Venerdì , 20 Aprile 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste 
Alla ricerca della spiritualità – 1
27 Aprile 2017
 

Faceva caldo, mancava l’aria. Le ginocchia mi facevano male e avevo la nausea. La ressa dei fedeli creava un movimento ondivago mentre gli occhi mi si annebbiavano. I canti dei pellegrini e le urla delle donne che chiedevano grazie alla Madonna rimbombavano nella chiesetta tappezzata di ex voto e nella mia testa ovattata. Viva viva, sempre viva…

Padre, sto per svenire.

Dalla grata impregnata di aliti che sapevano di lunghi digiuni e denti cariati proveniva un respiro affannoso che mi veniva soffiato in faccia insieme a parole cincischiate, spruzzate di saliva rovente.

Tentai di sollevarmi, ma ricaddi prostrata col capo tra le mani.

E continuò la tortura, di qua e di là della grata.

Quante volte – la domanda, che non era una domanda, ripetuta in un sussurro che s’alzava di tono e ricadeva in un gemito.

Le tempie mi battevano e il sudore mi colava a gocce dalle ascelle. Tutti mi stavano guardando, ne ero certa. La fila di gente diretta al confessionale si era bloccata e mi premeva addosso malevola. La vergogna mi risaliva dalle viscere con un sapore di piombo nella bocca arida.

Quante volte – insisteva la voce, schiaffeggiandomi le guance di cera e di porpora.

E altre parole provenivano molli e legnose dalla grata, e mi colpivano come frutta marcia lanciata con spregio. Parole mai sentite prima e di cui non conoscevo il significato: coito interrotto, contraccettivo, contro natura, masturbazione. Parole che mi si piantarono come chiodi nei punti più dolenti di una femminilità forte e sconosciuta.

Facendo forza su me stessa riuscii a sollevare un ginocchio e abbrancata con le mani alla mensola stavo provando a rizzarmi in piedi, quando la voce, rauca e singhiozzante, intimò:

Aspetta, ti devo ancora assolvere e dare la penitenza. – Il fiato mozzo che perveniva dalla grata mi assalì come una ventata fetida e per sottrarmi ad esso trovai la forza di alzarmi e scappare fuori, senza curarmi della muta riprovazione di tutta quella gente in attesa di inginocchiarsi su quel legno infuocato e aprire l’animo a un povero diavolo martoriato dai suoi stessi forconi.

Corsi a perdifiato lontano dal santuario e dai canti e dalle urla e dall’odore di cera e d’incenso, e mi rotolai in un prato ancora umido di rugiada, piangendo e pregando a modo mio quel dio di cui tutto mi era stato detto e tutto mi rimaneva oscuro. Un gregge pascolava nei pressi, il grosso cane pastore mi puntava a distanza e non m’incuteva alcun timore, era lì solo per fare la guardia e non per aggredire senza motivo.

Era una domenica di luglio all’inizio degli anni ’70. Ero sposata da dieci anni e avevo tre figli. Mi risuonava nella testa il comandamento che quel giorno non avrei osservato: Ricordati di santificare le feste.

 

Maria Lanciotti

 

 

Alla ricerca della spiritualità

1 (segue)


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. L’Azione Cattolica Italiana e la Vergine della Rivelazione
  Maria Lanciotti. Frate Indovino, il nuovo assetto dell’ACI, il Gruppo del Pollaio
  Maria Lanciotti – “Il mio canto libero”*
  Maria Lanciotti. Christus vincit, Christus regnat, Christus imperat
  Maria Lanciotti. D-io = Equilibrio
  Maria Lanciotti. Fioretti, indulgenze e il dogma dell’Assunzione
  Maria Lanciotti. La Santa Purità e le Figlie di Maria
  Maria Lanciotti. Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai
  Maria Lanciotti. “Finché morte non ci separi”
  Maria Lanciotti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy