Domenica , 22 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mario Lucchini. L’inghippo
13 Maggio 2016
 

Ha un bel dire la Boschi che chi voterà “no” al referendum istituzionale si troverà in compagnia di Casa Pound, ma non solo. Anche di Brunetta, Salvini e tanti altri. Una compagnia sgradevole quanto mai ma che indica l’indignazione e il malcontento sollevato, per diverse ragioni, dalla riforma costituzionale.

Ma io mi domando: è sufficiente questa considerazione per votare “sì”? Un sincero democratico, assolutamente alieno a compagnie destrorse e populiste dovrà per forza votare “sì” al referendum di ottobre anche se la riforma non gli piace?

Diciamo subito che con il “no” la compagnia non è solo quella di Casa Pound, di Brunetta e di Salvini, nonché dei cinque stelle, ma anche di egregi costituzionalisti come Rodotà, Zagrebelsky e Onida nonché di tanti cittadini democratici preoccupati per una riforma zoppa e pericolosa.

Se la riforma non mi piace devo votare “sì” solo per compiacere Renzi e il suo magico circolo? Devo badare alla compagnia o non piuttosto al merito del quesito posto che – sostanzialmente – riguarda la riforma del Senato? Un Senato come quello concepito da non so quale mente contorta che ha consigliato Renzi è un aborto, una cosa senza senso. Perché devono salire al più alto consesso dello Stato sindaci e consiglieri comunali, per quali meriti e per far che? Pura rappresentanza o un compito di controllo e di supervisione?

Per me il Senato ha sempre detto, dall’antica Roma, assemblea dei saggi e dei seniores, appunto e mi fa specie vederlo ridotto ad assemblea di poveracci, riuniti quasi per caso, ridotti all’obbedienza dell’esecutivo.

Non solo, ma il gran Matteo, cui la furbizia non manca, ha legato la vittoria del sì alla sua permanenza a palazzo Chigi, quasi evocando “dopo di me il diluvio”. In effetti lo sfascio prevedibile in tal caso del PD, il già esistente sfascio della destra, fa intravedere un post Renzi alquanto precario, ribollente di istinti predatori, nella fattispecie in mano ai cinque stelle. Per quanto nella congerie di questa forza politica esistano personaggi di buona levatura politica e morale, il movimento in sé fa temere, se al governo del Paese, più disastri che provvedimenti salvifici, a cominciare dai goffi tentativi di uscire dall’Europa. No, i 5stelle non sono ancora una forza di governo, un populismo come il loro o nega se stesso o impone un regime autoritario. Lo insegna la storia.

Il che fare è quindi amletico: o votare “no” per seguire la propria coscienza e il proprio pensare o turarsi il naso e votare “sì” per evitare disastri peggiori alla nostra povera Italietta.

Abbiamo ancora quattro mesi per pensarci. Che qualcuno da lassù ci ispiri e ci aiuti.

 

Amoproust

(dal blog agesiquidagis, 10 maggio 2016)


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Le priorità
  Giuseppe Civati. Il nostro impegno per il no alla riforma costituzionale, e non solo
  “Nexus causalis”. Io voto NO perché...
  Carlo Forin. L’inferno dei viventi
  Enea Sansi. Combinato (in)disposto
  Lidia Menapace. Esercitare la sovranità popolare: e uno, e due, ecc.
  Referendum: “La par condicio non c'entra nulla”
  Renato Pasqualetti. Il dato che emerge è la confusione
  Felice Besostri. Verso il Referendum: Perché No
  Carlo Forin. È sbagliato il quesito costituzionale
  Andrea Ermano. Chi dice instabile a chi?
  Enea Sansi. Referendari e referendum
  Lettera VII. “Elezioni” pro­vin­cia­li: prove tec­ni­che di nuovo Senato
  Giuseppe Civati. Decisamente no, contro le leggende metro­po­li­ta­ne, da qualsiasi parte esse provengano
  Intervallo/ Sillogismi e Casa Pound
  Cesare Salvi. Berlinguer e la riforma costituzionale
  Roberta De Monticelli. Ma perché dici sì a una riforma costituzionale sulla quale sputi?
  “Re-nzi-ferendum”. Io voto NO perché...
  Cappato (Ass. Coscioni): “Bloccato servizio Iene su disabili con Renzi”
  Giannelli. Prognosi riservata
  Lidia Menapace. Periodo sismico
  Paolo Diodati. Renzi all’ultima spiaggia: “Senza di Me… il diluvio!”
  Lidia Menapace. Referendum
  Autonomia di Valtellina e Valchiavenna: Vittoria del NO. La parola ora ai cittadini
  Carlo Forin. Come votano i 'veri' partigiani?
  A Morbegno e a Tirano incontri pubblici del M5S sul referendum costituzionale
  Andrea Ermano. Se voto “No” casca il mondo?
  Le menzogne della Ministra Boschi e del Sen. Mauro Del Barba
  Enea Sansi. Della tesaurizzazione dei risultati del Refe­ren­dum del 4 dicembre
  Francesco Cecchini. Lorenzoni Anpi e Puppato Partito democratico
  Vuoi votare per il referendum? Io voto SÌ perché...
  I-Lab. Chiavenna: Evento in-formativo sul Referendum costituzionale
  Il Presidente incarichi Enrico Letta
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy