Giovedì , 13 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Panorama
30 Dicembre 2012
 

Panorama” è la terza sezione – dopo “Fotogrammi” e “Campo lungo” – della raccolta di poesie Questa terra che bestemmia amore (Edilet, 2009). Una rapida scorsa, tra lirica e storia, al secolo passato e agli accadimenti che l’hanno caratterizzato, per tentare di dare un senso alla Storia che stiamo vivendo. Panorama fa riferimento all’Italia del dopoguerra, con la massiccia ondata di emigrazione interna dal Sud al Nord, e agli sconvolgimenti degli anni del boom economico e disastrose conseguenze.

 

 

 

PANORAMA

 

 

E sfilano paesaggi

 

Conclusa un’epoca,

racchiusa dentro

l’albo

delle foto.

Generazioni nuove

si affacciano alla vita

puntando avanti.

La terra pregna di fatiche

antiche

non ha più voce

per richiamarli indietro.

I padri ammutoliscono

sconfitti.

Si parte per il nord,

con l’organetto in tasca

e una valigia

che non pesa niente.

 

Il treno corre

e sfilano paesaggi.

 

 

Una cartolina

 

Resiste il fico

accanto alla fontana,

la vite di moscato

lungo il viale,

il prugno fra il roseto

ingarbugliato.

Nell’orto la gramigna

spadroneggia,

i rampicanti corrodono

la casa.

Le anziane

sfilano in un canto

la corona,

gli uomini curvi

con la chioma bianca

prendono il sole

con le spalle al muro.

 

Aspettano pazienti

una cartolina.

 

 

Una storia inventata

 

Il tempo prende a correre

impazzito.

Si sale e non si scende

dal circuito.

Robotizzate le case

splendono inodori.

Le donne

escono presto per andare in fabbrica

vestite casual

un peso qui,

dove il cuore batte,

per i figli lasciati in altre mani.

 

Stasera racconteranno loro

una storia inventata.

 

 

Come fuochi fatui

 

Risuona l’Italia di clacson festosi.

I sorpassi si susseguono ai sorpassi,

lo status symbol il traguardo ambito.

La Dolce Vita è un urlo di rivalsa

che spacca il tempo fra prima e dopo

il boom.

Il progresso lanciato come un bolide

lascia indietro chi non si mette

al passo.

I vecchi ammoniscono fra i denti

contro i rischi della modernità,

ma li zittisce il rombo dei Costellation

che seguono le rotte intercontinentali.

 

Tremano le lucciole residue

come fuochi fatui.

 

 

Come si allevano i polli in batteria

 

Rito di massa il camping

nel weekend.

Si parte per tornare

ricaricati

a molla.

Produrre e consumare

il nuovo ordinamento.

Tornare nel proprio appartamento

con doppio bagno

e salone ampio,

e un condominio severo

da caserma:

nel cortile non si gioca

a palla,

nei giorni festivi sosta vietata

a cani e bambini.

I pesciolini rossi

nell’acquario

girano in tondo annoiati e sazi.

 

Fanno vedere alla televisione

come si allevano i polli in batteria.

 

 

Spauracchi per i merli

 

Strepiti di guerra

scuotono il pianeta,

ritornello ossessivo

la conta dei morti.

Nebbia tossica e droga

avvelenano la vita,

spengono ideali.

Abbandonato ogni credo

s’insegue la via cosmica.

 

Le bandiere lacere dei padri

spauracchi per i merli.

 

 

Ubriacano i sensi

 

Filosofia dell’arte

e della scienza

impegna menti

eccelse.

Scientismo e coscienza

quiproquò insolubile.

Banditori di fedi

battono all’asta epifanie.

Taoismo

mantra e màntica

scacciano croci e chiodi.

Tattoos

colorano ferite,

l’apatia narcotizza

la vita.

Oscillano i padri

fra legge divina

e naturale.

 

Monodie e polifonie

ubriacano i sensi.

 

 

Stridenti nel cervello

 

Sgombro il cielo

di cervi e tappeti

volanti.

Indiani metropolitani

infilano perline

agli angoli delle vie

sognando il villaggio

ai piedi di Huando.

Il collettivo jazz

improvvisa poliritmie

dal gusto forte

negro–americano.

 

Disarmonie inspiegabili

stridenti nel cervello.

 

 

Navigando su Internet

 

“Era bello il mio ragazzo

col vestito della festa…”

batte in testa una canzone

e una pena

disumana.

Alienati dalla vita,

paradiso artificiale

annebbiato di diossina,

ci si slaccia la cintura

per un salto

di corsia

che non fa la differenza

e non dà nessuna

prova

della propria autonomia.

 

Si evade da pirati

navigando su Internet.

 

 

Speranze coltivate in laboratorio

 

Pittogrammi

falciano

campi di grano.

Coincidenze esoteriche

impegnano

astrologi e occultisti,

simbolismi

e alchimia

appassionano

sensitivi e profeti.

In altro campo

bionici progettano

organi

viventi,

l’ingegneria genetica

scombina corredi.

Ibrido d’innesto

produce mele

nere.

 

Fecondazione in vitro

speranze coltivate in laboratorio.

 

 

Vuota la cassetta della posta

 

Si attende la venuta degli

alieni

come allora il messia.

Avverso al proprio simile

l’uomo congettura stellari

alleanze,

approdi in remoti lidi.

Intanto chatta

e scrive sulla sabbia.

 

La mailbox intasata,

vuota la cassetta della posta.

 

 

Senza vele e porto

 

La pop art trasforma in messaggi

la ferraglia

e spara a mitraglia

ammonimenti impliciti.

La musica pop si diffonde

e prospera

col suo linguaggio giovane

e ribelle.

Toccata e fuga

la messa a fuoco

di brancolamenti

fra mulini a vento

e reali impellenze.

Mutanti senza antenne

e cosmonave

appesi per il collo

a una chimera,

i piedi appena poggiati

sulla terra,

dondolanti come marionette,

i fili consunti dall’usura,

si attende il momento di cadere

per capire se è vero

che dopo ci sarà la risalita.

 

Intanto si viaggia con la luce

senza vele e porto.

 

 

Oltre la soglia di rischio

 

Allucinazioni proiettate

dalle menti isolate

combattute

con antidepressivi,

onirici messaggi

sottoposti a analisi.

Soggetti bordeline

studiati al microscopio

come funghi,

nessuno che li guardi mai

negli occhi.

L’accidia si dipinge

sulle facce

con il colore itterico

e le sue pieghe amare.

 

S’alzano i valori del sangue

oltre la soglia di rischio.

 

 

Come moscerini

 

Chiusi i confessionali,

si cercano invano

assoluzioni.

Self–help

lanciati da parete

a parete

rimbalzano nel cranio

fatto vuoto.

Strette negli alveari

famiglie nucleari

tessono legami

doppi.

La fobia dei ragni

rattrappisce i nervi.

Il male oscuro

teorema conturbante

senza assiomi.

Insofferente,

il gatto di casa

si lucida gli artigli.

Sotto la cappamagna

volano basso

i pensieri

come rondini

a sera.

 

Voli low cost

fitti come moscerini.

 

 

Contro l’orrore delle stragi quotidiane

 

Si gratta e non si vince.

L’azzardo è tutto nel gioco

della lotteria.

Slot machines abbaglianti

piovre.

Grandi discorsi di etica

e morale,

eutanasia

clonazione

diritti umani,

chiacchiere sconnesse

da salotto,

rovello tormentoso

senza uscita.

Fanno share

gli specialisti delle varie

branche

gettati a corpo morto

nella zuffa.

 

Shopping terapia

contro l’orrore delle stragi quotidiane.

 

 

L’impotenza d’amare

 

Neonati abbandonati

miagolano come gattini ciechi,

piccoli rom arsi nei container

sfiammano scintille crepitanti.

Trans e clandestini

materia prima

per una caccia grossa.

La città non tollera miserie,

ai margini respinge ogni bruttura.

Nelle baracche sature di radon

si beve acqua all’arsenico e vino

al metanolo,

si suda nelle brande

nude

il raccapriccio di esistere.

 

Si consuma sotto i ponti

l’impotenza d’amare.

 

 

Cercando un nido e una pozza

 

Guerre a coltello

fra le mura di casa,

per le strade

i vicoli

i quartieri.

Lo stupro missione giornaliera.

Aids e Hiv

danzanti maschere

di un macabro Halloween.

In un retromondo popolato

di incubi

si urla a labbra strette

lo sgomento.

Scorre il fango dai fianchi

delle montagne glabre,

si asciugano le vene d’acqua

succhiate a dismisura.

 

Pigolano gli uccelli

cercando un nido e una pozza.

 

 

La bibbia rilegata in cuoio

 

Arredi d’ambientazione

hawaiana

rivestono le case

di fioriture abnormi.

Aria viziata

d’incensi e spezie,

luce fluorescente,

porte e finestre a chiusura

stagna,

insonorizzate le pareti.

Souvenir viventi

condividono spazi,

il pitone srotola pigro

le sue spire

sul parquet incerato,

l’iguana

immobile sul ramo

socchiude maestosa le palpebre

sul suo sguardo verde,

la scimmietta fa il verso

al pappagallo.

Nella vasca piranhas

divorano tigri di carta.

L’Ecce homo di Nietzsche

aperto alla prima pagina

del prologo

mostra evidenziato in rosso:

Rovesciare gli idoli.

 

Troneggia sul leggio

la bibbia rilegata in cuoio.

 

 

Bocconi che sembrano rubati

 

Dove sono finiti i ladri

di fiori,

la guerra delle arance,

i gelsi e le libellule?

Dove sono finite le preghiere

sgorgate dai cuori semplici

e puri,

il grazie alla Natura per il grato

sapore

del pane spezzato?

 

Amaramente si portano alla bocca

bocconi che sembrano rubati.

 

 

Invocano i saggi l’uragano

 

Rettili sotto spirito

aironi imbalsamati

bozzoli secchi

farfalle sfarinate,

soggetti per disegni

di scolari.

Si specchiano i cieli in occhi

tumefatti,

ristagnano i fiumi nei canneti.

 

Pioggia acida scotta colture,

invocano i saggi l’uragano.

 

 

Questa terra che bestemmia amore

 

Impasto di ossa sangue cervello

questa terra che bestemmia amore,

questa terra impasto di dolore.

Pesano le scarpe

il vestito la pelle

le membra,

l’empio scempio

della prima innocenza.

Scorre la lingua assetata

sul filo d’erba riarso

cercando parole da dire

e udire

nel morendo d’un turbine

di vento

 

questa terra che bestemmia amore.

 

 

In ogni punto della terra

 

Un pianto arriva dalla lontananza

dei millenni,

un pianto atteso

disperato e dolce.

Un vagito che s’alza

sopra livori eterni,

sopra le rocce sgranocchiate

dai fulmini,

sopra le case senza pace

e gioia.

E vola su deserti e mari

sopra foreste e laghi

sopra savane e steppe

sopra capanne e regge,

immenso vagito di neonato

uomo

risorto da se stesso,

voce e pensiero

sangue e desiderio,

stordente meraviglia.

 

Si ferma la violenza

in ogni punto della terra.

 

 

Maria Lanciotti

(tratto da Questa terra che bestemmia amore, Edilet, 2009)


Articoli correlati

  Patrizia Garofalo. Raccontino piccino piccino picciò
  Francesco Mele. 2013 e oltre: Lettera augurale da Tellus per Tellus
  Franca Mancinelli. In ascolto
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Amina e la maledizione dell’abate
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.5%
NO
 26.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy