Lunedì , 25 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
Altiero Spinelli versione Pop
Altiero Spinelli versione Pop 
09 Ottobre 2007
 

(Europeisti: di fatto o a parole?). (Quirinale: bilancio segreto… in arrivo timide riforme…). Bastano le parole per essere considerati dei veri e autentici europeisti? Per me no. Il giornalista Aldo Rizzo ha recensito sulle colonne de La Stampa (25 agosto ) il libro che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha scritto su Altiero Spinelli in occasione del centenario dalla sua nascita (Altiero Spinelli e l’Europa, Il Mulino).

Chi è Spinelli, le ultime generazioni, forse non sanno neppure chi è stato anche perché non l’hanno neppure trovato nei libri di scuola. Per farla breve si può dire, mutuando quanto scritto da Rizzo, che è stato «il fondatore dell’europeismo moderno inteso non più come astratto ideale…ma come progetto concreto di unificazione nella democrazia degli Stati nazionali…».

Riportiamo alcuni passaggi della recensione di Rizzo. Ma, quello che più ci preme è quanto Giorgio Ruffolo (area socialista, nda) scrive nella sua premessa: «Napolitano appare come l’erede ideale (il corsivo è nostro) di Altiero Spinelli». Inoltre, più sotto Rizzo passa in rassegna la posizione correntizia del Napolitano comunista dentro il P.C.I. affermando che «rappresentava l’ala “migliorista” (diciamo noi la destra del partito comunista italiano), tendenzialmente socialdemocratica e fu con Giorgio Amendola il promotore di quella svolta europeista che fu il primo vero gran segno di novità, anche ideologica, ben prima della caduta del Muro di Berlino. E, anche in riconoscimento di questo, Spinelli accettò di essere (candidato, nda) eletto nelle liste del P.C.I ai Parlamenti italiano ed europeo».

E l’eredità Spinelliana, Rizzo la accredita a Napolitano anche per un’altra ragione. Per il fatto che insieme a Ciampi è considerato il «difensore del progetto europeista, senza fughe dalla realtà (il corsivo è nostro), ma consapevole che, se si perde quell’ideale, o si diluisse in semplici accordi intergovernativi, gli italiani, soprattutto, non avrebbero un serio avvenire».

Veniamo a noi.

Spinelli è stato in carcere in epoca fascista e proprio dal confino nell’isola di Ventotene ha scritto il famoso Manifesto del 1941 con chiaroveggenza europeista di cui Napolitano ne parla come l’opera di un «grande visionario», proprio per questa sua prospettiva profetico-politica che ha avuto. Anche se poi non del tutto realizzata nemmeno fin’oggi per ciò che potremmo dire con una parola, Stati Uniti d’Europa.

Definire il nostro Presidente della Repubblica come« l’erede ideale» di Altiero Spinelli ci sembra veramente una forzatura, un’esagerazione, cari Ruffolo e Rizzo. Anche se il termine “ideale” ha tutta l’aria di un complimento, ma senza meriti concreti… però è sempre un merito…

Perché, non è tanto il fatto che anche Napolitano abbia pensato all’Europa ai tempi del P.C.I. e ci pensi ancor oggi parlandone nelle sue esternazioni. E fa bene. Ma tra il dire ed il fare – ricorda il proverbio – c’è in mezzo il mare. Noi speriamo che questo mare si restringa, proprio con riferimento a quello che potrebbe ancora fare il presidente Napolitano nel tempo che ne resta del suo settennato, affinché questo nostro Paese possa essere sempre più vicino a quell’Europa dello Spinelli che lui decanta molto.

E come?

Iniziando da ‘casa sua’ che dovrebbe diventare sempre più ‘casa di tutti gli italiani’, il Quirinale di Roma, la sua residenza abituale, ora come ora.

E se parliamo di realtà concrete, possiamo subito affermare che rispetto a ciò che di europeo – da parte di Napolitano abbiamo visto finora solo pochi accenni. La trasparenza politico-amministrativa che vige nei meandri della nostra Repubblica, è un’inezia rispetto a quella che è applicata concretamente nei vari stati europei (quelli di antica tradizione…). E che pure viene pretesa dalla stessa Europa comunitaria e istituzionale ad ogni occasione: dai semplici concorsi ai grandi atti di respiro pubblico. Si pensi che la stessa Regina d’Inghilterra pubblica sul sito imperiale i dati del suo bilancio. Per far vedere ai suoi sudditi-cittadini quanto spende, pound per pound, e per quale motivo lo spende. Invece da noi, caro signor Presidente della Repubblica italiana, e lei lo sa bene, i suoi cittadini-sudditi non lo sanno ancora. Ed il suo coraggio, di far trasparire qualcosina da quel costosissimo bilancio di ‘casa sua’, si è fermato dopo poche e ben vaghe voci.

È proprio di queste ultime ore l’annuncio del segretario generale del Quirinale Donato Marra che la spesa in più prevista per quest’anno di 17.000.000 di euro (passando dagli attuali 224 a 241 milioni), saranno a carico delle dotazioni proprie della Presidenza della Repubblica. Perché – spiega – ciò è dovuto all’aumento degli gli stipendi dei dipendenti (d’oro aggiungiamo noi!!), in quanto indicizzati a quelli dei loro colleghi del Senato. Inoltre Napolitano ha annunciato che – per contribuire alla riduzione dei costi della politica – il suo personale, nel prossimo triennio 2008-2010, non avrà l’aggancio automatico agli stipendi dei colleghi del Senato. Anche altri risparmi tra cui il blocco del turn over sul personale. Ma di quanti euro è uno stipendio di un dipendente del Senato?

Caro Presidente, vuol fare un atto che rimarrà impresso nella storia italiana? Pubblichi, come fa Elisabetta II che in ciò è ben più europeista di lei e al di là dei trattati condivisi , il bilancio di ‘casa sua’, del Quirinale come fanno i presidenti europei (s’intende ancora quelli doc) pragmaticamente europeisti. Invece di lasciarlo nascosto agli occhi di noi cittadini-sudditi italiani che con le nostre tasse manteniamo i costosissimi rivoli di spesa di quell’istituzione faraonica che lei oggi governa e le cui spese – in costi pubblici superano notevolmente quelli della Corona inglese.

Se poi, caro Presidente, gli italiani non vedessero quest’atto di trasparenza da parte sua, potrebbero sentirsi delusi ulteriormente, che il presidente Napolitano – visto il suo grande “ideale” europeista – non riesca ad imporre questa legittima trasparenza come nemmeno d'altronde i suoi predecessori sono stati capaci di volere e/o di fare. Ed il povero cittadino, pardon suddito, della strada cosa può pensare? Che il Quirinale sia in mano ad una ghenga di personaggi potenti capeggiati chissà da chi, i quali – proprio per non umiliare ulteriormente i sudditi-tartassati …(sic!) riescono ad avere la meglio anche sul loro primo ed egregio Inquilino, sempre s’intende, nell’interesse ‘pubblico’...(ri-sic!).

Le notizie del bilancio del Quirinale e il paragone con quello della Regina d’Inghilterra, non me le sono inventate io. Le stanno leggendo milioni di italiani sul libro La Casta che l’omonimo Rizzo, ma Sergio, con Gian Antonio Stella hanno scritto e che sta ottenendo uno strepitoso successo, edizione dopo edizione.

Quindi, cari Signori, Presidente e Giornalista, ci domandiamo perché ancora le belle parole, in questo caro Paese (in tutti i sensi…), non debbano essere sempre più messe di fronte, costantemente, ai fatti o ai non-fatti?

Ma per una volta, lasciamo andare…!” potrebbe dire qualcuno. Sì, lasciamo pure andare, cari Signori, ma anche queste nonostante tutto sono “fughe dalla realtà” in coincidenza di un ideale e di una realtà, molto stridenti. E poi qualcuno si lamenta di Beppe Grillo ?!

Realtà che tocca ogni italiano in due maniere: sia nel sentirsi vittima di numerose ed esose tasse che gli prosciugano il portafoglio spesso per alimentare anche una politica facilona e spendacciona; sia per continuare ad essere trattato ancora oggi, nel 2007 – proprio a cent’anni dalla morte di un glorioso europeista italiano come Spinelli , come un suddito che un cittadino.

E speriamo che per tutto questo non saremo incriminati per “lesa maestà”… non si sa mai!

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Napolitano: «Motivo di fiducia che i più convinti ed entusiasti sostenitori dell’Europa siano i giovani»
  Emma Bonino e Marco De Andreis. Non serve minacciare tagli. L’unica via sono gli eurobond
  Maria Lanciotti. Il Manifesto di Ventotene
  Manuale di sopravvivenza alla nuova sinistra. È uscito Il libro volante 2
  Andrea Ermano. Noi non ne siamo degni, ma loro sì
  Ventotene. Fino al 4 settembre, duecento giovani al seminario dei federalisti europei
  Giuseppe Candido. Europa dei Governi Nazionali o Patria europea?
  Francesco Pullia. Un progetto federalista per sconfiggere la spirale della violenza
  Vincenzo Donvito. Riflessioni di un patriota alla vigilia del 20 Settembre
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy