Domenica , 20 Gennaio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Poesie sparse
28 Novembre 2015
 

Gli uomini non sanno piangere:

una lacrima basterebbe a demolire dighe.

 

 

Che mistero è mai questo…

 

Agnelli belano alle prime luci

per tre giorni

e tre notti li piangono mammelle

dolorose di latte.

Nei pascoli del cielo giornaliero

massacro, stelle letali

offuscano prati

nuvole cieche vanno alla deriva.

 

Che mistero è mai questo

quale indovinello infuoca

la mente

che assiste

demente –

a scempio e rinascita

e

d’un fiato trangugia

tossine

e colata di vergine miele.

 

Che mistero è mai questo…

 

Per una goccia d’essenza quante rose sgozzate!

 

 

 

Ponti

 

Tempo iniquo

costruttore di macerie

violato

da consapevoli barbari.

 

Il mio tempo crudele

rabbercia ponti spezzati

con malta di sangue

ossa

e pece.

 

Il mio tempo

divoratore di miti

e valori

consuma l’aromatica sorte

nel rogo delle quercete.

 

 

 

Esodo

 

Io non partirò.

Resterò con gli altri

vecchi

a parlare di loro.

Loro – zigomi duri –

non conoscono

il dolore di amare:

loro sono salvi.

 

Eredi

protervi

porteranno i lasciti in siti

lontani:

ai loro figli non parleranno

di noi.

 

Io non partirò.

Aspetterò la neve

per mangiare e bere

con gli altri vecchi.

 

Il cervo resta con noi

chi l’avrebbe mai detto! –

resta con noi

che non abbiamo più denti.

 

I nostri eredi ripeteranno

l’inganno

e dove andranno sarà

la nuova legge:

loro non hanno colpa

d’essere nati

col cuore radioattivo.

 

Noi il cuore l’abbiamo ormai

fermo

anche gli orologi sono fermi

e le campane

tacciono.

 

Bentornato silenzio.

 

 

 

L’ultimo

 

L’ultimo mietitore affila

la falce

e lotta coi corvi

ma è solo

e i corvi sanno aspettare.

 

Il capo dell’ultimo clan

passa la pipa

al totem dell’uranio

e sotto il cielo

scontroso

pronuncia parole

incomprese

di pace.

 

Carcasse di padri

biancheggiano

adorni

di collane d’osso

omaggio

e vendetta

del bisonte estinto.

 

La canoa ondeggia

inaffondabile:

perduti direzioni

e remi

aspetta

placata

che il tempo la consumi.

 

 

 

Voglio tornare al mare

 

Voglio uscire dalla palude

limacciosa

e torva

 

voglio tornare al mare

 

lontano dai serpenti

neghittosi e pigri.

 

Voglio tornare all’assalto di onde.

 

 

 

L’albero che partorisce nidi

 

Vinceremo noi:

questo dio vuole

disse la follia

agghindata di potere e saggezza –

ma chiaro sia:

la religione non c’entra

in questa battuta di caccia

globale.

 

Pace:

concetto al femminile

come casa e chiesa

non è spettanza di donne.

 

Ma quando dio perderà la barba

e le bianche chiome

forse

non è garantito –

a curare Pace e Giustizia

al primo vagito

accorreranno le donne.

 

Per ora – le donne –

attendono

il rientro dei maschi

stanchi

delle micidiali partite

e custodiscono

instancabili

l’albero che partorisce nidi.

 

Le donne hanno la pazienza del diavolo.

 

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sempre
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Maria Lanciotti: La confessione
  Amina e la maledizione dell’abate
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Boom e controtendenza (1998)
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Maria Lanciotti. E Gesù lagrimò
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy