Venerdì , 19 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia 
Storia e storie, fra cronaca e memorie, di Maria Lanciotti
18 Febbraio 2014
   

Due oggetti cari alla scrittrice Maria Lanciotti hanno innescato il detonatore a catena di un bilancio di una vita corale (la sua, quelle dei suoi cari e quelle del mondo intero): la conca di rame perduta e il quadernino gelosamente conservato sin dai tempi della pubertà. Da millenni, gli oggetti sono sempre presenti nelle opere letterarie. Passano di mano in mano, testimoni di una staffetta di valori e istinti che si dilata per manciate di generazioni. Sono pietre filosofali che svolgono ruoli da protagonista nei mutamenti individuali e familiari. Assorbono positività e negatività senza mai trasmetterle ai loro temporanei possessori. Talvolta scompaiono, com'è stato per la conca di rame, dimenticata fuori del portone di casa e trafugata, probabilmente, non per il suo valore artistico (e affettivo) ma per ricavarne vile denaro. Specchio di una realtà sociale avida e sorda ai sentimenti. E allora la ricerca interiore dell'oggetto caro andato perduto induce l'animo a vestirsi da Ulisse e a salpare verso mari sconosciuti. Gli approdi sono gradi crescenti di saggezza e conoscenza; ogni volta che si attracca nel proprio porticciolo nascosto nel fiordo interiore c'è un tesoro in più da nascondere nel proprio campicello.

La domanda che si pone Maria Lanciotti mentre dialoga con i suoi nipoti (e con il lettore) sa del messaggio cinematografico di Michelangelo Antonioni: c'è possibilità di comunicazione tra diverse generazioni, quando ciascuna è avvolta nel proprio bozzolo di autosufficienza? Una risposta, implicita e apparentemente asettica, viene fornita dal suo diario 'globale' che occupa la parte più corposa del suo dittico letterario e che si espande dagli anni sessanta del Novecento al 2009. L'altra soluzione al quesito, quella affettiva e che più è cara all'Autrice, viene fornita dalla coperta fatta di patchwork da lei confezionata, “una coltre colorata di vita, anche se imperfetta e con la trama sfibrata”: un'opera di cucito iniziata e interrotta a più riprese ma infine terminata, come la stesura di Se tu mi chiedessi, per la quale sono stati necessari anni di incertezze e decisioni, revisioni e determinazioni. La coperta, passando (e in costante fase di passaggio) di generazione in generazione e avvolgendo il neonato di turno, è la risposta tangibile e ottimistica alla possibilità di comunicare tra membri della stessa famiglia nati in epoche diverse.

Se tu mi chiedessi, opera letteraria nata come “sguardo di chi c'era e memoria di chi c'era” è l'omaggio di Maria Lanciotti a sua madre nel centenario della sua nascita, nonostante il difficile canale affettivo tra madre e figlia. Inizia con il ricordo del suo primo viaggio in treno, termina con il mito di Ulisse “che non tramonta mai”. Vita come metafora di un viaggio tutto sommato dai buoni auspici, quella confessata dalla Lanciotti, “succo della lunga migrazione che ci vuole sul piede di partenza con la mente che pensa già al ritorno”.

Buon viaggio, o lettore. I venti e le correnti della vita ti siano propizi.

 

Luca Leoni

 

 

 

Maria Lanciotti

Se tu mi chiedessi

Storia e storie fra cronaca e memorie

UniversItalia, Roma, 2013, € 12,00

 

 

Le foto in allegato, dall’inserto fotografico del libro, sono di Roberto Canò.


Foto allegate

Dopo lo sgombero, alla ricerca di un posto dove vivere, 2001
Roma, per il diritto alla casa, 2001
Napoli, passi di danza contro le politiche economiche del governo,1994
Capodanno ai cancelli della
Roma, il piccolo tamburino dei metalmeccanici, 1994
Genova, corteo operaio, 1988
Roma, contro la
Roma, la polizia sgombera il campo nomadi del
Articoli correlati

  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Amina e la maledizione dell’abate
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.3%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy