Giovedì , 17 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Morbegno, giovedì 14: aperitivo No-Triv e appello al voto 
Referendum: vademecum per aprire un varco
13 Aprile 2016
 

Ultimo appuntamento della campagna referendaria di Possibile per il referendum sulle trivellazioni di domenica 17 aprile.

 

Giovedì 14, dalle ore 12 alle 13

a Morbegno

presso il Caffè del Centro

di Piazza S. Antonio

APERITIVO NO-TRIV

E APPELLO AL VOTO”

Un momento di presenza nel centro della città, nell'ora di uscita di studenti e insegnanti dalle scuole superiori... l'ora dell'aperitivo.

Un utile pro-memoria per ricordare l'appuntamento di domenica 17, dalle 7 alle 23, prima di tutto PER ESERCITARE IL DIRITTO DI VOTO, cioè la propria sovranità di cittadini-elettori; poi un INVITO A VOTARE SÌ per un modello energetico che guardi al futuro, alle energie rinnovabili, davvero pulite, sottratte alla speculazione di pochi, sotto il controllo dei territori e dei loro abitanti!

 

Qui sotto un approfondimento delle motivazioni che ci spingono ad insistere fino all'ultimo con l'informazione... contando molto anche sul lavoro della stampa locale.

 

 

 

REFERENDUM: VADEMECUM

PER APRIRE UN VARCO

 

Il referendum abrogativo del 17 aprile 2016 è circondato da una fitta nebbia, sparsa dal Governo con la tacita partecipazione del Presidente della Repubblica. Si tratta di quella nebbia densa di disinteresse, disinformazione e mistificazione che l’esecutivo tenta di sfruttare al fine di favorire, maliziosamente, la prevalenza dell’astensionismo, la quale pare essere agevolata dal fatto che la consultazione sia stata indetta a soli due mesi dal decreto di indizione, senza tra l’altro essere incorporata, come logica economica ed etica civica avrebbero imposto, alle elezioni amministrative che si terranno a giugno, con spregio di quell’agone politico che è l’anima stessa di una democrazia pluralista.

Ai cittadini spetta l’arduo ma quanto mai vitale compito di aprirsi un varco attraverso di essa. Un varco che sia il risultato di quell’impegno, di quella consapevolezza e, soprattutto, di quella partecipazione che sembrano intimorire l’odierno apparato politico. Un varco che permetta di scorgere i fatti e di edificarvi sopra una coscienza critica.

Attraverso quel varco, ad esempio, si potrebbe vedere che la proroga sine die delle concessioni e dei permessi di ricerca già rilasciati entro il limite delle 12 miglia dalla costa non è solo contraddittoria con il divieto che ve ne siano delle nuove entro la stessa zona, ma anche, molto probabilmente, contraria alla normativa europea sulla libera concorrenza. Attraverso quel varco, poi, si potrebbe vedere che le piattaforme interessate dal referendum sono 92 (di cui solo 48 eroganti) e che esse hanno coperto, nel 2015, solo lo 0,9% e il 2,8% del consumo nazionale rispettivamente di petrolio e gas naturale: quantità irrisorie, agevolmente rimpiazzabili dall’ulteriore implementazione di fonti di energia rinnovabile (che già coprono, peraltro, oltre il 17% del fabbisogno energetico primario nazionale). Attraverso quel varco, inoltre, si potrebbe vedere che il referendum non comporterà la chiusura immediata degli impianti di estrazione che si trovano entro le 12 miglia marine: essi, infatti, verranno dismessi gradualmente, alla scadenza delle loro attuali concessioni, le quali termineranno tra il 2016 e il 2034; ciò permette di immaginare agevolmente la possibilità di ricollocare quelle poche migliaia di lavoratori occupati nelle attività estrattive (circa 500, tra addetti diretti e indiretti, per tutte le piattaforme che estraggono greggio interessate dal referendum) attraverso una adeguata politica di valorizzazione delle grandi risorse di energia rinnovabile di cui il nostro paese dispone (e che già occupano un totale di 82.500 addetti). Ed ancora, attraverso quel varco, si potrebbe anche vedere che il gettito fiscale complessivo (e non solo ricavato dalle royalties!) che le attività interessate dal referendum generano è pari a 200-300 milioni di euro annui: insomma all’incirca la cifra che l’esecutivo ha scelto deliberatamente di sprecare per sfavorire la partecipazione degli elettori al voto, indicendo isolatamente e senza adeguato preavviso la consultazione referendaria. E sempre attraverso quel varco, poi, si potrebbero vedere numerose associazioni rappresentative di operatori del settore del turismo e della pesca che si sono schierate per la chiusura degli impianti entro le 12 miglia marine, con la certezza che le tecniche di prospezione del fondale marino comunemente utilizzate (ad es. l’air-gun) danneggiano la fauna ittica diminuendo, di conseguenza, la quantità di pescato. Infine, attraverso quello stesso varco, si potrebbe vedere che i dati sui monitoraggi ambientali relativi a quegli impianti di estrazione non sono pubblici e che anzi il MATTM non li fornisce integralmente nemmeno quando gli sia stata presentata una pubblica istanza: ciò nonostante, da quei pochi dati di cui si dispone, si riesce comunque a rilevare la presenza di sostanze inquinanti oltre gli standard di qualità ambientale, essendo oltre a ciò accertato da alcuni autorevoli studi l’esistenza di relazioni, la cui entità non è però quantificabile, tra la presenza delle piattaforme, il fenomeno della subsidenza e l’attività sismica.

Insomma, attraverso quel varco si può intravedere una via: è la via del SÌ al referendum abrogativo, la quale conduce a quell’edificio culturale dalla cui cima si può ammirare la straordinaria bellezza di un’Italia che valorizza le proprie risorse ambientali (turismo, pesca ed energie rinnovabili) attraverso un modello economico sostenibile, superando quella coltre di nebbia che è sporca di inerzia e disinteresse, che puzza di appiattimento del pluralismo democratico e di bieca mistificazione. Ma quell’edificio potrà essere davvero elevato solo qualora alle sue fondamenta vi sia un rigoroso senso di responsabilità, civica e ambientale, che si concretizzi nello sforzo quotidiano di ciascuno a diffondere e ad applicare un sincero “eco-pensiero”: solo in tal modo, indipendentemente dall’esito della consultazione referendaria, si potrà contribuire alla salvaguardia globale dell’ambiente in cui viviamo.

 

Possibile Comitato Lettera VII


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Il referendum del 17 aprile
  L'irriverente e il Referendum trivelle
  WWF: Perché votare il 17 aprile e perché votare Sì
  TV. Informazione e referendum: tardi non è meglio che mai
  Sondrio. Domenica banchetto informazioni 5 Stelle
  Michele Governatori. Referendum “trivelle”: cosa votare?
  Claudio Protto. Il 17 vota e vota sì
  Sondrio. Di nuovo in piazza attivisti 5 Stelle
  Giuseppe Civati. Se la mobilitazione muove dal Sud
  17 aprile 2016. Referendum sulle trivelle in mare
  Milano. Radicali d'aprile
  Sondrio Possibile. Sì al referendum del 17 aprile
  L'Anpi provinciale di Viterbo per il Sì al referendum del 17 aprile
  17 Aprile: SÌ al tramonto delle trivelle!
  Marco Lombardi. Trivelle incombono sul potere dello Stato
  Pietro Yates Moretti. Referendum fallito? Nessuno scagli la prima pietra
  Giuseppe Candido. Stato di diritto e Referendum sulle trivellazioni
  Giuseppe Civati. Andare a votare e votare presto
  Movimento Nonviolento: Votare Sì il 17 aprile
  In difesa della natura contro le trivellazioni petrolifere in mare
  Marco Morosini. Ma non basta limitare le trivelle in Italia
  Sondrio 5 Stelle. Vota Sì al Referendum e acqua pubblica
  Lidia Menapace. La sovranità
  Benedetto Della Vedova. Ipocrisie degli astensionisti di ieri e di oggi sui referendum
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy