Lunedì , 19 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
01 Marzo 2018
 

Il volumetto in dialetto sublacense è la decima pubblicazione della Collana Aperilibri, progetto sostenuto dalle associazioni AIC, Planet Onlus, Il Foro e Periferie per la promozione e divulgazione della buona poesia sia in lingua che in vernacolo, con particolare riguardo per le nuove generazioni

 

 

La malinconia del ricordo è la tentazione che spesso spinge a scrivere i poeti dialettali e non solo; la Lanciotti, al contrario, è portata al ricordo che resta vivo nell’oggi, vivo e fecondo di speranza: il passato non torna, certo, ma il suo seme è la vita del presente e la speranza del futuro.

A lla saccoccia ‘e gliu core/ ci stau ji simi/ e nnu pujiu de tera.// E ll’addore della primavièra. (Nella tasca del cuore/ conservo i semi/ e un pugno di terra.// E il profumo della primavera.)

Semi e terra sono ciò che può contenere la rinascita, la fecondità, la Primavera; anzi, il suo profumo, che è molto di più del nome: è la sostanza sublimata e penetrata in quella ancestrale porzione dell’encefalo, che la corteccia e le strutture pensanti sminuiscono e sopiscono, ma non annientano.

Staggiúni inizia e finisce descrivendo due mobili-simbolo della casa che cadono in pezzi, distrutti dal tempo e dal non-uso: ma se l’incipit ci dice della legna che marcisce, abbandonata nella legnaia – ricordo di cose finite – nella madia c’è ancora l’odore (ecco…) del pane e della lavanda, testimonianza e annuncio di una nuova fioritura degli alberi e della vita.

La legna raccolta, spostata, usata, scandisce il ritmo del tempo, così come i gatti, Ji vatti che no la finiscéenu/ de figliane, in una fecondità ostinata e naturale; viene da pensare che se “non esistono più le stagioni”, forse non dipende solo dalla variazione dell’orbita o dell’inclinazione della Terra, ma anche dalla perdita dell’umano baricentro: ascolto di odori, suoni, sapori, parole di nu furistéru/ che... s’assettà a magnane co niari/ chello che tenèmmo/... che ci tenne uniti con le parole/ e il canto a distesa/ co ju scuardu/ ntrasognatu/… Un forestiero, straniero, altro da sé, portatore di un mondo che immette aria nuova nell’intimo della casa e nel ripetersi dei gesti: con le parole, con il canto.

Le parole uniscono; il canto, lo sguardo stupito, risveglia il cuore: sono i semi che possono rinnovare l’abitudine del quotidiano, la tristezza del perduto, che possono riordinare il caos delle stagioni dell’uomo e della Natura.

Riόne Munnu ripercorre la trasformazione dal Mondo-Paese al Paese-Mondo: tutti mangiavamo e mangiamo lo stesso pane, ma oggi Mméso a millanta òci/ ...ci chiediamo s’è chistu ju pà cotiddianu/ da spezzane nzunu./ ... oggi, che Natale non si sa più dove sia e non si rompono più le noci; che ci rendiamo conto che, se siamo a questo punto, non abbiamo realizzato Ju sognu de Giasucristu... όlesse bbe’; che ci sono altri Paesi distrutti dalle bombe e altri refuggi ‘e cartuni.

Allora che vale ricordare Ju giardinu/ ‘e Marietta che era ju più beglju fra tutti/ de chigliu munnu, il vento che faceva migrare i semi, gli orti... la guerra dei padri e delle madri? Senza dubbio la Lanciotti FA, semplicemente FACENDO Poesia e quest’azione di per sé suscita una re-azione in chi legge, in chi ascolta: il FARE può indurre un cambiamento del cuore, del pensiero. Il messaggio è comunque chiaro: l’immagine di noi che cerchiamo nello specchio non è l’”uomo-macchina” efficiente e super-sempre-connesso, come pian piano ci stiamo convincendo!

Infine, la terza parte – Canzone e revaglio alla pace/‘e gli monticerchènno/ caccosa/ c’aglio perso/ con l’intento di Retroàne ju fju lonco/ de gliu tempo… È chiaro che per Maria ricordare è un memoriale, ripresentare a se stessa quel tempo, rumori e profumi che oggi evocano una consapevolezza impossibile allora: scopre beni nascosti, allora non riconosciuti, che emergono distendendo le pieghe degli anni.

Rebbolle la tera/ delle speranze/ rabbelate: l’assonanza tra il primo e l’ ultimo verbo significa quel legame stretto tra morte e vita, passato e futuro, malinconia e speranza, che prima ancora d’essere filosoficopensatoè còlto – poetico; inevitabile e necessario se non ci basta sopravvivere, passare sopra la vita, ma aspiriamo a vivere dentro la nostra vita.

La struttura delle composizioni consta di un verso libero, breve, anche di una sola parola che rallenta la lettura e posa l’attenzione su un aggettivo, un verbo, perché possano essere assimilati. Interessante anche lo studio dialettale; ad esempio, la u finale di verso, preceduta da sillaba tonica, sostituisce quasi sempre la o e si alterna alle altre vocali: evidentemente si tratta di vocaboli latini che nella vulgata hanno perso la m finale. Le doppie iniziali di parola – comuni anche ad altri dialetti centromeridionali – riecheggiano il romanesco; ma dove quest’ultimo ha troncato le finali, il sublacense ha sostituito la vibrante alveolare r con la dentale nasale n.

Una sola benevola critica: la traduzione in lingua a volte “interpreta” anziché traslare parola per parola; se questo a volte mantiene alta la tensione poetica, altre volte può allontanare dalla sostanza della parola. D’altronde l’argomento “traduzione” della Poesia – che sia in dialetto o in lingua estera – è piuttosto controverso e si presta a molteplici soluzioni.

Da “Staggiúni”

 

La cassa s’ha ótàta,

nẕinente ji tarli hau finitu

de rosicane.

Potarìa esse bbona

pe gliu fόco,

ma parecchje léna

stau aggià a fracicasse

a lla legnara.

La cassa s’è svuotata,/ pure i tarli hanno smesso/ di rosicchiare./ Potrebbe servire/ per il fuoco,/ ma tanta legna/ sta già marcendo/ nella legnaia.

 

Puru l’arca va ‘n pollere,

ma ci rimane j’addore

e llo pane.

Ju telu c’abbotéa

la massa

ha remasu a gliu funnu

nẕuno aj’addore ‘e spichetta.

E j’arbiri stau pronti

a refjurine.

Anche la madia cade a pezzi,/ ma conserva l’odore/ del pane./ Il telo che avvolgeva / l’impasto/ è rimasto nel fondo/ insieme al profumo di lavanda./ E si preparano gli alberi/ a rifiorire.

Da “Riόne Munnu”

 

Non ce sse oléa crée,

cuandu se nne parléa.

Sdeloncati passuni

e antiche jastéme,

ci sarimo magnatu

tutti

lo stesso pà

e osservatu

nu suju commannamentu:

òlesse bbe’.

 

Ju sogno de Giasucristu.

 

Non ci si credeva,/ quando se ne parlava./ Abbattuti steccati/ e divisioni ancestrali,/ avremmo mangiato/ tutti/ lo stesso pane/ e osservato/ la sola Legge che conta:/ amare.// Il sogno di Cristo.

 

Tutti jòmmini èranu fatta

la cuera,

agliu fronte o alle mignère.

La cuera delle matri

era tutt’i jorni,

a commatte co lla fame ‘e gli fiji

e gli sgari d’aggiustane.

E gliu camminu

attappatu,

e chelle nùole nere

che s’ammalloppéenu

sempe

cuondu ésse stennéenu ji panni.

 

Tutti i padri avevano fatto/ la guerra,/ in trincea o nelle miniere./ La guerra delle madri/ era tutti i giorni,/ a combattere con l’appetito dei figli/ e gli strappi da rammendare./ E il camino/ che non tirava,/ e quelle nuvole nere/ che s’addensavano/ sempre/ quando loro stendevano i panni.

Da “Canzone”

 

Èssuju, arìa,

lucènno méso a gli babbalotti

gliu piantu ‘e lla notte

ca lustra l’erba

e agliùma la mente.

 

È comme ‘na canzone…

... na ventata d’aria fina

che me ss’encolla

e trasporta

agliu tempo ca rènne

delle staggiúni a vinine.

 

Eccolo arriva,/ scintillando tra le ragnatele/ il pianto della notte/ che lucida l’erba/ e illumina la mente.// È come un canto …/ una ventata d’aria pura/ che m’afferra/ e trasporta/ al tempo fruttuoso/ delle annate a venire.

 

Vajo cerchènno caccosa

c’aglio perso

oppuramente sprecatu.

Ma no lle so ficcate

n saccoccia

le lacreme ch’aglio

piantu.

Le cerco dappetuttu

pe fa rescì puro l’àre

e allentàne

j’anginu ‘e gliu core.

 

Vado cercando/ qualcosa/ che ho perduto/ o forse sperperato./ Ma non le ho messe/ in tasca/ le lacrime che ho/ pianto./ Le cerco ovunque/ per richiamarne altre/ e allentare/ l’artiglio del cuore.

 

Maurizio Rossi

(Fonte: Poeti del Parco, 23/2/2018)

 

 

Maria Lanciotti, Rione Munnu

Aperilibro” n. 10, Ed. Cofine, Roma, 2018


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.4%
NO
 26.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy