Lunedì , 23 Luglio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
31 Gennaio 2013
 

Nel rione Mirafiori abbiamo tutti imparato a ballare guardando Michael Jackson in televisione. La straduccia in mezzo alla fila di casette, baracche e bottegucce è sempre piena di ragazzini che ballano, imparando dai grandi e insegnando ai più piccoli. Un giorno saremo tutti famosi e il mondo intero saprà che nel rione Mirafiori, pieno di siciliani, calabresi e pugliesi, i talenti nascono come la gramigna negli orti che abbiamo lasciato per venire qua, dove i nostri genitori lavorano nelle fabbriche e portano a casa soldi e non chiacchiere, e noi possiamo andare a scuola insieme ai torinesi, anche se tutti ci riconoscono e ci chiamano ‘terroni’ ma senza cattiveria, solo per scherzare. La maestra non vuole sentire questa parola ma non castiga nessuno, spiega che l’Italia è una scarpa sola per tanti piedi e che tutti hanno diritto ad avere una scarpa, nel caso nostro uno stivale bello che arriva fino alla coscia, con la punta che quasi sembra calciare la Sicilia.

Ecco, sul calcio i maschietti non si accordano, e tutte le volte che c’è una partita importante – come quando la Juve gioca con il Palermo o col Bari, in casa o fuori casa – ci scappano insulti e botte, ma dura poco e nessuno si fa male sul serio. I grandi invece si chiudono dentro casa con la televisione accesa, e tutti, al rione Mirafiori, sanno com’è finita la partita dai rumori che vengono dalle case, se si urla e si canta o se si rompono i piatti.

Noi ci sentiamo grandi come il nostro Jacko, il re del pop, anche lui cresciuto in periferia, e ci muoviamo al ritmo della sua musica e inseguiamo come lui il sogno di diventare, un giorno, famosi. Famosi e ricchi, per comprarci tutta la Mirafiori e le altre aziende automobilistiche e trasferirle al sud per dar lavoro agli uomini e benessere alle famiglie, a sud dove c’è sempre il sole e il mare è trasparente e azzurro e i pescatori ancora escono a notte a buttare le reti.

Ecco, questo ci piacerebbe a noi ragazzini, tornare a fare i pescatori a casa nostra, o le mogli dei pescatori. Ma allora a cosa vi serve la Mirafiori e tutte le altre aziende, ci chiede la maestra quando capisce dai temi che ci assegna la nostra mentalità, le nostre aspirazioni.

È semplice, vogliamo tornare a vivere come i nostri nonni, ma senza essere poveri come loro, senza dover mangiare tutti i giorni sardine e sgombero ma quello che ci va, e il sabato sera andare nei migliori ristoranti a mangiare pesce non pescato e cucinato da noi, ma passato per le mani dei migliori chef venuti dal nord, formati alla scuola svizzera.

Insomma, dice la maestra, vorreste essere ricchi per poter fare la vita dei poveri senza essere poveri, ed è proprio così.

A pensarci bene la nostra è un’idea stupida, o che sembra stupida, e forse è la stessa che aveva in mente Jacko quando a cinque anni si esibiva con i suoi fratelli per le viuzze del suo quartiere, loro, i favolosi Jackson Five, ma lui non voleva fare il pescatore e non voleva tornare al sud come noi, con la nostra pelle scura di sole. Ecco, tra noi e Michael in comune c’è solo la passione per il ballo, anzi, la passione che lui ci ha scatenato per il ballo, e forse qualcuno di noi diventerà famoso, famoso e ricco, ma non come lui, impossibile diventare famosi e ricchi come lui, il nostro Big Boy, e una volta arrivato in televisione qualcuno di noi potrebbe chiamare gli altri e farli entrare uno per volta dalla porta di servizio e sistemarli in qualche modo, come quando si lascia il paese per Torino e si chiama gli altri appena trovata una sistemazione.

Ma la televisione non è come la terra che accoglie gli emigranti, dice la maestra dopo aver letto i nostri temi, la televisione è un’azienda che fa i suoi affari e di cui non si entra a far parte trascinandosi dietro tutto il parentado. Ma poi mentre dice questo la maestra riflette, tace e riflette, ci guarda e sorride e dice che noi ragazzini del rione Mirafiori siamo proprio forti. In realtà, dice la maestra, in televisione si entra anche per raccomandazione, ed è vero pure che è come una terra buona che produce ricchezza, ma è anche una terra pericolosa piena di buche dove ti puoi anche spezzare le gambe, e cioè i sogni, e che per uno che ce la fa altri mille fanno fiasco e si piangono addosso per il resto della vita. Ma questo non riguarda noi, dice ancora la maestra, noi le buche le conosciamo bene e non ci cadiamo dentro facilmente, siamo figli di emigranti del sud che hanno risalito la corrente, come fanno i salmoni per andare a deporre le uova. Be’, che c’entrano signora maestra i salmoni con noi, le chiediamo, e lei risponde che tutto c’entra con tutto in natura, e ci dà una bella lezione su Darwin e l’evoluzionismo passando poi al creazionismo, e conclude dicendo che se uno ha talento lo deve saper tirare fuori e si deve impegnare per farsi strada, importante è mettersi alla prova per capire di che pasta si è fatti.

La nostra maestra si chiama Rosalia, figlia di Ciccio Caruso e Concetta Greco, ed è stata portata in fasce a Torino, dove la famiglia si è stabilita nei pressi della Mirafiori in una comunità di siciliani.

Dice la maestra che al sud ci va a passare le vacanze, ma per viverci preferisce la nostra città piena di nebbia e di lavoro, dove crescono i suoi figli. E pure noi, che forse un giorno arriveremo in televisione.

E allora tutti a ballare come Michael Jackson, il nostro mito nato nero e diventato bianco con tante operazioni, perché non accettava il suo sangue carico del sole del sud. Ma nella sua danza c’era tutta la sua terra, così come nella nostra c’è tutta la sua anima negra.


Articoli correlati

  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ Le bambine raccontano: 5. Regina non mi ha insegnato a morire
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 7. Ombre
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 2. Il senso del falco
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ Le bambine raccontano: 4. Sposa monaca
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ Le bambine raccontano: 6. La Violetta di nonno, fantino vincente
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ Le bambine raccontano: 3. Lanciatrice di coltelli
  Se n’è andato anche Michael Jackson, Re del Pop
  Gianni Somigli. Oggi forse pioverà
  Michael Jackson
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Amina e la maledizione dell’abate
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 77.2%
NO
 22.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy