Mercoledì , 24 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
Pedro Berruguete,
Pedro Berruguete, 'Salomone' 
07 Marzo 2014
 

Ecclèsia1

 

 

I

 

Il muro a secco fra gli ulivi, la casa di sassi sulla collina, il bosco di querce.

 

Egli nacque qui, in una fredda notte piena di stelle e di ammonizioni;

era nudo e senza denti e con le unghie tenere e la voce flebile, ma infine urlò. Nascere fu la sua prima fatica.

 

Abbandonato lo stato felice tra le acque rosa, egli conosce l’affanno di esule in altre sponde approdato, alla ricerca oscura del frutto cui aggrapparsi;

 

non sa il suo tempo breve, e la vanità di ciò che lo attende;

 

come il sole si leva e tramonta, egli percorre il suo giorno;

 

come il vento sale e discende, egli segue il suo moto;

 

come sorgiva contesa dal mare e dal cielo, egli segue il suo ciclo.

 

Dura la legge del Creato e meravigliosa: nulla mai si riposa, nulla mai concede riposo;

 

percezioni attinte all’esistenza, incessantemente la mente elabora e trasmuta;

 

il sogno solca le notti, illuminando sedimentazioni e squarci;

 

brulica la mente di universi spenti e nascenti;

isola di solitudine e tremori, l’essere tesse danze e voli di morte;

 

e mai nessun grido lacera le trame inflessibili.

 

Solo le pietre conservano i segni del passaggio dell’uomo, le pietre e le ossa;

 

tiare e corone il tempo corrode, parole disincarnate incensano tabernacoli.

 

Il cuore non si appaga di retaggi; erede di territori immensi e inesplorati, fiuta rabdomantici segnali;

 

il cuore sa e non mente e non s’inganna: la sua vista è acuta e sterminata.

 

 

II

 

Tenta l’uomo la via della gioia e del facile riso, allettato dal suono dei campanelli e dalla mammella dell’orsa;

 

ma la ragione lucrosa frena il suo moto sventato, lo esorta a vagliare passi fatti e da farsi.

 

L’uomo conta tutti i suoi beni acquisiti con sacrificio e ardimento;

 

esalta la sua abilità nel renderli massimamente fruttiferi;

 

loda la sua grande famiglia e i suoi prosperi allevamenti;

 

vanta ricchezze in preziosi e opere d’arte, e vergini e coristi celestiali.

 

Dice: tutto ho creato dal nulla

con sapienza, lungimiranza e accortezza.

 

Riflette: ma stimati i miei beni, e la fatica e il tempo che mi sono costati, non me ne viene allegrezza; cos’è allora che conta sotto la volta del cielo?

 

Si domanda: la cupidigia sempre accompagna gli uomini, indistintamente?

 

E cosa fanno tutti, se non replicare sempre se stessi?

 

A che pro vivere da saggi, se ad essi è riservata la medesima sorte degli stolti?

 

Tutti saranno dimenticati dopo morti, e di ogni sforzo o inanità non resterà che cenere.

 

Ed egli ripudia la vita tormentosa e vana, e ingiusta;

 

il suo affannarsi in opere che passeranno ad altri, senza sapere cosa ne faranno.

 

Egli si dice allora di non attaccarsi troppo ai risultati di gravosi sforzi e elucubrazioni;

 

ché tutto quanto costruito con fatica,

e sofferenza d’animo, egli dovrà lasciare a chi non mosse dito né intelletto, e mai parlò col cuore;

 

che cosa resta dunque ad un uomo di tutta la sua passione e laboriosità nel perseguire un progetto che gli sopravviva?

 

consumando la sua esistenza fra preoccupazione e rischi, senza poter trovare ristoro neppure di notte, con la mente sempre in stato di veglia?

 

Non sarebbe meglio per l’uomo soddisfare aspirazioni e bisogni secondo le sue inclinazioni, senza altri obiettivi?

 

non sarebbe ciò opportuno e sensato, rispettoso dell’imperfetta indole umana?

 

ma se io non facessi – egli ragiona – come potrei assecondare aspirazioni e bisogni?

 

Ecco allora che saggezza, conoscenza e animo lieto fanno il corredo dell’uomo, grato al suo destino;

 

e destino di esseri tormentati e infelici, senza pace né gloria, è ricercare e accumulare beni,

 

di cui l’uomo della conoscenza farà buon uso e discernimento, lodando le prerogative degli eletti.

 

E da tutto ciò – egli considera – non mi deriva serenità di spirito, ma

pena e fastidio; dove cercare ancora il rimedio al mio cruccio?

 

 

III

 

L’uomo vive le sue stagioni senza farne tesoro; senza adeguato apprezzamento per la calda estate

 

che matura frutti e grano, per il freddo dell’inverno che dà riposo alla terra, per l’autunno che spoglia e

 

mette a giacere le piante, per il tepore della primavera che fa schiudere le gemme.

 

L’uomo vive il suo tempo senza trarne insegnamento: nasce cresce invecchia e muore senza

 

aver compiuto l’arco e senza farsi freccia; disconoscendo al tempo il suo valore e il suo significato.

 

L’uomo che osserva la natura e le cose, che ascolta le pulsazioni del cosmo, che coglie

 

l’accordo dell’insieme fino a penetrare nell’armonia universale,

acquista la sua porzione di tempo

 

e la nozione di come spenderlo senza sperperarlo e vanificarlo,

godendo del brutto tempo e del bello,

 

ché non v’è tempo brutto o bello,

ma Tempo.

Tempo di piangere e gioire,

 

d’imparare e disimparare,

d’amare e d’odiare,

di ferire e medicare,

 

di nascere e morire;

per tornare puro di cuore, e consapevole, al proprio inizio.

 

Maria Lanciotti

 

 

1 Dalla lettura de Il libro dell’Ecclesiaste


Articoli correlati

  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Amina e la maledizione dell’abate
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.2%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy