Giovedì , 06 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Crisi. Cronache di un formicaio impazzito
11 Novembre 2011
 

That’s all, folks”, titola in copertina L’Economist che saluta la fine del governo Berlusconi con la stessa frase che immancabilmente chiudono i cartoni animati della Warner Bros. E fa il paio con quel Sic transit gloria mundi che impazza nella rete, e ripete quel che Berlusconi disse alla notizia della morte di Gheddafi.

Già impazza il toto-ministri, come se non solo Berlusconi abbia già formalizzato le dimissioni (cosa che non ha fatto), come se già il presidente della Repubblica Napolitano abbia incaricato Mario Monti di cercare di formarne un altro (cosa ancora da venire), come se il presidente incaricato abbia già steso almeno uno scheletro di programma e, sottoposto ai vari attori politici, abbia ottenuto il loro ok…

Per ora, la situazione politica appare molto simile a un formicaio che qualcuno abbia devastato con una pedata. Silvio Berlusconi ai cronisti che gli chiedono cosa pensa dell’ipotesi di un governo di larghe intese o di emergenza appoggiato dal PdL, se l’è cavata con un laconico “Vediamo”; ed è poi tornato all’amarezza per quei “tradimenti” da parte dei “beneficiati: quelli di Roberto Antonione e di Gabriella Carlucci, in particolare: amarezza bollata come ingratitudine mostrata da persone che sono state beneficiate in tanti modi. Avrà senz’altro altri motivi di amarezza, Berlusconi.

Nel PdL si respira un clima da “notte dei lunghi coltelli”. L’ala ex AN è quella più abbarbicata alla poltrona (guardarli in faccia i Maurizio Gasparri, gli Altero Matteoli, gli Ignazio La Russa e vedere i parlamentari affrescati da Paolo Virzì in “Caterina va in città” è un tutt’uno); ed è quella che minaccia apertamente sfracelli, in significativa simbiosi con i ministri di area socialista come Maurizio Sacconi e Renato Brunetta; in questo sono spalleggiati dal lavorio dei tre “amigos”, i direttori de Il Foglio, de Il Giornale e di Libero: Giuliano Ferrara, Maurizio Belpietro e Alessandro Sallusti sono dichiaratamente favorevoli a elezioni anticipate subito, e non è improbabile che riflettano umori e tentazioni di Berlusconi. Sempre nel Pdl però non manca chi è dichiaratamente disponibile al nuovo esecutivo, una “rete” che va dai Giuseppe Pisanu ai Claudio Scajola; e si arriva all’attacco diretto sferrato dalle colonne del Giornale al ministro degli Esteri in carica Franco Frattini. La Lega con Uberto Bossi fa sapere che “è bello stare all’opposizione”, e che “da fuori si può controllare meglio”; ma intanto Roberto Maroni lavora silenzioso per la successione, ed è a lui che si guarda, non certo a personaggi come Roberto Calderoli o il “trota”, cerchio o non cerchio magico che ci sia.

L’Italia dei Valori è tutto meno che compatta, e la lettera incautamente resa nota dal senatore Pancho Pardi è solo la punta di un più vasto malumore che percorre e agita il partito di Antonio Di Pietro: sensibile più ai possibili ricavi elettorali che gli possono portare le elezioni anticipate che al baratro in cui può precipitare il paese. Del resto, non c’è di che stupirsi. L’uomo è così, tanto meglio tanto peggio, non si smentisce neppure questa volta. Quanto al PD non si saprebbe dire, dilaniato com’è da mille dubbi, posizioni, pseudo-strategie. Tutti dicono il contrario di tutto, e davvero appare difficile scorgere una posizione. “La politica è a una svolta, rifletteremo sulla chiusura del berlusconismo. Ma problema sarà capire e chiederci che tipo di democrazia vogliamo: se vogliamo ancora i salvatori della patria o se capiamo che ci salviamo solo tutti assieme”, dice il segretario Pier Luigi Bersani, nel corso della presentazione del libro di Maurizio Lupi La prima politica è vivere. Par di sentirlo, mentre pronuncia la storica frase, in puro accento bettolese. Poi uno si ferma a pensare: e dunque? E allora? E soprattutto: che significa? E ancora non si sono prodotti Rosy Bindi, Giuseppe Fioroni, Massimo D’Alema, Walter Veltroni… Ma non bisogna disperare: non mancheranno di indicare e spiegare quale sia il modo migliore per sbagliare.

Napolitano sta faticosamente tessendo la sua rete per arrivare all’incarico Monti; e occorre tenere d’occhio il contesto internazionale. Si sospetta, per esempio, un lavorio francese per arrivare a una sorta di Euro a due velocità, che potrebbe così declassare l’Italia in serie B. È forse anche per questo motivo, si fa osservare, per cui il Capo dello Stato ha ribadito che il nostro paese sarà all’altezza dei compiti che gli sono richiesti dall’Unione Europea; la telefonata del presidente americano Barak Obama e il lungo incontro con Monti al Quirinale si inseriscono in questo scenario. L’iniziativa della Casa Bianca è un indubbio aiuto al lavoro del presidente della Repubblica, un chiaro segnale rivolto a Parigi e Berlino. L'ipotesi di un governo Monti è stata ben accolta dai mercati ed è stata incoraggiata dal cancelliere Angela Merkel. Ma, non si stanca di ripetere il Quirinale, c’è poco tempo, e certe notizie che rimbalzano da Roma – come il surreale totoministri già in corso a Montecitorio – rischiano di comprometterne il cammino, restituendo l’immagine di un paese preda del solito teatrino politico.

Una volta tanto si può essere d’accordo con il leader dell’UdC Pier Ferdinando Casini (meglio: una volta tanto, Casini sembra essere d’accordo con i radicali): “Per la maggioranza e opposizione Berlusconi è stato un grande alibi, un 'manto' per non doversi misurare con la drammaticità delle situazioni. La caduta del governo Berlusconi porterà tutti a fare i conti con se stessi perché i governi passano ma i problemi rimangono”. Quell’alibi ora è venuto meno. Ora siamo a Rodi, e ora occorre saltare.

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 11 novembre 2011)


Articoli correlati

  Manovra: Privilegi vaticani? È ora di darci un taglio!
  Manovra economica tappabuchi. E la prossima volta? ...Gli Stati Uniti d'Europa?
  Giovanni Maiolo. La LORO crisi NOI non la paghiamo!
  Carmelo Lentino. Tutto va a rotoli, ci vuole uno scatto d’orgoglio
  “Critichiamo la politica perché non è politica”. I Draghi Ribelli di via Nazionale
  Primo Mastrantoni. Manovra economica. Restituire agli italiani 1 miliardo e 685 milioni di euro
  Sviluppo. 30 milioni (a costo 0) in più
  Vincenzo Donvito. Iva 21%? Una mazzata su consumatori ed economia
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Legalizzare droghe leggere
  Vincenzo Donvito. Con le liberalizzazioni si fa bene all'economia e alla salute dei cittadini
  Marco Lombardi. AAA-doremus
  Lidia Menapace. Governo Monti: non c'è nulla da esultare
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. Fare emergere il 'nero' legalizzandolo. Per un'Italia più europea
  Piero Cappelli. Nuove misure economiche: il Governo è nel caos più assoluto! Che vergogna!
  Manovra anticrisi: la riforma della controriforma forense? Un cambio di rotta Radicale!
  Mario Staderini. Prime valutazioni sui provvedimenti del Governo
  Emma Bonino e Marco De Andreis. Non serve minacciare tagli. L’unica via sono gli eurobond
  G.C. Vallocchia. Anche i preti paghino l'ICI!!!
  Mario Staderini. Gli occhi dell’Europa puntati sull’Italia (e sul Vaticano)
  Il Movimento Nonviolento alla CGIL su sciopero, spese militari, guerra
  Martina Simonini. La manovra di Tremonti ci porterà a sbattere
  Comunità cristiane di base. ICI e Chiesa cattolica
  Nicola Vacca. Un marziano a Palazzo Chigi
  Marco Lombardi. La crisi economica e le onerose scelte di responsabilità
  Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla
  Donatella Poretti. A ciascuno il proprio ordine
  Cesare Maffi. Si può mettere a dieta la casta
  Piero Cappelli. Coalizione per l’emergenza
  Patrizia Garofalo. Anche noi grondavamo sangue…
  Manovra. L'intervento di Emma Bonino al Senato
  Emma Bonino, Marco De Andreis. Il realismo dell’utopia federalista
  Abolire i privilegi fiscali degli enti ecclesiastici
  Marco Lombardi. La banda degli onesti, cornuti e mazziati
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Alessandro Barchiesi. Tagliare!
  Flavio Lotti. Manovra economica: tagliate la spesa militare!
  Peppe Sini. Dallo sciopero generale all'alternativa nonviolenta
  Privilegi Vaticano. Ecco le prove di attività commerciali che non pagano l'ICI
  Walter Castaldo. W l'Italia!!!
  FAND e FISH. Manovre. No al taglio dell’assistenza! Fermiamoli con una firma!
  Massimo Bonfatti. Quando i coglioni versano
  Vincenzo Donvito. Crisi economica. È il sistema che è marcio
  Antonella Beccaria. In Italia spendiamo ogni ora 3 milioni per armi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy