Giovedì , 13 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
14 Novembre 2007
 

CASA E FAMIGLIA

 

(Parla Capo Orso in Piedi:)

“La casa era il nostro cuore, la nostra forza e il nostro sapere.

Le donne la tenevano in ordine, cucinavano, acconciavano le pelli, fabbricavano mocassini, sacche e acconciature.

Nel tipi c’era sempre cibo cucinato e pronto anche per ospiti inattesi. Se capitava uno straniero gli veniva dato un bastone appuntito, veniva fatto passare da tipi a tipi e ogni famiglia infilzava nel suo bastone un po’ di carne secca.

Nel tipi il cibo veniva servito in piatti di legno con cucchiai di corno. Veniva distribuito dalla madre, la persona più importante dopo la nonna. I vecchi venivano considerati con molto rispetto ed essi raccontavano bellissime storie e tenevano vive le memorie delle tribù. Gli uomini ricevevano molte premure ed essi, al mattino, acconciavano i capelli delle mogli e gli dipingevano il viso. Le pitture sul viso servivano anche per proteggere la loro pelle che era chiara e delicata.

I lakota avevano molta cura per i loro figli e si preoccupavano di dar loro il buon esempio in ogni circostanza”.

 

SEGNALAZIONI CON LE COPERTE ED ALTRI MEZZI DI COMUNICAZIONE

(Parla Faccia che Ride:)

“Per noi, indiani della prateria, la coperta era il mezzo per comunicazioni a breve distanza e cioè in vista del villaggio col quale si voleva comunicare. Dopo il segnale di richiamo si sventolava la coperta, si arrotolava, si gettava per aria, si acchiappava come una palla, insomma si usava per tutti i segnali convenuti.

Se invece si doveva comunicare a distanza, allora si usava il fumo. Il segnale di fumo significava vittoria e se i guerrieri di ritorno da una battaglia non facevano segnali di fumo, allora voleva dire che la battaglia l’avevano perduta.

Noi lakota comunicavamo anche con la danza. Riuscivamo ad imitare tutti gli animali e a rappresentare tutte le imprese – di guerra e di caccia – che volevamo. Con la danza mantenevamo vive le nostre tradizioni ed esprimevamo tutti i nostri sentimenti.

Comunicavamo anche con il “linguaggio a segni”, gesti delle mani che hanno molto incuriosito i bianchi. Era come una scrittura ideografica molto poetica; per esempio, per dire “primavera” il sioux poneva la mano destra sul terreno col dorso all’ingiù, il pollice e le altre dita rivolte verso l’alto.  Poi la mano si alzava più volte per indicare l’erba che cresce.

Per dire “falsità” si faceva il segno che indicava “parlare”, seguito dal segno che indicava “molti modi”.

 

L’ANNUNCIO DELLE API

(Parla Vento nei Capelli)

“Noi, figli della natura, stavamo stesi sulla riva di un fiume e uno degli anziani disse: “hun haw”, che significa “rammarico”. Poi l’anziano additò un insetto che ronzava attorno a un fiore e disse: “Quella cosa che vola è stata portata dall’uomo bianco, perciò egli è vicino e fra poco verrà a invaderci”.

Quell’insetto era l’ape, è sempre affaccendato e cresce rapidamente di numero, proprio come l’uomo bianco”.

 

COME I PRIMI UOMINI BIANCHI ARRIVARONO DAGLI CHEYENNE

(Parla Aquila Rossa:)

“Una mattina, al risveglio nel nostro tipi, trovammo uno strano essere steso sulle nostre pelli. La mia squaw stava per mettersi ad urlare ma io le dissi di tacere; se qualcuno della tribù avesse scoperto quella faccia pallida, forse lo avrebbe ucciso per la paura che portasse disgrazia al nostro popolo. Era ridotto male, era quasi in fin di vita, ma noi lo curammo di nascosto e dopo qualche giorno egli ci raccontò che tutti i suoi compagni erano annegati nel fiume, quando la canoa si era rovesciata, e solo lui si era salvato. Si trovavano nel nostro territorio per mettere trappole per i castori perché, ci disse, la sua gente amava le pellicce di questo animale.

Restò presso di noi finché non si rimise in forze, e così vide come vivevamo e disse che la sua gente aveva utensili meravigliosi: coltelli di metallo, aghi per cucire che non si spuntano, un’arma che si carica con una polvere nera, acciarini per accendere il fuoco e tante altre cose. Disse che avremmo potuto fare scambi, noi accettammo e tutta la tribù, che ormai sapeva della sua presenza, raccolse pelli di castoro e gliele dette. La Faccia Pallida partì  e passarono molte lune prima che tornasse, ma tornò e ci portò tante cose belle e utili. Fu così che i primi uomini bianchi arrivarono da noi cheyenne”.

(Piccolo falco:)

“E poi?”

(Aquila Rossa:)

“E poi… pazienza, Piccolo Falco. Certe storie sono dolorose da ricordare… ora fammi fumare in santa pace il calumet…”

(Piccolo Falco:)

“Grande capo Aquila Rossa, perché guardi lontano, nel buio, come se vedessi cose che io non vedo?”

(Aquila Rossa:)

“Piccolo Falco… ci sono cose che al buio si vedono meglio che alla luce del giorno, solo che a volte fanno tanto male…pazienta e saprai. Ma ora fammi fumare in pace il

mio calumet”.

 

Maria Lanciotti

 


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Amina e la maledizione dell’abate
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.5%
NO
 26.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy