Mercoledì , 17 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Amina e la maledizione dell’abate 
di Maria Lanciotti
Necropoli di Pantalica
Necropoli di Pantalica 
18 Gennaio 2013
 

Non sapeva più quanti anni aveva e non le importava saperlo.

Viveva nella casa dov’era nata e dove era nata sua madre e la madre di sua madre. Più indietro non andava con il conto delle generazioni.

Si chiamava Amina, ma tutti la conoscevano come Minuccia.

Quando era nata – raccontavano gli anziani – era spuntato un nuovo fiore tra le tombe preistoriche scavate nella roccia. E quel fiore, di un colore incerto fra l’azzurro e il viola, così somigliante al colore degli occhi di Minuccia, si propagò nell’isola e ne cambiò l’aspetto.

Minuccia da bambina tante volte si era persa nel dedalo di grotti e tunnel che attraversavano l’isola e – si diceva – custodivano tesori nascosti dai pirati al tempo delle invasioni. Si diceva anche che nella grotta della Vergine e del Leone fosse sepolto, chiuso dentro una scatola di ferro, il seme di una pianta ingorda che, se interrato senza prima averne spaccato il cuore, sarebbe fiorito in una notte e avrebbe ingoiato ogni altro tipo di vegetazione nel giro di una rotazione lunare.

Tante cose si dicevano sull’isola e tutte erano vere ma non verificabili. Una maledizione era stata lanciata dall’ultimo monaco, mentre ardeva tra le rovine dell’abbazia presa d’assalto e distrutta da un’orda di barbari di cui non si seppe mai la provenienza. Gridò, l’abate incatenato alla colonna centrale del convento, mentre le fiamme gli avvolgevano la testa bianca e la barba fluente, le parole che corsero nell’aria e gravarono per sempre nell’animo degli isolani: “La verità muore con me, dispersa con le mie ceneri”.

Il giorno del rogo tirava un vento dolce che smuoveva appena la rada vegetazione spinosa che copriva la scogliera e scivolava verso la Tana del Coniglio, all’estremo limite dell’isola, prima dello strapiombo. E la più vecchia donna del paese – si diceva che avesse aiutato a nascere tutti gli isolani degli ultimi cento anni –, che per misteriose vie aveva ereditato la visione di quel tragico evento e appreso il segreto della maledizione dell’abate, fu proprio nella direzione in cui in quel giorno infausto il vento tirava che scavò la prima tomba per sotterrarvi il feto di una femmina che non era riuscita a trarre viva dalle carni della madre.

In quel luogo vennero d’allora sepolti tutti gli abitanti che lasciavano questa vita, trasportati a spalle dai giovani lungo la viuzza che nel tempo si era venuta a creare fra la sterpaglia.

Quando la vegliarda sentì arrivare la sua ora, fece chiamare Minuccia per passarle l’eredità di veggente e tutto quello che possedeva: uno scialle di lana grezza filata con fili d’argento, una sottana bianca di pizzo, una scatola piena di pietruzze luccicanti e una treccia di capelli neri.

Erano sole, mentre si scambiavano le ultime parole. Ma si narra che tra loro passò, come un volo di tortore, ciò che è frutto del tempo ma non assoggettato al suo scorrere.

Minuccia, nella sua lunga vita, tante donne aiutò nel travaglio e vide partorire, ma lei non ebbe mai figli né mai conobbe l’abbraccio di un uomo, vivendo tuttavia in pienezza il suo grande sentimento d’amore. Curava la vita in tutte le sue manifestazioni e con particolare dedizione ne curava l’ultimo atto, il compimento. Era lei che si occupava del campo ai bordi dello strapiombo, dove per ogni nuovo ospite spargeva semi e conficcava radici, fidando in fioriture sempre più ibridate e rigogliose.

Lì, dove il vento aveva depositato quel giorno lontano del rogo le ceneri dell’abate, Minuccia aspettava di conoscere la Verità, ma senza troppo cercarla. E mentre il campo diventava un giardino incantevole, attirando la scarsa fauna dell’isola, Minuccia lentamente apprendeva il linguaggio dell’Oltre. Una strana lingua, scaturita dalla commistione di tutti i linguaggi – conosciuti e oscuri – che passano per la bocca del Tempo.

Lo scialle di lana si disfece sulle spalle di Minuccia, la sottana di pizzo si logorò fino a sfilacciarsi, la treccia di capelli neri si sfarinava come erba secca, e solo i sassi lucenti rimanevano indenni dentro la scatola di ferro. Minuccia comprese allora che non avrebbe trovato quel che cercava coltivando il giardino della Morte, ma nella Memoria insita in tutte le cose.

Nella casa che era stata di sua madre e della madre di sua madre – e prima ancora di chissà quante altre madri e altre figlie – Minuccia ebbe un’ispirazione.

Era sola, in quel mattino pieno di vento rabbioso che tirava verso il campo fiorito.

Minuccia si tolse lo scialle, si sfilò la camicia e scivolò nell’acqua della tinozza per lasciarvi tutta la sua stanchezza e liberare la pelle da ogni impurità. Chiuse gli occhi, Minuccia, e non contò più i battiti del tempo né quelli delle sue vene. Quando il vento si calmò uscì dalla tinozza, indossò una veste nuova e si mise al lavoro.

Non pensava di potercela fare, spostare tante cose con le sue poche forze, ma riuscì infine a sistemare la stanza più luminosa della casa proprio come desiderava. E capì di aver sfatato la maledizione dell’abate: la Verità non muore e non si disperde come cenere.

Intanto si era fatto notte e Amina scacciò il buio accendendo tutte le candele che le erano rimaste.

Si guardava intorno, nella luce calda e vibrante, e trovava ovunque la Verità:

nei volti degli antenati che la guardavano dalle pareti

nel quadrifoglio dentro il libro ingiallito

nelle Sacre Scritture alla pagina dei Profeti Stupidi

nella tovaglietta ricamata a punto croce

nella testiera di ferro smaltato

nella corona di madreperla

nelle scarpette di un bimbo mai diventato adulto

nella ciotola con le spighe di lavanda

nella brocca di terracotta

nella collana di ossi di pesca

negli scarponi di un uomo di cui altro non resta

nel cuscino in cui nessuna testa ha mai affondato

nel legno tarlato del comò

nel Cristo col manto rosso benedicente

nel forziere di legno marino con le borchie arrugginite

nella teiera ammaccata di alluminio

nei disegni infantili e nei magistrali dipinti

nelle ruvide mura vocianti

nel fresco respiro delle tende.

Che cosa manca ancora?” si chiese Minuccia, sentendo una specie di vuoto nelle ossa. E sorrise conoscendo la risposta. Fu allora che si addormentò, mentre il vento dolcemente lambiva la casa e dal campo fiorito sullo strapiombo giungeva il profumo di terra smossa.

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.6%
NO
 24.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy