Lunedì , 17 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
21 Dicembre 2006
 
Da dove venivano quelle vibrazioni? Tutti gli abitanti del villaggio ne avevano pieni il petto e la testa e quasi non connettevano più. Pensavano, gli anziani, che fosse il cuore del mondo a battere così, o tamburi di eserciti eternamente in marcia, o lo strumento ossessivo di un dio solitario. E tante altre ipotesi si facevano sulla fonte delle vibrazioni, ma nulla di certo.
Quel battito regolava riti e danze, accoppiamenti di animali e di uomini, sepolture e nascite.
Un giorno nacque un nano da una coppia di giganti. Una anomalia che si addebitò come tante altre alle vibrazioni che sconvolgevano ogni regola. I genitori chiamarono Nanos il loro strano figlio, lo affidarono alla clemenza del dio dei nani, e ripresero a procreare altri figli, giganti come loro.
Quella collina verdeggiante era stata vulcano, in tempi remoti; Nanos la esplorava continuamente da cima a fondo, palmo a palmo cercando la provenienza del suono, e niente altro gli importava della vita.
Benché diverso dagli altri, anche Nanos era soggetto alle stesse leggi del tempo: diventava vecchio, e la frenesia della sua ricerca cresceva con l'età.
Forse il dio dei nani s'interessò a lui – dopotutto gli era stato affidato – e Nanos ebbe la visione e subito partì.
Il sorgere del sole lo trovò a scorticarsi nel pertugio sottile, una ferita nella roccia, che prese a penetrare forzando fibre d'acciaio.
Giù, spingendo con la testa, e anche il corpo faticosamente avanzava, fra umori viscidi e rossicci. Giù, nella gola oscura, odorosa di muffe.
E Nanos rinacque infine nel ventre dell'antico vulcano.
L'essere incatenato batteva il martello sull'incudine al solito millenario ritmo, ma era ormai ridotto allo stremo; sbiancato dalla vecchiezza, curvato dall'incommensurabile fatica, conservava però la lucentezza del suo sguardo di antracite, col quale alimentava la forgia.
«Da quando? da quanto tempo lavori in questa fucina sotterranea, e chi ti incatenò, e cosa vuoi forgiare?», gli chiese Nanos.
«Un sogno m'incatenò. Sognai la rosa. Tu non puoi capire la bellezza della rosa che sognai. E fu per quella bellezza, che diventai tutt'uno con questo ceppo. Martello e martello, mi avvicino alla perfezione della rosa che sognai, e mai la raggiungo. Ho tanto dolore, sono così stanco che desidero ora la morte più di quanto non desiderai la rosa. Aiutami, nano, sono veramente esausto!»
Nanos era gigante nell’anima. Comprese il dolore e lo sfinimento dell'artigiano sognatore e li fece suoi.
Affrontò l'asprezza del rientro nell'utero roccioso, e tornò a morire infine nella luce che tramontava.
Ancora il martellare vibrava nell'aria, ma debole, sempre più lento.
Corse Nanos, corse sulle sue gambe corte; rotolando e sobbalzando sul pendio a tratti vellutato, a tratti sassoso, lacerandosi la pelle nella sterpaglia, raggiunse finalmente il cespuglio di rose selvatiche.
Colse la rosa canina, i petali color carne appena schiusi umidi di brina.
E corse Nanos, con la rosa tra le mani a coppa, inseguendo il suono ormai fievolissimo. E ancora a testa in giù nella strettoia, e ancora rinacque nel ventre della terra.
...
«Come ti chiami?» chiese Nanos al vecchio incatenato a un sogno.
«Sai? non lo ricordo. Tu chiamami come vuoi».
«Ti ho portato la rosa, Artista, l'ho trovata a valle; altre rose non fioriscono in questo luogo».
Artista, oppresso dallo sfinimento, accarezzò con gli occhi stupefatti i cinque petali, rosei e carnosi come mano neonata.
«Come potevi sapere che proprio questa è la rosa che sognai? e dimmi, perché in tanti secoli di lavoro non sono riuscito a riprodurre la sua forma? è davvero semplice, la sua forma. Dimmi, nano, perché non sono riuscito a realizzare il sogno?»
«Non so che dire, Artista. Ma so che ora questa collina ritroverà la sua pace, senza il battere del tuo martello. E anch'io trovo la mia pace, adesso. Chissà, forse quello che non potevi dare alla tua rosa era la levità, e il velo di rugiada, e il profumo del vento. Una rosa di ferro, io credo, non può lasciarsi andare al respiro della brezza, non più raccogliere il pianto della luna... forse... chissà...»
Ma Nanos parlava ormai da solo.
Il vecchio artigiano scivolava dolcemente a terra guardando, senza più vederla, la rosa aperta sul palmo della mano.
I suoi occhi perdevano lucentezza, la forgia cominciava a raffreddarsi.
 
Maria Lanciotti

Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Amina e la maledizione dell’abate
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti. Murale
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.8%
NO
 26.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy