Martedì , 16 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
03 Dicembre 2014
 

 

 

Araldica

 

Un cane fu sepolto vivo

sotto lo sguardo inorridito dell’infanzia.

Acquattato nella fossa

quietamente uggiolava

mentre il padrone infieriva a colpi di vanga,

a colpi di scarpone,

e con palate di terra soffocava

gli ultimi guaiti.

 

Ancora mi schiacciano il cuore, quelle

palate di terra.

 

Non posso più combattere.

 

Per un fuoco di paglia

per una ciotola d’acqua sporca

per un tetto di sterco,

barattai armi e ragioni.

 

A chi chiedere perdono,

se pensai allora d’avere una sola vita?

 

Non a me: mai mi perdonerò

per aver smesso di credere.

 

A te, amore infelice, infelice

amore mio?

 

No, non a te.

Non mi tendesti la mano

quando t’implorai di farlo.

Mi sarebbe bastato il tuo mignolo!

 

Alla tua mente acuta,

diamantina?

 

No, non chiederò perdono alla tua

finissima intelligenza.

Tarantola mortale che entrambi ci ha imprigionati

nella sua tela stregante.

 

Al tuo cuore, chiedere perdono?

 

No, il tuo cuore ha servito l’inflessibile,

crudele intelligenza.

 

Al tuo corpo!

 

Sì, amato corpo dell’amato mio!

A te, chiedo perdono!

A te, per tutt’e due.

 

E al corpo mio, al corpo mio

di donna, vulcano e sorgente,

fiore e frutto, profumo e vento!

 

Oh, il corpo tuo!

Le dita. Le mani. I capelli.

La fronte. Gli occhi.

La bocca,

che sapeva respirarmi tutta.

 

Le spalle. Il petto tuo. Le braccia.

I tuoi fianchi.

Le tue gambe.

Le tue reni.

Il capo tuo, indomàto.

 

I tendini. Le vene. Le ossa.

I battiti. Gli arresti. I sospiri.

I respiri.

La voce. I silenzi. Gli sguardi.

I palpiti.

I tremori.

 

Il riso (oh il ridere tuo, che nasceva

da dentro! quando arrivava alla tua bocca,

lo bevevo!).

Le ciglia.

L’odore tuo, di te.

 

Le forme.

Le linee.

Il petto tuo.

I tuoi capezzoli (“oh li sento, attraverso

la camicia! Si ergono, come i miei!”).

 

Il nome tuo.

L’amore tuo (“faremo l’amore come tu vuoi,

ma anche come piace a me!”).

Oh, tu non hai imparato mai l’amore mio,

tu non m’hai insegnato mai

l’amore tuo!

 

Mai e mai più, per mai più!

 

Il modo tuo di toccarmi.

Di toccarmi con gli occhi, con la mente,

con l’anima, con le vene.

Il modo tuo di toccarmi in ogni modo

senza toccarmi in alcun modo!

 

I tuoi polsi.

Le tue caviglie (“oh, io non visto

mai le tue caviglie!

Non ti ho mai guardato i piedi.

Come sono i tuoi piedi?”).

(“Ho cinque dita in ogni piede”).

 

(“Io non ti ho mai visto dormire”.

“Io non ti ho mai vista svegliarti”).

 

Anima mia. Corpo del mio uomo.

Non posso pensarci.

Abbiamo afferrato l’amore

e il senso d’ogni cosa.

E ancora, per sempre ancora,

ogni cosa è senza senso.

 

L’amore non ha diritto ancora di esistere,

o il tempo dell’amore non è esistito mai

e mai esisterà?

E perché?

Il dio è geloso?

Ma cos’è il suo universo,

l’eternità, in confronto a un attimo

d’amore?

 

Sei geloso, dio?

Che t’ingoi intero l’universo

e ti risputi uomo!

Per soffrire, come un uomo.

Per lottare come un uomo,

per arrivare a godere dell’amore

d’uomo.

 

Piangi con me, cielo. Con me. Per me.

Le lacrime mie non mi bastano più.

 

Come fune d’acciaio più volte

annodata, il reticolo di nervi

mi sta dilaniando.

 

Perdono.

A te chiedo perdono,

ventre mio di donna.

Perdono chiedo a voi, membra

mie e membra del mio amore,

ghiacciate e inerti.

 

(Le unghie. Le ossa.

La pelle, i pori, i nei.

Ogni cellula ch’è universo)

 

Insieme. Insieme in noi.

 

Per un paradiso che sia semplicemente

il mondo.

 

È stato un turbine.

Mi ha travolta, prostrata,

non mi ha redenta.

Sono stata la bocca spalancata nell’urlo

d’una umanità irrisolta.

 

Ridicola sfida.

 

Come un lupo ha ululato il corpo

mio, ritorto sulla sua stessa fame.

 

Due lupi siamo, amore mio.

 

Non più feroci:

in tregua.

In sospensione di lotta.

In attesa del perpetuo abbraccio.

 

Maria Lanciotti

(Inedita)


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Amina e la maledizione dell’abate
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.2%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy