Sabato , 15 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
17 Settembre 2015
 

Una bambina con una camiciola bianca e un nastro nei capelli, piange disperata in braccio a qualcuno. È piccolina, non sa ancora parlare, dice solo mamma e bua. Si è svegliata senza la madre accanto, in un luogo che non conosce, fra persone che non sanno come confortarla.

– Mamma torna presto, è andata laggiù, a prendere la pastasciutta.

E le indicano un ‘laggiù’ che si perde dietro le montagne, nere contro il cielo chiaro.

La bambina affonda la testolina nel collo della zia e continua a singhiozzare, sempre più fievolmente.

– Poveri noi, come si fa co’ ‘sta creatura che non si dà pace? Ma quant’è brutta ’sta guerra!

La bambina s’è calmata, vuole scendere. Provano a farle mangiare un po’ di frutta, ma lei scuote il capo e serra la bocca.

Si accoccola in un angolo e guarda fisso le montagne che sembrano rosa, ora che il sole vi batte. Aspetta di vedere la madre apparire da lassù, con la cesta in testa piena di pastasciutta. Dev’essere una cosa buona, la sente sempre nominare dai grandi con un sospiro.

Un ragnetto si arrampica sulla sua gamba, le fa il solletico e la bambina ride. Poi osserva incantata la fila di formiche entrare e uscire, correndo, da un buco nella terra.

I grandi spannocchiano sull’aia. Il granturco forma sul telo una montagna d’oro. La bambina vi affonda le mani e alcuni chicchi le restano impigliati fra i capelli.

– Maria ci ruba il granturco, se lo nasconde in testa! – E i grandi ridono, continuando a sgranare le pannocchie e mettendo da una parte i torsi per gli animali.

Lo zio più in là cava le patate.

Dalla terra escono grappoli di patate, che lo zio sgrulla e ammonticchia. La bambina non capisce come faccia la terra a contenerne tante: che altro ci sarà sotto là sotto?

Con uno stecco prende a scavare fra le zolle, e un odore buono torna a farla piangere. Assapora le lacrime, impastate alla terra.

– Ma che fai, mangi la terra? – e la zia accorre per pulirle la bocca e le mani, e asciugarle gli occhi.

Improvvisamente il cielo si oscura. Tutti corrono per mettere al riparo il raccolto, ma la nuvola passa veloce e riprendono i lavori.

– Il tempo non dà affidamento: alla prima pioggia finisce l’estate.

È l’estate del 1943. La bambina è tra gli sfollati scampati al bombardamento del 19 luglio a Roma. Lei non sa della guerra, ma se la porta addosso come una malattia silenziosa.

– ’Sta pupa piange sempre, non parla, non ha mai fame. Menomale che la mamma s’è convinta a lasciarla qui da noi. Dove la portava, sotto le macerie? gli hanno spallato casa, povera famiglia…

– Qui siamo ancora al sicuro e da mangiare qualcosa si rimedia sempre.

– Dicono che la guerra è prossima anche da noi.

– Dio ci scampi e liberi, ancora si piangono i morti del 15/18…

– Guarda che bello, l’apparecchio! – e la zia delicatamente infilza con uno stelo sottile una filo-filogna, che continua a volare col suo ingombro.

– No… no –, balbetta Maria e tutti la guardano stupiti.

– Ha parlato, ha detto no, bella meluccia di casa!

– Per regalo zia oggi ti fa la polenta con i funghi! – E mentre vanno ad accendere il fuoco le mostra, lungo la viuzza tra l’erba, le farfalline azzurre confuse con i fiori della cicoria.

Quando tutti stanno mangiando nella cucina affumicata, il sole comincia a calare dietro le montagne.

– Mamma…

– Mangia, adesso arriva.

E la zia dolcemente la dondola sulle ginocchia. Sedia sediola… Maria è stanca, vorrebbe dormire, ma non riesce.

La zia la porta fuori e le fa vedere le lucciole. E la meraviglia entra negli occhi della bambina e vi rimane per sempre.

La mettono a letto e la zia le canta la ninna-nanna. Ninna oh ninna oh… E Maria sogna le formiche il granturco le farfalle le nuvole il tramonto le lucciole, mamma che torna scavalcando le montagne con le braccia cariche di pastasciutta.

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Amina e la maledizione dell’abate
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.8%
NO
 26.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy