Giovedì , 06 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Iva 21%? Una mazzata su consumatori ed economia 
Perché non valutarne, invece, l'abolizione?
L
L'intesa Lega/Pdl si farà sull'1% d'IVA in più? Guai in vista... 
27 Agosto 2011
 

Stiamo andando spediti verso l'aumento dell'Iva dal 20 al 21%, un metodo come un altro per rastrellare soldi così come impostoci dall'Ue. Un metodo, per l'appunto, come un altro che ci fa sorgere una domanda: siccome questa imposta viene pagata solo dai consumatori finali che, non essendo soggetti con partita Iva, non la scaricano, siamo sicuri che la penalizzazione dei consumi sia il metodo giusto? Siamo sicuri che questo non porterà solo ad un maggiore esborso da parte dei consumatori e non ad una contrazione degli stessi consumi? Siccome viviamo in questo Paese e non sulla Luna, tutti sappiamo che un aumento dell'aliquota Iva di un punto non significherà che i prezzi aumenteranno della medesima percentuale, ma come minimo del 5%... non crediamo esista chi -tra produttori, distributori e commercianti- non raccoglierà l'occasione per specularci sopra.

A prezzi e costi mediamente aumentati del 5%, la contrazione dei consumi è una logica conseguenza. Contrazione che nel breve e lungo periodo avrà la sua influenza su chi produce servizi e prodotti, contrazione che avrà anche conseguenza sui posti di lavoro, sugli investimenti produttivi e, alla fin fine, sempre e solo sul cittadino consumatore e lavoratore, con prodotti e servizi più costosi e meno disponibilità di lavoro.

È il mercato. Dipende da come lo Stato lo vede e come vi si pone: se come regolatore dello stesso o come badante/infermiere. Grandi discorsi e grandi teorie lontane? Solo per chi vuole ignorare un piccolo punto di partenza in economia: le crisi non nascono dal nulla, ma sono il risultato di politiche sbagliate da parte dei vari governi, politiche che vanno riconsiderate se si vuole non solo fare i “bravi ragazzi” nei confronti dei “maestri” dell'Ue, ma anche far cambiare rotta al proprio Paese. Raschiare nel fondo del barile è' il tipico atto dell'aumento di una tassa sui consumi, provvedimento che può solo portare a far crescere lo sport nazionale del contribuente italiano, l'evasione. Il barile, invece, va cambiato, a partire dall'humus che lo regge, cioè la fiducia del contribuente; fiducia che non si conquista solo con più polizia e presunte pene più severe, ma trasformando lo Stato in un amico, e i buoni amici servono a far risparmiare soldi non a spenderne di più. Niente di meglio che abbassare le tasse e, per rimediare ai buchi, agire solo su se stessi (Stato e amministrazione) e sull'evaso.

Un Paese si risolleva non stremandolo ma dandogli nuova linfa e nuova fiducia. Come potremmo dar torto se, in un contesto come l'attuale e come quello che si prospetta nei prossimi anni,

- il consumatore sarà sempre più invogliato ad acquistarsi (più di quanto già non faccia oggi) un telefonino ad Hong Kong piuttosto che in negozi italiani;

- una azienda sarà sempre più invogliata a spostare la propria produzione in Romania o nella nascente Libia, piuttosto che mantenerla in Italia?

Per questo crediamo che muoversi nella prospettiva dell'abolizione dell'Iva possa essere una carta vincente. Certo, questo implicherebbe tante questioni, a partire dal nostro rapporto con l'Ue e il finanziamento che oggi facciamo di queste strutture comunitarie con parte di questa aliquota... ma l'Ue -che vorremmo avesse anche potere politico e non solo economico- si potrebbe finanziare anche attraverso altri canali. Così come il gettito fiscale nazionale che oggi deriva dall'Iva e da tutte le altre tasse simili potrebbe arrivare da una migliore e più attenta imposta sul possesso di beni immobili e finanziari e da una imposta sulle transazioni monetarie. Qui il discorso si fa articolato e non lo affrontiamo ora, perché allo stato ci interessa bloccare la tendenza distruttiva in atto, bloccando il bloccabile e indicando percorsi diversi che, proprio nei momenti peggiori in cui “tutti i nodi vengono al pettine”, hanno bisogno di creatività che sparigli il consolidato.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Manovra: Privilegi vaticani? È ora di darci un taglio!
  Manovra economica tappabuchi. E la prossima volta? ...Gli Stati Uniti d'Europa?
  Giovanni Maiolo. La LORO crisi NOI non la paghiamo!
  Carmelo Lentino. Tutto va a rotoli, ci vuole uno scatto d’orgoglio
  “Critichiamo la politica perché non è politica”. I Draghi Ribelli di via Nazionale
  Primo Mastrantoni. Manovra economica. Restituire agli italiani 1 miliardo e 685 milioni di euro
  Sviluppo. 30 milioni (a costo 0) in più
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Legalizzare droghe leggere
  Vincenzo Donvito. Con le liberalizzazioni si fa bene all'economia e alla salute dei cittadini
  Marco Lombardi. AAA-doremus
  Lidia Menapace. Governo Monti: non c'è nulla da esultare
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Fare emergere il 'nero' legalizzandolo. Per un'Italia più europea
  Piero Cappelli. Nuove misure economiche: il Governo è nel caos più assoluto! Che vergogna!
  Mario Staderini. Prime valutazioni sui provvedimenti del Governo
  Emma Bonino e Marco De Andreis. Non serve minacciare tagli. L’unica via sono gli eurobond
  G.C. Vallocchia. Anche i preti paghino l'ICI!!!
  Mario Staderini. Gli occhi dell’Europa puntati sull’Italia (e sul Vaticano)
  Il Movimento Nonviolento alla CGIL su sciopero, spese militari, guerra
  Martina Simonini. La manovra di Tremonti ci porterà a sbattere
  Comunità cristiane di base. ICI e Chiesa cattolica
  Nicola Vacca. Un marziano a Palazzo Chigi
  Valter Vecellio. Crisi. Cronache di un formicaio impazzito
  Manovra anticrisi: la riforma della controriforma forense? Un cambio di rotta Radicale!
  Marco Lombardi. La crisi economica e le onerose scelte di responsabilità
  Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla
  Donatella Poretti. A ciascuno il proprio ordine
  Cesare Maffi. Si può mettere a dieta la casta
  Patrizia Garofalo. Anche noi grondavamo sangue…
  Piero Cappelli. Coalizione per l’emergenza
  Manovra. L'intervento di Emma Bonino al Senato
  Emma Bonino, Marco De Andreis. Il realismo dell’utopia federalista
  Abolire i privilegi fiscali degli enti ecclesiastici
  Marco Lombardi. La banda degli onesti, cornuti e mazziati
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Alessandro Barchiesi. Tagliare!
  Flavio Lotti. Manovra economica: tagliate la spesa militare!
  Peppe Sini. Dallo sciopero generale all'alternativa nonviolenta
  Privilegi Vaticano. Ecco le prove di attività commerciali che non pagano l'ICI
  Walter Castaldo. W l'Italia!!!
  FAND e FISH. Manovre. No al taglio dell’assistenza! Fermiamoli con una firma!
  Massimo Bonfatti. Quando i coglioni versano
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. È il sistema che è marcio
  Antonella Beccaria. In Italia spendiamo ogni ora 3 milioni per armi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy