Martedì , 19 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare 
La Cassazione: “Si voti anche sul nucleare”
01 Giugno 2011
 

La notizia che giunge dalla Corte di Cassazione con la decisione che conferma anche il referendum sul nucleare tra quelli sui quali i cittadini sono chiamati a votare il 12 e 13 giugno, ci offre l'occasione per proporvi questo contributo di Gino Songini, ancora inedito sul web, dal numero di aprile del Gazetin.

 

 

Chi scrive ha già avuto modo di dire la sua intorno alla questione del nucleare (vedi Gazetin dell'agosto 2009) e, senza la presunzione di avere in tasca la verità rivelata, si è espresso con chiarezza al riguardo. Quanto successo in Giappone altro non ha fatto che rafforzare la sua convinzione antinucleare.

Si dice e si ripete che tale questione non va affrontata sull'emotività del momento, ma che occorre ponderarla sulla base di dati tecnici e scientifici oggettivamente valutati. Bene. Per quanto mi riguarda mi sono espresso sull'argomento in tempi non sospetti, quando dal disastro di Chernobyl già erano trascorsi più di venti anni e quando della centrale atomica di Fukushima nemmeno si sapeva l'esistenza. Detto questo mi chiedo: ma che cosa mai vuol dire che “la questione non va affrontata sull'emotività del momento”? Che dobbiamo chiudere gli occhi davanti a ciò che vediamo? Che non dobbiamo farci carico del dolore delle vittime? Che non dobbiamo temere per il destino di tanti esseri umani segnati per la vita dalle contaminazioni dell'ambiente, terra, acqua, aria, nel quale si sono trovati a vivere? Scusate, ma personalmente non riesco proprio a capire perché non dovrei giudicare “sull'emotività del momento”. Se io vivo in un mondo che per un poco appartiene anche a me, avrò pure diritto di dire la mia su quanto avviene. Del resto non mi pare questione di emotività vedere e riflettere su quel che è successo, su come cioè si sia sfiorata una catastrofe di inimmaginabile portata. Chiediamoci: dove ci sta portando l'atomo? Non stiamo forse correndo su di un puledro selvaggio che non sappiamo dove ci condurrà? Cavalcare un cavallo niente affatto domato come quello della fissione nucleare non mi pare garanzia di un viaggio sicuro.

Se dal lontano Giappone ci trasferiamo da noi, sentiamo dire che sì, è pur vero che l'Italia è sismica, ma non ha terremoti e tsunami della forza di quelli giapponesi. Basterebbe rispondere che neppure i giapponesi si aspettavano un terremoto e uno tsunami come quelli dell'11 marzo, ma purtroppo questo non ha impedito che si verificassero. D'altronde anche da noi la natura non scherza. Nel secolo passato, senza andare più indietro (o più avanti: vedi L'Aquila), abbiamo avuto terremoti devastanti ed eruzioni vulcaniche, senza contare le frane, le alluvioni, la diga di Stava, la catastrofe del Vajont e chi più ne ha più ne metta. E su un territorio come il nostro vorremmo costruire le centrali nucleari? Dio ce ne scampi.

Non si può inoltre fare a meno di considerare come da noi, e anche questo purtroppo è un dato oggettivo, gli appalti miliardari vengano spesso e volentieri affidati a società e imprese colluse con la criminalità organizzata. Con quali garanzie per la qualità del lavoro e la sicurezza degli impianti lo lascio giudicare al lettore. In Italia mafia, camorra e 'ndrangheta dettano legge in intere regioni e nulla vieta di pensare che i miliardi di euro che ruotano intorno al nucleare finiscano nelle loro tasche. Tanto le conseguenze del malaffare le pagano gli onesti cittadini di questo sfortunato paese.

C'è poi chi sostiene che in fondo, da quando si è cominciato a sfruttare l'energia nucleare, gli incidenti non sono stati neanche troppo numerosi e il numero delle vittime contenuto, almeno se rapportato ad altri eventi calamitosi come gli incidenti stradali e non, o le diverse catastrofi che ciclicamente colpiscono il pianeta. Può essere che questo sia vero ma è fin troppo facile rispondere che purtroppo le conseguenze di un disastro nucleare si potranno valutare soltanto nel tempo, e in un arco di tempo tanto lungo da impedire un giudizio statistico immediato. Insomma il nucleare è una brutta bestia e le soglie di garanzia possono sempre essere superate con effetti che non sono mai, per loro natura, una tantum. Basti pensare alle scorie radioattive che continueranno a produrre i loro effetti per centomila anni! E non dimentichiamo che già esistono i Italia depositi di tali scorie che non si sa dove esattamente siano ubicati (nelle pianure? tra le colline? sulle coste?) ma che purtroppo ci sono. Insomma non c'è da stare allegri.

Ma una delle più strampalate ragioni addotte dai sostenitori del nucleare, quella che a mio avviso proprio non regge, è quella che tanto già esistono centrali atomiche ai nostri confini, in Francia, in Svizzera e in Slovenia. E allora? A me pare semplice rispondere a questa bizzarra tesi e vorrei questa volta farlo secondo un metodo dialettico antico, che però mi sembra sempre efficace. Proviamo cioè a considerare se il nucleare sia cosa buona o cattiva. Se è cosa buona ben venga: si costruiscano centrali atomiche non solo in Francia e in Svizzera, ma anche nella nostra penisola e sulle isole, nella Pianura padana e in Maremma, e magari anche in Valtellina o in Valchiavenna. Se invece il nucleare è cosa cattiva, cioè pericolosa e incontrollabile, per quale ragione dovremmo costruire gli impianti vicino a noi? Perché l'hanno fatto svizzeri e francesi? Sarebbe come dire che poiché c'è la mafia a Palermo (...e a Milano), tanto vale importarla anche in Valmalenco e in Valgerola. Una associazione criminale in più o una in meno cosa possono cambiare? Una centrale nucleare in più o una in meno cosa possono cambiare? Mi pare proprio che questo ragionamento faccia acqua da tutte le parti. Del resto sappiamo bene che un incidente nucleare a trecento chilometri di distanza può ancora consentire qualche speranza di salvezza, mentre un incidente di quella natura sulla porta di casa ci farebbe pentire di essere venuti al mondo. Mi rendo conto che anche questo modo di ragionare sottintende un aspetto egoistico da respingere e allora meglio essere chiari una volta per tutte come è chiaro il famoso slogan: Nucleare? No, grazie. Impariamo piuttosto a sprecare di meno, che ce ne sarebbe bisogno. Investiamo, ma seriamente, sulle energie alternative. E non dimentichiamo comunque che lo sviluppo economico e tecnico non sempre va di pari passo con lo sviluppo civile della società. Non possiamo diventare schiavi delle nostre scoperte e delle nostre paure, ma dobbiamo insieme costruire un mondo che guardi all'avvenire con gli occhi della speranza. Quindi niente barre che rimangono radioattive per centomila anni! Niente scorie nucleari. Niente centrali atomiche.

Nel referendum del 12-13 giugno potremo dire la nostra al riguardo anche se il governo (un governo sempre più a immagine del suo premier, un governo che punta sui trucchi, sulle apparenze, sui sondaggi, sempre più un governo del bunga-bunga) ha furbescamente parlato di una moratoria di un anno al fine di boicottare il voto su nucleare, privatizzazione dell'acqua e legittimo impedimento, e in attesa che quanto avvenuto in Giappone venga dimenticato. Tutto questo mentre la cancelliera tedesca signora Merkel, antica sostenitrice del nucleare, dichiara che la Germania dovrà abbandonare, e abbandonare al più presto, la strada dell'atomo.

Per chiudere vorrei ricordare ai lettori i tre più gravi incidenti nucleari conosciuti:

- Three Mile Island (USA, 1979);

- Chernobyl (ex URSS, 1986);

- Fukushima (Giappone, 2011);

incidenti che, oltre ai danni e alle vittime, per poco non hanno causato catastrofi di dimensioni planetarie. Non ci hanno insegnato niente? Sappiamo che altri incidenti sono avvenuti in altri paesi anche se quei governi hanno rigorosamente taciuto. Non ci basta tutto questo? O vogliamo che si realizzi ciò che è stato immaginato da un grande poeta come Torquato Tasso (1544 - 1595), per certi aspetti visionario e profetico, quando ci descrive un mondo ridotto a «immense solitudini di arene»?

 

Gino Songini

(da 'l Gazetin, aprile 2011)


Foto allegate

Articoli correlati

  Referendum 12-13 giugno? Parliamone!
  Emma Bonino. Con Pisapia una prima, vera, primavera milanese
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Lettera a Bertoldo n. 8
  Mario Staderini. Referendum: il video della “rapina del voto degli italiani all’estero”
  Referendum, alla tribuna Rai riappare il fantasma della democrazia
  CCCVa / PRC. Sulle conseguenze dei risultati del Referendum a Sondrio e provincia
  Liberodiscrivere regala un libro per il “referendum” 2011
  L'Azione Cattolica invita ad andare al voto per il Referendum del 12 e 13 giugno
  Notizie Radicali. Referendum informato ma non troppo
  Lucia Salemi. Referendum: emergenza disinformazione
  Comitato Sondriese per l'acqua pubblica. Dov'è l'uffico d'ambito per il servizio idrico di Valtellina e Valchiavenna?
  “Tutti alle urne per una nuova ventata di libertà, di equità e di giustizia”
  Vincenzo Donvito. Referendum. Consigliamo di votare! E di votare due SÌ e due NO
  Vincenzo Servile. Dopo le amministrative i referendum!
  Acqua bene comune. Un grande risultato per la democrazia e la società civile
  Luciano Angelini. FUKUSHIMA
  Movimento Nonviolento. Digiuno: un'azione nonviolenta per Libia e Giappone, militare e nucleare
  Caterina Del Torto. In digiuno contro la guerra e il nucleare
  No alla guerra, No al nucleare: il fumetto di un “figlio di Nagasaki”
  Giovani democratici Sondrio. Spot del Forum Nucleare: siamo sicuri sia obiettivo?
  Alfonso Navarra. A Vienna passi avanti verso il disarmo nucleare?
  Bruna Spagnuolo: L’insensatezza delle centrali di terza generazione
  Valter Vecellio. Nucleare. Discutiamone
  Mario Staderini. Nucleare, acqua...: la conoscenza è quel che serve davvero
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  La mostra Senzatomica approda a Sondrio
  Bruna Spagnuolo: Misteri dolorosi del rosario in giorni concessi al genere umano
  Primo Mastrantoni. Nucleare: Fukushima e il Plutonio del quale non s'è parlato
  Roberto Malini. Nucleare: il mondo è in grave pericolo
  Primo Mastrantoni. Nucleare. Auto giapponesi radioattive. Questa energia non conviene mai
  Conviene, o risolve, tornare al nucleare?
  Nucleare. Berlusconi passi dal decisionismo alla decisione. Si ricordi di Scanzano Jonico
  Adriano Celentano. Referendum: “Questo voto è l’unico mezzo per sopravvivere, fidatevi”
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo messaggio di Miki
  Seminario Antinucleare in Valle Susa con Radio Radicale
  Referendum 12-13 giugno. E se concretizzassimo una bella sorpresa?
  Gino Songini. Il rischio nucleare
  Referendum, campagna già fuorilegge
  Primo Mastrantoni. Nucleare. Il Governo approva i criteri ma non individua i siti
  Energia. Le centrali nucleari non servono
  Nucleare. L'Austria converte il proprio reattore in pannelli solari
  Carlotta Caldonazzo. Un accordo sul nucleare: necessità non necessaria
  Oggi come ieri... Nucleare no grazie!
  Disarmisti esigenti. L'era atomica sta per finire
  Ministro Salute e sicurezza nucleare. Quando il silenzio sarebbe d'oro...
  Disarmisti esigenti: Via le armi atomiche dall’Italia!
  MAUS. Il nocciolo (da Notizie Radicali, 19/03/2011)
  Nucleare. Dopo 20 anni sarà smantellata la centrale di Trino
  Damiano Mazzotti. Nuove energie naturali e ricerca scientifica europea
  Francesco Pullia. Nucleare, una scelta totalitaria da contrastare
  Primo Mastrantoni. Nucleare? Al consumatore non conviene
  Elisabetta Zamparutti. Il nucleare francese è un fallimento
  Michele Boato. Nucleare? Un costosissimo vicolo cieco
  Elisabetta Zamparutti. Nucleare. L'Italia sempre fuori tempo
  Greenpeace Italia. Referendum nucleare: Maroni, fai risparmiare all’Italia 400 milioni di euro
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Bruna Spagnuolo: La fabbrica del sogno-speranza
  Primo Mastrantoni. Nucleare e il ministro Prestigiacomo. Quando il silenzio è d'oro
  “Per il bene comune”. Non abbiamo bisogno del nucleare
  Alfonso Navarra. Vienna: grande pressione per il bando delle armi nucleari
  Lidia Menapace. La questione nucleare
  Bruno Mellano. Nucleare: “Berlusconi preannuncia l'uso dell'esercito ed anticipa venti di burrasca”
  Alfonso Navarra. Buon 2015 antinucleare guardando a New York
  Maria G. Di Rienzo. Un brutto film
  Vincenzo Donvito. No tombale al nucleare? No...
  Mao Valpiana e Alberto Tomiolo. Un impegno nonviolento antinucleare e antimilitarista
  Marco Lombardi. Emotivamente coinvolto, dico un NO razionale al nucleare (almeno in Italia)
  Emma Bonino. Nucleare: e ora chi paga?
  Michele Boato. Nucleare fuorilegge
  Gino Songini. L'abbiamo scampata bella
  Gino Songini. Non ci resta che piangere
  Gino Songini. «Somos todos americanos»
  Gino Songini. Elogio del lavoro manuale
  Gino Songini. “Se un paese è l'aereo, la scuola è il suo motore”*
  Gino Songini. Gli esami non finiscono mai
  Vetrina/ Gino Songini. Lettera al “Che”
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Scuola e Diritti. “Se i meccanici sabotano i motori, l’aereo precipita!”
  Gino Songini. NO e ancora NO ai reati di opinione
  Gino Songini. A cosa può servire una interminabile crisi
  Gino Songini. Brevi note sulla pittura e sulla musica.
  Gino Songini. Zibaldone estivo
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Gino Songini. Nella giungla informatica, tra felici scoperte e trappole insidiose
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Gino Songini. Beati coloro che possiedono certezze e verità
  Vetrina/ Gino Songini. In morte di Nelson Mandela
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Gino Songini. Le crisi come le ciliegie: una tira l'altra
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy