Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Lombardi. Trivelle incombono sul potere dello Stato
29 Marzo 2016
   

Cosa c'entra il referendum “trivelle sì/no” con il TTIP, il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti in via di definizione? A prima vista niente. Ma non è così.

Innanzitutto è bene fare luce su che cosa potremo decidere il prossimo diciassette aprile, il nudo impatto giuridico. A tal fine è d'obbligo un passo indietro. Subito dopo il disastro ambientale del Golfo del Messico del duemiladieci, quando più di cento milioni di litri di greggio si sversarono nell'oceano da una piattaforma petrolifera, il Governo Berlusconi approvò al volo un decreto-legge per rafforzare i limiti vigenti allo sfruttamento di pozzi di idrocarburi liquidi e gassosi in mare. Ad oggi essi consistono nel divieto di realizzare le così dette “attività upstream” in determinate aree protette di mare, entro dodici miglia dalle stesse e, soprattutto, entro dodici miglia lungo l'intero perimetro costiero nazionale. L'attività upstream concerne la ricerca, l'indagine e la coltivazione di un pozzo, dove il termine coltivazione va concepito in senso agricolo, fase di raccolta, o meglio estrazione, compresa. Il divieto faceva salve le concessioni già attive al duemiladieci, che comunque restavano sottoposte a concessione pubblica, vale a dire una scadenza del diritto a coltivare il pozzo entro la quale l'autorità pubblica poteva decidere se rinnovarlo o no, in relazione ad una valutazione ambientale. Fermo restando che la politica è notoriamente più sensibile ai posti di lavoro che all'ecosistema, rimaneva cioè in capo allo Stato, nello specifico alle Regioni, il potere di tutelare un interesse superiore, quello dell'ambiente. Hai visto mai. Con l'ultima legge di stabilità, approvata il dicembre scorso, questo potere di concessione è stato eliminato, estendendo i titoli di sfruttamento upstream già attivi all'entrata in vigore del divieto del duemiladieci, a tutta la durata di vita del giacimento. Un tempo indeterminato senza che l'autorità pubblica possa interrompere tale rapporto, neppure per giusta causa: una sorta di articolo 18 iper-rafforzato a favore delle multinazionali energetiche (gira strano il mondo...).

Il prossimo diciassette aprile, con un SÌ, potremo decidere di abrogare questa modifica apportata dalla legge di stabilità. La vittoria del SÌ non pone ulteriori divieti, non chiude alcuna attività, ma semplicemente restituisce allo Stato il potere di tutelare l'interesse generale attraverso lo strumento della concessione che, per sua natura, non può che avere una scadenza, perché altrimenti trattasi di donazione e lo Stato non può donare un bene che non gli appartiene, poiché è di tutti. Il legame con il TTIP è forse ora più chiaro, votare SÌ per ribadire un principio sacrosanto e cioè che l'interesse economico particolare, seppur con ampi benefici diffusi, non deve prevalere a priori su quello generale. Votare SÌ per affermare che un contratto commerciale subisce limiti scritti e non scritti dell'interesse pubblico, che nessun arbitrato privato potrà mai cancellare.

 

Marco Lombardi


Articoli correlati

  17 Aprile: SÌ al tramonto delle trivelle!
  Sondrio. Di nuovo in piazza attivisti 5 Stelle
  Giuseppe Civati. Andare a votare e votare presto
  Michele Governatori. Referendum “trivelle”: cosa votare?
  Claudio Protto. Il 17 vota e vota sì
  Morbegno, giovedì 14: aperitivo No-Triv e appello al voto
  17 aprile 2016. Referendum sulle trivelle in mare
  Milano. Radicali d'aprile
  Giuseppe Candido. Stato di diritto e Referendum sulle trivellazioni
  Sondrio Possibile. Sì al referendum del 17 aprile
  Sondrio. Domenica banchetto informazioni 5 Stelle
  L'Anpi provinciale di Viterbo per il Sì al referendum del 17 aprile
  Lidia Menapace. La sovranità
  Lidia Menapace. Il referendum del 17 aprile
  Pietro Yates Moretti. Referendum fallito? Nessuno scagli la prima pietra
  L'irriverente e il Referendum trivelle
  WWF: Perché votare il 17 aprile e perché votare Sì
  Giuseppe Civati. Se la mobilitazione muove dal Sud
  In difesa della natura contro le trivellazioni petrolifere in mare
  Marco Morosini. Ma non basta limitare le trivelle in Italia
  TV. Informazione e referendum: tardi non è meglio che mai
  Benedetto Della Vedova. Ipocrisie degli astensionisti di ieri e di oggi sui referendum
  Sondrio 5 Stelle. Vota Sì al Referendum e acqua pubblica
  Movimento Nonviolento: Votare Sì il 17 aprile
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy