Venerdì , 15 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enea Sansi. Referendari e referendum
04 Ottobre 2016
 

Grazie a Radio Radicale, domenica ho potuto sentire l'intervento che Benedetto Della Vedova ha tenuto alla giornata conclusiva del Congresso dell'As­so­cia­zio­ne Luca Coscioni. Tra le altre cose che ha detto, sulla le­ga­liz­za­zio­ne della cannabis e le relative iniziative in corso – quella parlamentare e quella popolare – e sull'Europa, ha voluto soffermarsi sull'appuntamento elettorale del 4 dicembre inerente la riforma costituzionale licenziata, a stretta maggioranza, dal Parlamento.

Per motivare la ragione del Sì tra i radicali, referendari per antonomasia, ha richiamato l'attenzione sulla rivisitazione dell'art. 75 Costituzione che consentirebbe di rilanciare l'istituto del referendum, attraverso l'abbassamento del quorum (alla «maggioranza dei votanti alle ultime elezioni della Camera dei deputati») nel caso in cui la richiesta di indizione venisse «avanzata da ottocentomila elettori».1

In realtà, però, così non è. Vediamo.

Raccogliere cinquecentomila sottoscrizioni autenticate non è impresa di poco conto (ne sanno qualcosa tutti quanti ci hanno provato dagli anni '70 in poi); impresa che diventa pressoché impossibile quando venga negata ai cittadini la possibilità di conoscere l'esistenza della proposta. Un'iperbole pensare di raccoglierne ottocentomila. Di fatto il trattamento differenziato incentiva la possibilità che, da strumento per minoranze organizzate che non ne hanno altri per intervenire nel processo legislativo, l'istituto divenga (ancor più di quanto già non lo sia divenuto con l'attuale assetto) appannaggio esclusivo di grandi partiti o centrali sindacali, che già dispongono di tutti gli altri strumenti rappresentativi e concertativi. Si veda, da ultimo, la raccolta firme proprio per l'odierno referendum costituzionale da parte dei Comitati per il Sì (in sostanza il PD) e di quelli per il No, con successo soltanto per i primi (che appena però hanno raggiunto l'attuale soglia di cinquecentomila) o quella della confederazione sindacale CGIL (che ha superato il milione di sottoscrizioni su un pacchetto di proposte abrogative in materia di lavoro).

D'altro canto l'abbassamento del quorum, anziché la sua eliminazione, oltre che risultare arbitrario, artificioso e discutibile,2 non assicura in alcun modo contro il suo mancato raggiungimento e quindi continuerà a lusingare quanti intenderanno 'boicottare' il risultato sommandosi al (sempre lievitante) astensionismo 'fisiologico'. Cosa che invece sicuramente non avverrà, ad esempio, nel prossimo referendum 'costituzionale' che, proprio e soltanto perché non prevede un quorum, lo vedrà (come in effetti sempre è stato) superato.

 

Per concludere, caro Benedetto, da referendario a referendario, il punto può effettivamente risultare dirimente per decidere il voto, ma che lo sia per il Sì... ho ben più di un forte dubbio. E, visto che ne hai facoltà e capacità (come dimostra l'intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis), perché non essere promotore di un disegno di legge costituzionale per la cancellazione del quorum dall'art. 75?

 

Enea Sansi

 

 

1 TESTO LEGGE COSTITUZIONALE (G.U. n. 88 del 15/04/2016).

Art. 15. (Modifica dell'articolo 75 della Costituzione).

1. L'articolo 75 della Costituzione è sostituito dal seguente:

«Art. 75. – È indetto referendum popolare per deliberare l'abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente forza di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.

Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.

Hanno diritto di partecipare al referendum tutti gli elettori.

La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto o, se avanzata da ottocentomila elettori, la maggioranza dei votanti alle ultime elezioni della Camera dei deputati, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.

La legge determina le modalità di attuazione del referendum». (Sono evidenziati i ritocchi e le integrazioni rispetto al testo vigente, ndr).

2 Quanti dei votanti alle ultime elezioni della Camera dei deputati non risulteranno più iscritti nelle liste elettorali (per decesso o per altre cause) nel momento di referendum celebrati anni dopo? Ricordate, di già, le denunce radicali circa il mancato aggiornamento (e la relativa mancata trasparenza) delle liste elettorali per la determinazione di quorum mancati per lo zero virgola?


Articoli correlati

  Roberta De Monticelli. Ma perché dici sì a una riforma costituzionale sulla quale sputi?
  A Morbegno e a Tirano incontri pubblici del M5S sul referendum costituzionale
  Francesco Cecchini. Lorenzoni Anpi e Puppato Partito democratico
  “Nexus causalis”. Io voto NO perché...
  Enea Sansi. Combinato (in)disposto
  Giuseppe Civati. Il nostro impegno per il no alla riforma costituzionale, e non solo
  Felice Besostri. Verso il Referendum: Perché No
  Lidia Menapace. Esercitare la sovranità popolare: e uno, e due, ecc.
  Referendum: “La par condicio non c'entra nulla”
  Renato Pasqualetti. Il dato che emerge è la confusione
  Carlo Forin. È sbagliato il quesito costituzionale
  Andrea Ermano. Chi dice instabile a chi?
  Lettera VII. “Elezioni” pro­vin­cia­li: prove tec­ni­che di nuovo Senato
  Giuseppe Civati. Decisamente no, contro le leggende metro­po­li­ta­ne, da qualsiasi parte esse provengano
  Intervallo/ Sillogismi e Casa Pound
  Cesare Salvi. Berlinguer e la riforma costituzionale
  Il Presidente incarichi Enrico Letta
  “Re-nzi-ferendum”. Io voto NO perché...
  Mario Lucchini. L’inghippo
  Giannelli. Prognosi riservata
  Lidia Menapace. Periodo sismico
  Cappato (Ass. Coscioni): “Bloccato servizio Iene su disabili con Renzi”
  Carlo Forin. L’inferno dei viventi
  Lidia Menapace. Referendum
  Autonomia di Valtellina e Valchiavenna: Vittoria del NO. La parola ora ai cittadini
  Andrea Ermano. Se voto “No” casca il mondo?
  Carlo Forin. Come votano i 'veri' partigiani?
  Paolo Diodati. Renzi all’ultima spiaggia: “Senza di Me… il diluvio!”
  Le menzogne della Ministra Boschi e del Sen. Mauro Del Barba
  I-Lab. Chiavenna: Evento in-formativo sul Referendum costituzionale
  Lidia Menapace. Le priorità
  Vuoi votare per il referendum? Io voto SÌ perché...
  Enea Sansi. Della tesaurizzazione dei risultati del Refe­ren­dum del 4 dicembre
  Referendum. Contro lo sfascismo, proposte di legge per la riforma
  Carlo Onofrio Gori. Battiquorum
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Giuseppe Civati. Se la mobilitazione muove dal Sud
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  17 aprile 2016. Referendum sulle trivelle in mare
  Radicali Italiani impegnati per la riforma dell'istituto referendario
  Raniero La Valle. La legge beffa
  Nuovo sondaggio. Quella piccola ma urgente riforma costituzionale...
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
  Benedetto Della Vedova. Ipocrisie degli astensionisti di ieri e di oggi sui referendum
  Farmacisti e referendum. Bene gli obiettivi ma attenti alle false sirene
  Si firma per “Ero straniero – L’umanità che fa bene”
  Elezioni. A Firenze le illegalità: induzione al non-voto referendario nei seggi
  Piccoli esperimenti di democrazia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy