Sabato , 21 Luglio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri 
Città di Colonna, XIII edizione Premio Letterario Nazionale “La Tridacna”
31 Agosto 2016
 

*

Stormo di corvi

annerisce il cielo

tinto di tramonto.

La vecchia torre

si popola di ombre.

Bisbigliano rimproveri

e vendette, non si ammette

il rilancio d’un sogno.

Vacillo ma non cado,

guardo avanti.

 

*

Fiume bollente

scava la mente

dilata l’anima.

Sapere ignoto

illumina le notti.

Solitudine feconda.

Si ricrea

il gesto del dono.

 

*

Incombente

la splendida Falce.

Un brivido,

al tocco del nero mantello.

Risa dalle vuote caverne.

Albeggia.

S’apre un nuovo sipario.

Indosso la mia pelle vera.

 

*

Tentare

la conquista

d’un pezzetto di cielo.

Una mano da stringere,

se l’astro acceca.

 

*

Incandescenti lance

o arbusti vivi,

i radi spasmi che uncinano

il pensiero?

Accarezzare il getto o la corteccia?

 

*

Non t’amo più

amore senza fine.

Amo la pelle viva

dell’amore che cresce

che muta

che fugge e ritorna

e pretende

gridando

perdono e accoglienza.

 

*

Tramonti da bere ogni sera

come quando,

nella gloriosa malinconia

del cielo che imbruniva,

strepitava l’amore.

 

*

Il tempo

scava

col suo nerbo

cunicoli e fosse.

Nulla può

contro ombre e fantasmi.

 

*

Ma come può accadere

che in un battito

breve

s’innalzi l’ara

che raccoglie le spoglie

d’un sogno

e la vuota armatura

a visiera abbassata?

Qui

relegata

la muta di piume e di squame

d’una nuda creatura.

 

*

L’uomo solo

inibito

tradito

ascolta la quinta sinfonia

di Beethoven

e la riascolta

ad anima spalancata

per ritrovarsi

in Beethoven, allegro con brio.

 

*

Pur respirando

mi scordai di vivere.

Fu allora

che percepii la vita

come sangue nuovo che spruzza

dalla ferita.

 

*

Sullo sfondo

di raso nero

la stella

s’immola.

Oro!

Scaglie

fanno corona

ballando al vento stellare.

 

*

Slanci.

Singhiozzi brevi,

ossa e memorie abbracciate.

Nel luogo abbandonato

splende il biancospino.

 

*

So,

fatalmente so,

che se tu,

custode d’un amore

esclusivista e puro,

cadessi per stanchezza

dove il verde

si confonde al fango,

no,

non ti perdoneresti.

Ma se cado raccoglimi,

come io ti raccoglierei.

 

*

Costruire sulla roccia

non salva.

Nel turbine di mutamenti

stranianti

sfugge il linguaggio dei vivi,

acquista senso il bisbigliare dei rivi –

non appare insensato

montare una tenda sulla sabbia.

 

*

Groviglio di nodi

a mozzare il respiro.

Poi

nel sogno –

stelle palpitanti

a comporre codici,

nuovi dilemmi.

 

*

Perché inseguire comete?

Per afferrare un sasso

basta chinarsi.

 

*

Giglio di mare

affonda il seme

e muore

per rinascere altrove

a capriccio delle correnti.

 

*

Comparsa

d’una farsa millenaria

m’innamoro del Cristo

che andava per le strade

a seminare dubbi.

 

*

Amore

morde

e stritola.

Stretta

nelle spire

fisso lo spacco

delle tue pupille.

 

*

D’una casa è rimasta

la chiave.

Dava sul mare,

rifugio per schiarite

e tempeste.

Un comignolo fuma

lontano.

Mastico neve

mentre mi ricopre.

 

*

Evadere.

Scivolare nel labirinto.

 

*

L’amore nostro:

corsa su neve e nuvole,

schiaffo e preghiera

spasimo battaglia.

Scavammo sentieri

nel granito

e mai,

tremendo amore,

corremmo sui prati.

Il mio rimpianto.

 

*

Rami agitati

intrecciano legami,

ruggendo il vento estirpa

radici.

A cielo secco

m’avventuro fra rocce

di gesso.

Cerco tra i fossili

il calco d’un bacio,

sapore di china e d’assenzio.

 

*

Cadute lance

e scudi,

mani

inarrendevoli

tornano a tessere

corredi.

 

*

Quando in spiccioli

si conta il tempo che rimane

si comincia a nascere,

ad aprire gli occhi in cerca della luce

che non abbaglia,

del calore che non ustiona,

della voce che riposa.

Quando il tempo scade

si apprende il valore del tempo

e della vita,

tenace come dente di leone

effimero come bolle di sapone.

 

*

Poni su noi, Eterno,

le mani sul capo

nel gesto benedicente degli

avi

e scaccia lontano

l’ombra del male

(lontano, lontano)

che la dissolva la luce

delle forze benigne.

 

*

Canto d’onde

instancabili e frementi

consumano sassi

frantumano conchiglie

per nuove spiagge

lambite dall’azzurro

dove i bambini

costruiranno castelli

senza merli e ponti levatoi.

 

*

Tane di smeraldo.

Aprirsi all’alba

nudamente

fra manne di spighe.

 

 

 

Con “Sassi e astri” Maria Lanciotti ha vinto il Premio Letterario Nazionale “La Tridacna” alla XIII Edizione, Città di Colonna – sez. C Raccolta di poesia a tema libero inedita.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.9%
NO
 23.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy