Lunedì , 18 Giugno 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. La via di Pepe
06 Maggio 2012
 

Zia Mari è zen. La mattina si alza, cerca il Dojo, apparecchia il tavolinetto con la statuetta di Buddha e un vasetto con un fiore fresco o un filo d’erba, accende un bastoncino d’incenso, suona tre volte una campanella, mormora parole misteriose e rimane in silenzio meditativo.

Mentre zia Mari è sulla via dell’Illuminazione, io gioco con Pepe, il cagnolino affettuoso e obbediente della razza Cane Nudo Cinese, che zia ha ricevuto in regalo da un suo ammiratore originario del Tibet.

L’Illuminazione tarda a venire e zia Mari sempre più concentrata e stordita dall’incenso va avanti nelle sue pratiche interiori, dimenticando che è quasi mezzogiorno e che noi non abbiamo ancora fatto colazione.

In cucina c’è poco da cercare, zia Mari segue la dieta macrobiotica che le ha fornito un monaco zen che vive sul tetto del mondo, dove lei si reca ogni anno per fare il pieno di spiritualità che le consente di sopravvivere fino al prossimo viaggio.

La cucina di zia Mari sembra un negozio di animali, con tutti quei sacchetti di orzo miglio avena segale granturco e grano saraceno, e una mezza dozzina di pacchi di riso integrale.

Frigorifero vuoto, senza un uovo, un pezzo di salame, un rimasuglio di burro, un qualsiasi alimento che abbia l’odore di capra, pecora o mucca, mentre nel freezer stanno pigiati zuppe di verdure e qualche pesciolino magro, tipo nasello o sogliola, che zia Mari cuoce rigorosamente a vapore: guai a nominarle una padella o un tegame.

Pepe fa la stessa dieta di zia Mari, ed è magro come lei, con le costole fuori e un colorito da can che fugge, solo che lui in questa casa è stabile come un soprammobile, non viene portato fuori nemmeno per i bisognini che fa sempre alla stessa ora e nella stessa quantità e della stessa consistenza, accovacciato con tristezza e vergogna nell’angolino con la lettiera piena di sabbiolina raffinata per gatti.

Cerco almeno qualcosa da bere o un frutto da addentare, ma trovo solo acqua diuretica e limoni mezzi muffiti, anche la zuccheriera è vuota e nel cestino del pane c’è solo un mattoncino scuro che ci vorrebbe il martello per spezzarlo.

Andiamo fuori, Pepe, qualcosa troveremo da mettere sotto i denti”, ed esco col cagnolino che mi trotterella dietro, tutto eccitato.

Zia Mari abita in un villino in mezzo a un uliveto appena fuori città, e ci dirigiamo con Pepe verso la latteria che si trova dopo la curva. La strada è molto trafficata e vanno tutti di corsa, noi ci teniamo sulla destra al margine della cunetta, oltre cui c’è un prato pieno di colori e di odori, e di pecore sparse sorvegliate da un cane pastore.

Pepe annusa l’aria contento e mi sbircia ogni tanto per capire se sta facendo la cosa giusta, e io lo rassicuro con un cenno che significa andiamo avanti, fra poco si mangia.

Dobbiamo fare in fretta, l’Illuminazione potrebbe arrivare da un momento all’altro, e quando zia Mari torna dalla meditazione prolungata vuole solo calma e tranquillità, dopo che ci ha messo tanto per imboccare la via della vita.

Ho con me un bel po’ di soldini e sono decisa a spenderli tutti. Per la colazione e per le provviste, non so per quanto tempo dovrò restare ancora da zia Mari, e non vorrei morire di fame.

Zia Mari non è mia zia, ma è la signora che mi tiene in affidamento e quando è libera e disponibile mi viene a prendere in collegio e mi tiene con sé per qualche giorno. Non mi dispiace, zia Mari, anzi mi sento fortunata a essere capitata con lei; altre volte mi sono toccate zie isteriche con mariti nervosi, pieni di parenti che volevano sapere tutto della mia vita e mi fucilavano di domande ed io dovevo rispondere a tutti con garbo, altrimenti mi facevano saltare la cena.

Siamo quasi arrivati alla latteria e chiamo Pepe per attraversare.

Ma Pepe non arriva e non si vede in giro, ed io comincio a correre lungo la strada chiamandolo, mentre il traffico rallenta e i conducenti mi fanno cenno dal finestrino di stare attenta, e c’è chi suona il clacson con insistenza, e chi mi dice le parolacce o mi fa le corna.

Se non trovo Pepe sono perduta, zia Mari tiene al canuccio come a un figlio, forse di più, Pepe dorme nel suo letto e mangia quello che lei mangia, e levando Pepe cosa resta a zia Mari? L’affido temporaneo di una ragazzina problematica, la dottrina Zen che le deve insegnare a prendere la vita come viene e la sua dieta poverissima.

Sono disperata. Se non ritrovo il canuccio nudo cinese scompaio anch’io, e non risponderò agli appelli di ‘Chi l’ha visto?’, cercherò un campo di nomadi e chiederò l’integrazione, mi mischierò ai clandestini e dividerò il loro destino, m’imbarcherò per le isole degli ergastolani e mi farò rinchiudere nel penitenziario come vivandiera non retribuita.

Pepe non si trova. Continuo a cercarlo e a chiamarlo e nessuno che mi chieda chi è questo Pepe; nessuno sa che è un cane nudo cinese e potrebbe essere un vecchio o un bambino o un non vedente o uno scappato dal Centro di Salute Mentale, e io stessa dovrei essere messa in salvo dal traffico e dalla cattiveria che scatena, le strade sono davvero pericolose.

A un tratto vedo Pepe che tutto felice attraversa il prato e mi raggiunge scodinzolando, e dopo averlo sgridato lo prendo in braccio e andiamo alla latteria a mangiare come lupi e a fare rifornimento di provviste.

Poi torniamo a casa di corsa e troviamo zia Mari tutta affaccendata a pulire gli specchi; si capisce che non si è accorta che noi siamo usciti e rientrati, e quando le passiamo accanto dice: “Per vedere chiaramente la nostra immagine, dobbiamo solamente pulire lo specchio”.

Zia Mari zen zen ha avuto anche oggi la sua illuminazione, e credo che il digiuno aiuti molto nella via della saggezza, ma abbiamo deciso con l’amico Pepe di starne fuori e trovare invece una via di fuga.

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Amina e la maledizione dell’abate
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy