Giovedì , 19 Aprile 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
Milingo
Milingo 
15 Ottobre 2006
 

Ospito volentieri in questa sezione di Critica della Cultura il breve racconto della scrittrice e poetessa romana. Le incursioni nella cronaca, e la decifrazione dei suoi meccanismi alla luce dell’umorismo, valgono molto di più di tanti saggi sul sacro nell’epoca postmoderna che o si liquefà nella secolarizzazione, magari dietro alle forme procaci dell’Eva di Turno, o diventa marmoreo come una cupola irraggiungibile. (Claudio Di Scalzo)

 

 

L’ULTIMO MILINGO A ZAGAROL

 

«Mi pento, riconosco di aver sbagliato», e monsignor Milingo con queste poche parole tornerebbe nel seno di Santa Madre Chiesa come se mai se ne fosse discostato. Ma monsignore non ci sta. Né a fare la parte della pecorella smarrita, né a beccarsi l’inevitabile scomunica. E porta avanti la sua battaglia sui preti sposati facendo di Maria Sung la sua spada e il suo scudo. E Maria Sung sguazza nel suo ruolo come una paperella nel laghetto di Villa Borghese.

Milingo l’ho avuto a un tiro di schioppo quando è stato mandato in buon ritiro in quel di Zagarolo, lo stesso paese in provincia di Roma in cui venne girato L’ultimo tango a Zagarol con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Il vescovo esorcista onorò in quel periodo la città di Velletri – roccaforte del Vaticano da cui sono stati lanciati nel corso dei secoli oltre una dozzina di papi, ultimo in ordine di tempo Benedetto XVI – recandosi nella cattedrale di San Clemente a dir messa, e accolto sempre con grandi parate dai fedeli veliterni, sudditi vilipesi e contenti della Chiesa come tutti gli abitanti delle altre roccaforti che circondano il regno del vaticano.

Io stavo lì, con la penna il blocchetto la fotocamera digitale, e carta bianca su un settimanale locale.

Ma Milingo nemmeno lo nominai. Credo che fu per una questione di ripulsa verso ogni genere di scandalo, che qui in provincia son sempre ghiottonerie con le quali la gente s’ingrassa.

Perché lo nomino oggi?

Perché Milingo durante la sua pausa di riflessione all’aria buona delle colline romane invece di meditare pare che abbia ordito un suo piano.

Perché Milingo dimostra oggi un’arroganza che offende il principio stesso di istituzione con i suoi regolamenti.

Perché della sua condizione di padre della chiesa si prende tutti i privilegi e rigetta le normative che non gli stanno a pennello.

Perché usa il nome di Maria per farsi largo nel tentativo di raggiungere i suoi scopi innovativi - leggi di comodo - senza voler rinunciare né ai piaceri della carne né alle prerogative del suo potente abito talare.

Perché gli piace stare impunito con quattro piedi in due staffe, bene eretto in groppa all’onda che cavalca.

Milingo, bilingo, ma perché non te ne torni a Zagarol?

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Ipotesi su Milingo
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Amina e la maledizione dell’abate
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy