissione di eurobond su larga scala, ad esempio, l’UE diventerebbe un’entità con nessuna funzione di governo importante al di fuori della sfera economica, senza un Tesoro, con un bilancio minuscolo pari all’1% del PIL dell’Europa, speso tutto in sussidi di dubbia utilità – ma con una moneta rivale del dollaro su scala globale, una Banca Centrale, una Corte di Giustizia, un Parlamento a elezione diretta e sul groppone un debito sovrano pari a minimo il 60% del PIL dell’eurozona, ma probabilmente anche di più, molto di più (dipende da quale proposta viene alla fine accettata).

Sarebbe insomma la più grande tecno-struttura economica pubblica della storia – ma in quanto tale radicalmente incomprensibile ai cittadini europei. Tra l’altro, come verrebbe amministrata l’Agenzia del debito, presumibile erede dell’EFSF? All’unanimità, a maggioranza, con voti pesati secondo il differente peso economico degli Stati membri?

Forse è arrivato il momento di provare quantomeno a rimettere il processo di integrazione europea sui piedi, invece che sulla testa come è ora smettendo di consentire alla politica economica e finanziaria di guidare il processo politico europeo. Non sarà tempo di provare a fare il contrario?

Sempre e ovunque i cittadini pagano le tasse per avere in cambio alcune basilari funzioni di governo: legge e ordine, giustizia, sicurezza; e poi sanità, educazione, sicurezza sociale, una moneta come mezzo neutrale di scambio. Tassare e spendere per offrire alcuni o tutti questi beni pubblici, consente a un governo di avere, anche e in seconda battuta, i mezzi per contrastare o prevenire le crisi con la stabilizzazione macroeconomica o la redistribuzione.

Non si può andare avanti all’infinito a fare le cose a rovescio, cioè a confinare l’Unione europea a una missione di pura stabilità finanziaria e macro-economica e a far seguire da qui tutto il resto. Succede invece che la stabilità finanziaria non c’è e in più non segue proprio niente.

Occorre, secondo noi, provare a guardare un po' più avanti a un assetto in cui la politica economico-fiscale deriva dalle funzioni di governo tipiche di una forma statale, di un contratto sociale - e non le guida come è invece nell'UE di oggi.

Alla fine, anche l’Unione europea dovrà pure funzionare nell’unico modo logico e comprovato dalla storia: tassare e spendere per fornire alcune importanti funzioni di governo ai propri cittadini e su queste basi avere un Tesoro che accompagni l’azione della sua Banca Centrale. Per usare le parole dello stesso Soros: «qualcosa come un ministero europeo delle finanze che abbia legittimità finanziaria e politica».

Sono sessant’anni che ci giriamo attorno, ma non si scappa: bisogna fare gli Stati Uniti d’Europa. Per farlo ora, sull’onda della più grande crisi economico-finanziaria dagli anni trenta, occorre vincere due grandi paure. La prima è quella di creare un cosiddetto superstato europeo che soffochi gli stati nazionali. La seconda è quella che hanno tutti gli Stati membri, chi più chi meno, di perdere sovranità proprie a favore di un centro federale.

Quanto alla prima, c’è da dire che la Federazione che sarebbe realisticamente giusto fare oggi, lungi dall’essere un superstato sarebbe al contrario una “Federazione leggera” che assorbe e spende attorno al 5% del PIL europeo – mentre la spesa pubblica degli stati nazionali europei maggiori si aggira attorno alla metà dei rispettivi PIL.

Un bilancio di 600-700 miliardi di euro consentirebbe all’Unione di svolgere – anche e all’occorrenza – funzioni di stabilizzazione macro-economica e redistribuzione via ordinaria manovra fiscale, tassando di più gli stati in espansione e meno quelli in recessione. Senza creare meccanismi ad hoc o, peggio, dar luogo a tutta la pubblicità che circonda vertice dopo vertice chiamato a decidere il prossimo pacchetto di aiuti ai paesi in difficoltà.

Le funzioni di governo che sarebbe logico spostare a livello europeo sono, a nostro avviso, la difesa (abbiamo 27 eserciti nazionali, due milioni circa di persone in divisa, costo annuale 230 miliardi di euro, efficienza vicino allo zero), la diplomazia (compresi gli aiuti allo sviluppo e quelli umanitari), il controllo delle frontiere e dell’immigrazione, la creazione delle grandi reti infrastrutturali europee e alcuni programmi di ricerca scientifica di grande respiro – nonché quello che il bilancio dell’Unione già fa, ovvero gli aiuti alle regioni più povere e in ritardo di sviluppo.

Quanto alla perdita di sovranità questa c’è già e così evidente che è inutile avere remore o rimpianti. Mario Monti ha adombrato il concetto di commissariamento del governo italiano da parte di «un governo tecnico sopranazionale … con sedi sparse tra Bruxelles, Francoforte, Berlino, Londra e New York» a proposito della decisione, annunciata venerdì 5 agosto, di anticipare il pareggio di bilancio.

Ma per lo stesso commissariamento sono già passati greci, portoghesi, irlandesi e spagnoli. E attenzione: anche la sovranità tedesca è di fatto limitata dalle responsabilità che la Germania ha verso il resto dell’eurozona.

Invece di piangere per la sovranità nazionale persa, a noi viene da dire “meno male” – meno male che c’è qualcuno da qualche parte disposto a correggere le nostre cantonate e i nostri endemici ritardi. Meno male che, grazie anche alla saggezza di un Altiero Spinelli e di altri padri fondatori dell’Europa, non siamo soli al mondo come lo è, ad esempio, l’Argentina.

Invece di avere “un governo tecnico con sedi sparse”, tanto vale allora avere un governo politico a livello federale a Bruxelles, con un mandato e dei poteri definiti e circoscritti per legge. Un governo cui tutti hanno ceduto un pezzo della propria sovranità su un piede di parità che può tassare e spendere cifre non enormi – una “Federazione leggera” – ma significative.

Sono ormai sessant’anni che l’Europa elude la soluzione del suo problema politico. Non foss’altro che per uscire da questa crisi e salvare l’euro, a noi sembra arrivato il momento di rompere questo tabù.

 

Emma Bonino, Marco De Andreis

(da Il Sole 24 Ore, 18 agosto 2011)


Articoli correlati

  Mario Staderini. Prime valutazioni sui provvedimenti del Governo
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Legalizzare droghe leggere
  Lidia Menapace. Governo Monti: non c'è nulla da esultare
  Manovra: Privilegi vaticani? È ora di darci un taglio!
  Carmelo Lentino. Tutto va a rotoli, ci vuole uno scatto d’orgoglio
  “Critichiamo la politica perché non è politica”. I Draghi Ribelli di via Nazionale
  Patrizia Garofalo. Anche noi grondavamo sangue…
  Manovra. L'intervento di Emma Bonino al Senato
  Piero Cappelli. Nuove misure economiche: il Governo è nel caos più assoluto! Che vergogna!
  Manovra anticrisi: la riforma della controriforma forense? Un cambio di rotta Radicale!
  Vincenzo Donvito. Con le liberalizzazioni si fa bene all'economia e alla salute dei cittadini
  Vincenzo Donvito. Iva 21%? Una mazzata su consumatori ed economia
  Marco Lombardi. AAA-doremus
  Emma Bonino, Marco De Andreis. Il realismo dell’utopia federalista
  Giovanni Maiolo. La LORO crisi NOI non la paghiamo!
  Piero Cappelli. Coalizione per l’emergenza
  Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Fare emergere il 'nero' legalizzandolo. Per un'Italia più europea
  Manovra economica tappabuchi. E la prossima volta? ...Gli Stati Uniti d'Europa?
  Primo Mastrantoni. Manovra economica. Restituire agli italiani 1 miliardo e 685 milioni di euro
  Martina Simonini. La manovra di Tremonti ci porterà a sbattere
  Antonella Beccaria. In Italia spendiamo ogni ora 3 milioni per armi
  G.C. Vallocchia. Anche i preti paghino l'ICI!!!
  Mario Staderini. Gli occhi dell’Europa puntati sull’Italia (e sul Vaticano)
  Il Movimento Nonviolento alla CGIL su sciopero, spese militari, guerra
  Donatella Poretti. A ciascuno il proprio ordine
  Comunità cristiane di base. ICI e Chiesa cattolica
  Nicola Vacca. Un marziano a Palazzo Chigi
  Sviluppo. 30 milioni (a costo 0) in più
  Valter Vecellio. Crisi. Cronache di un formicaio impazzito
  Marco Lombardi. La crisi economica e le onerose scelte di responsabilità
  Cesare Maffi. Si può mettere a dieta la casta
  Abolire i privilegi fiscali degli enti ecclesiastici
  Marco Lombardi. La banda degli onesti, cornuti e mazziati
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Alessandro Barchiesi. Tagliare!
  Flavio Lotti. Manovra economica: tagliate la spesa militare!
  Peppe Sini. Dallo sciopero generale all'alternativa nonviolenta
  Privilegi Vaticano. Ecco le prove di attività commerciali che non pagano l'ICI
  Walter Castaldo. W l'Italia!!!
  FAND e FISH. Manovre. No al taglio dell’assistenza! Fermiamoli con una firma!
  Massimo Bonfatti. Quando i coglioni versano
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. È il sistema che è marcio
  Vedovo di Monti?
  Primo Mastrantoni. Monti e la famiglia
  Piero Cappelli. Questi inguaribili partiti italiani senza futuro!
  Lidia Menapace. Il rischio massimo
  Lidia Menapace. Arroganza
  Lidia Menapace. Il centrodestra di Monti
  Napolitano: «Motivo di fiducia che i più convinti ed entusiasti sostenitori dell’Europa siano i giovani»
  Maria Lanciotti. Il Manifesto di Ventotene
  Manuale di sopravvivenza alla nuova sinistra. È uscito Il libro volante 2
  Andrea Ermano. Noi non ne siamo degni, ma loro sì
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Ventotene. Fino al 4 settembre, duecento giovani al seminario dei federalisti europei
  Giuseppe Candido. Europa dei Governi Nazionali o Patria europea?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Vincenzo Donvito. Riflessioni di un patriota alla vigilia del 20 Settembre
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy