Giovedì , 29 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
03 Aprile 2014
 

Il Caligola riflesso

Opera drammatica in due atti

Edizioni Controluce, 2013

Libretto di Maria Lanciotti

Drammaturgia di Christine Hamp

Opera d’ispirazione classica, creata per il pubblico contemporaneo

 

Il Libretto d’opera è stato musicato dal Maestro Concertista neozelandese David Griffiths.

La scrittura del libretto è stata preceduta da un accurato studio delle fonti storiche originarie e segue con scrupolo gli avvenimenti e le tracce che ci sono pervenuti. Il carattere dei personaggi e l’azione scenica sono espressione della chiave di lettura scelta dall’autrice.

«Trovare la mia faccia/ fra tanti specchi infranti, questo forse il più grande assillo che tormentava il terzo imperatore di Roma – Gaio Giulio Cesare, detto “Caligola” – che la tradizione storica e la finzione poetica ci hanno tramandato come figura tra le più crudeli e visionarie. L’intento dell’autrice de Il Caligola riflesso appare quello di ribaltare tale concezione per ricercare, oltre l’immagine comunemente accettata, quei tratti semplicemente umani che sembrano voler essere negati a ogni detentore del potere, specialmente se assoluto.

Figlio del suo tempo, tra i più violenti e osceni della storia romana, vittima perseguitata e a sua volta persecutore feroce, unico sopravvissuto alla catena di delitti che stermina la sua famiglia, erede legittimo di un impero diviso in caste che dal basso lo osanna e dall’alto mira concretamente ad eliminarlo, volendo cancellarne finanche la memoria, Caligola rappresenta il Potere stesso – con tutte le degenerazioni che ne derivano quando non poggia su solide basi di equità e giustizia – ma anche il “re nudo” che sotto il manto e la corona e lo scettro è il più solo tra gli uomini, il più inquieto e impaurito. Queste ed altre riflessioni affiorano dal contenuto dell’opera, che si mantiene sul filo di una certa logica introspettiva senza mai farsi giudicante e analitica, prediligendo dar spazio ad una stimolante poetica d’indagine». (dalla Introduzione)


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non più picchi e strapiombi...
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Amina e la maledizione dell’abate
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L’ultima freccia...
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pensiero d’aprile
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cosmo
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Boom e controtendenza (1998)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Casi
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Brevemente
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  “La sacca del pastore” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Generazioni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ora che le parole...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Romanza
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Notte di primavera
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Amore mio
  Maria Lanciotti. La Natura che combatte
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti. Natale all’ipermercato
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. I brevissimi/ E io aspetto Elisa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Veranda sul mare d’inverno...
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eppure sai...
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Roma. Trentennale del Movimento studentesco “La Pantera”
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. E Gesù lagrimò
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sempre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Il viaggio continua…
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Borgata Mondo
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per una morte bianca in fonderia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cela i tuoi versi...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nossignori...
  Maria Lanciotti. “Canto di primavera”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Roma Testaccio. (Di)partita. Aspettando… giorni felici
  Shakespeare, with Love
  Maria Lanciotti. Nuova Zelanda/Italia per una produzione indimenticabile
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy