Sabato , 20 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Murale
23 Dicembre 2014
 

Murale

 

 

Torno da un breve soggiorno su un’isoletta sbattuta dal vento, col suono incessante dei canneti che ancora mi fischia nelle orecchie. Prima di affrontare il lungo, infido rettilineo, penso di prendermi una pausa. Parcheggio l’auto in una traversa, all’ombra di un capannone, e sgranchisco le gambe. Sulla strada traffico lento e costante, senza strappi e senza intoppi.

Il muro del capannone, intonacato di bianco, è tutto striato dallo sgocciolamento del tetto di lamiera. La fantasia corre ad Alcatraz, alle inferriate bituminose che segmentano la luce del sole. Ed io dietro alle sbarre. Con i fusò grigi e la t-shirt a strisce grigie e nere che ricorda l’uniforme dei carcerati.

Ho una fame da lupo e la gola chiusa. E cammino avanti e indietro lungo il muro del capannone senza mai guardare l’orologio. Il tempo non conta, nei penitenziari.

Mi ci vorrebbe una sedia. Una sedia leggera, pieghevole, resistente. Posso averla. Inizio a costruirla sul muro con un carboncino, solo quello ho trovato sotto un sedile della macchina.

Tipo Ikea. Comoda, lineare e sobria. Resto in piedi a fissare la sedia come se mi dovesse rivelare qualcosa. La sedia non parla, anche lei aspetta.

Alla fine mi stanco. Salgo sul muro e siedo composta, le spalle erette contro lo schienale di tela. Il sole sta facendo il suo giro, l’ombra della tettoia avanza sul muro.

Aspetto, chiusa nella cella del mio pensiero ossessivo.

La disperazione mi arriva con un rigurgito alla bocca e mastico vendetta. Ma c’è tempo.

Mi rilasso, le spalle curve, le mani tra le ginocchia. Come un “detenuto in attesa di giudizio”.1 Un bel film, amaro come il fiele.

Mi volto di fianco, l’intelaiatura della sedia mi sta segando le gambe.

Forse dovevo farmela di legno, ma mi mancava il colore. E chi lo dice poi che il legno sia meno rigido dell’alluminio? Forse meno freddo, questo sì, ma siamo a giugno, fra qualche giorno inizia l’estate…

Il mare.

Mi raggomitolo sulla sedia sognando il mare. Che mi culla, che mi parla, che mi accarezza e placa. Ma sto davvero parlando del mare?

Il capo ciondoloni, scuoto la testa come fanno i cani per sgrullarsi l’acqua di dosso.

Diamine, non sono un cane.

Siedo eretta come sul trono una regina. Con la mia corona di spine e i piedi scalzi di ancella. Così resto, come inchiodata alla vergine di Norimberga.

Poi cado in ginocchio. E recito tutto il rosario della mia pena. Ogni grano un nodo d’illusioni e menzogne. Grani duri, impossibili da frantumare. Stanno consumando le mie dita che non ce la fanno a starne lontane.

Debbo distrarmi. Afferro la sedia e la slancio al cielo. Terso, nemmeno una nuvola.

«Che io possa esser dannato se non ti amo… E se così non fosse non capirei più niente… Tutto il mio folle amore… lo soffia il cielo…».2

Maledizione. Giù la sedia! E vi scivolo sotto, a ripararmi dal cielo e dalla follia, mimetizzata col muro a strisce con la mia anima fatta a strisce.

Poi len-tis-si-ma-men-te risorgo.

In piedi, sulla sedia.

A che fare? Non sono per questo più alta, non sono per questo più vicina a me stessa e al mondo.

Però vedrei più lontano, se non ci fossero così tanti muri a impedire la visuale. E che cosa potrei vedere, oltre case e palazzi? Altre mura e forse a distanza, troppa distanza, il luccichio del mare…

E pinne di squali, che ormai stanno invadendo le coste.

Poveri squali, anche loro senza più orientamento.

A terra, con la sedia poggiata sulla testa.

Le nostre nonne portavano conche e canestre sulla testa, in perfetto equilibrio.

Si bilanciavano con le mani sui fianchi come acrobati al circo.

Fiere e bellissime, già vecchie a trent’anni.

Sono stanca, devo riposare.

In piedi, dando le spalle alla sedia, osservo l’ombra che già copre metà del muro. La giornata sta passando.

Mi serve qualche minuto d’aria.

Allontano la sedia, articolo le gambe. Forse ce la faccio.

Mi sfilo la t-shirt e prendo a strofinare con forza. Cancello la donna in piedi con la sedia accanto, la donna di spalle che osserva l’ombra sul muro, la donna con la sedia sulla testa, la donna in piedi sulla sedia. E continuo, cancellando una ad una tutte le figure, lasciando solo la prima e l’ultima: la donna che fissa il muro desiderando una sedia e la sedia vuota dall’altra parte. E tra il desiderio e l’oggetto uno spazio tutto da riempire.

Il carboncino è finito, firmo il murale con le dita nere, che non sgraneranno più rosari penosi.

Mi lavo a una fontanella, infilo una camicia pulita, mi rimbocco le maniche, salgo in macchina.

L’attesa è finita.

Faccio una rapida inversione e riprendo la strada da cui sono giunta. L’isola mi reclama, con i suoi canneti impazziti che gemono al vento e le onde che assaltano gli scogli in perpetua contesa. È qui la mia libertà, nella segregazione volontaria su un palmo di terra, non per isolarmi ma per ritrovarmi nelle leggi aspre e immutabili alla base della vita, che mi riporteranno forse un giorno a ricercare la terraferma.

 

Maria Lanciotti

 

 

1 Film del 1971 diretto da Nanni Loy e interpretato da Alberto Sordi.

2 Domenico Modugno, Cosa sono le nuvole.


Foto allegate

Articoli correlati

  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Amina e la maledizione dell’abate
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.2%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy