Venerdì , 06 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Claudio Protto. Il 17 vota e vota sì
07 Aprile 2016
   

Ma il 17 si vota?

Ma va?!

E per cosa si vota?

Non lo so.

Sono brani di comuni conversazioni che si svolgono nelle famiglie, per le strade, al bar, dal barbiere.

Stanno a testimoniare l’assordante silenzio dei mass media: stampa, televisione, etc. sul referendum del 17 aprile che vuole fermare le trivellazioni sui nostri mari per estrarre gas e petrolio.

Un noto partito di governo e un noto presidente del consiglio (che invece sui mass media è presente, eccome!) hanno invitato a non votare il 17 aprile; come se l’esercizio del diritto-dovere di voto non fosse un aspetto essenziale della democrazia, come se il referendum non fosse una delle poche occasioni di democrazia diretta con cui si manifesta la volontà popolare.

Se l’Italia non è ammorbata da centrali nucleari, se l’acqua è pubblica (anche se qualcuno non rinuncia al tentativo di privatizzarla) è grazie ai referendum.

Il 17 aprile si tenta di vanificare il diritto dei cittadini di cancellare attraverso il referendum le leggi sbagliate.

L’argomento dei sostenitori dell’astensione, cioè del non andare a votare, è che questo referendum non serve a nulla.

Ma riflettiamo un momento sul perché coloro che vogliono far “saltare” il referendum (perché il referendum sia valido, deve votare almeno il 50% più uno degli aventi diritto al voto) invitano a non votare, invece che a votare No. Il motivo è semplice: Perché sanno che le persone coscienti e informate andranno a votare Sì e quindi puntano sul disinteresse e la disinformazione.

 

Ma che cosa si chiede esattamente con il referendum del 17 aprile?

Si chiede agli elettori di FERMARE LE TRIVELLAZIONI IN MARE, in questo modo si riuscirà a tutelare definitivamente le acque territoriali italiane.

Nello specifico si chiede di cancellare la norma che consente alle società petrolifere di cercare ed estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia dalle coste italiane SENZA LIMITI DI TEMPO. Nonostante, infatti, le società petrolifere non possano più richiedere per il futuro nuove concessioni per estrarre in mare entro le 12 miglia, le ricerche e le attività petrolifere già in corso non avrebbero più scadenza certa.

Se si vuole mettere definitivamente al riparo i nostri mari dalle attività di trivellazione OCCORRE VOTARE SÌ AL REFERENDUM. In questo modo le attività petrolifere andranno progressivamente a cessare secondo la scadenza fissata al momento del rilascio delle concessioni, quindi senza ledere alcun diritto.

La vittoria del Sì non farebbe perdere alcun posto di lavoro, perché le attività di trivellazione non cesserebbero immediatamente, ma alla data pattuita con le concessioni.


Quali sono in positivo le ragioni che militano a favore del Sì?

Innanzitutto LA DIFESA DELL’ECOSISTEMA DEI NOSTRI MARI: della flora e della fauna marina, già depauperate da uno sfruttamento secolare delle acque; ma anche la difesa delle nostre coste (e quindi dei loro abitanti, dei turisti, ecc.) DAI RISCHI DI INQUINAMENTO sempre possibili in presenza di attività estrattive.

E a proposito di occupazione, non è forse meglio per le nostre zone di mare puntare sul TURISMO di qualità, sulla PESCA, sull’AGROALIMENTARE piuttosto che sulle trivelle?

Così la pensano le 9 REGIONI ITALIANE, che hanno promosso questo referendum con il voto dei rispettivi Consigli.

Qualcuno sostiene che il petrolio e il gas estratti dal mare ridurrebbero significativamente il nostro deficit energetico; ebbene tutto il petrolio presente sotto il mare italiano coprirebbe solo per 8 settimane il fabbisogno nazionale di greggio. Si tenga poi conto che le società estrattrici possono vendere i loro prodotti in tutto il mondo e allo stato italiano va solo un importo equivalente al 7% del valore del petrolio estratto e del 10%per il gas.

Non è forse il momento per l’Italia di CAMBIARE LA POLITICA ENERGETICA e puntare sulle ENERGIE RINNOVABILI E NON INQUINANTI, facendo fronte anche agli IMPEGNI ASSUNTI ALLA CONFERENZA DI PARIGI DI DICEMBRE SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI? In questo modo, promuovendo le rinnovabili, si potrebbero generare MIGLIAIA DI NUOVI POSTI DI LAVORO, come è avvenuto in altri paesi

Non farti fregare

VOTA SÌ

 

Comitato provinciale per il Sì

Studenti per il Sì

(segnalato da Claudio Protto)


Articoli correlati

  Giuseppe Civati. Andare a votare e votare presto
  17 aprile 2016. Referendum sulle trivelle in mare
  17 Aprile: SÌ al tramonto delle trivelle!
  Lidia Menapace. La sovranità
  Morbegno, giovedì 14: aperitivo No-Triv e appello al voto
  Lidia Menapace. Il referendum del 17 aprile
  Sondrio. Domenica banchetto informazioni 5 Stelle
  Benedetto Della Vedova. Ipocrisie degli astensionisti di ieri e di oggi sui referendum
  Milano. Radicali d'aprile
  Sondrio Possibile. Sì al referendum del 17 aprile
  Movimento Nonviolento: Votare Sì il 17 aprile
  Michele Governatori. Referendum “trivelle”: cosa votare?
  L'Anpi provinciale di Viterbo per il Sì al referendum del 17 aprile
  Marco Lombardi. Trivelle incombono sul potere dello Stato
  Pietro Yates Moretti. Referendum fallito? Nessuno scagli la prima pietra
  Giuseppe Civati. Se la mobilitazione muove dal Sud
  WWF: Perché votare il 17 aprile e perché votare Sì
  In difesa della natura contro le trivellazioni petrolifere in mare
  L'irriverente e il Referendum trivelle
  Marco Morosini. Ma non basta limitare le trivelle in Italia
  Sondrio 5 Stelle. Vota Sì al Referendum e acqua pubblica
  Sondrio. Di nuovo in piazza attivisti 5 Stelle
  Giuseppe Candido. Stato di diritto e Referendum sulle trivellazioni
  TV. Informazione e referendum: tardi non è meglio che mai
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy