Domenica , 21 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
18 Giugno 2015
 

Mi hanno rubato la conca di rame. Era di nonna Maria, ed era arrivata a me attraverso vari passaggi.

Quella conca era stata fatta alla fine dell’Ottocento dal miglior artigiano del paese, che aveva appreso l’arte di lavorare il rame da suo padre e forse da suo nonno. E c’era veramente dell’arte in quella conca, fitta d’incisioni simili ai caratteri di un’antica scrittura.

Mi piaceva lasciarla brunire, e mi piaceva riportarla a lucido. Mi aveva accompagnato in tutti i traslochi, pezzo forte dell’arredamento della casa, da quando mi era stata regalata con il consiglio di pulirla con cenere e aceto.

La conca era come uno specchio che rimandasse le immagini di tutti i miei predecessori. Una mattina l’avevo tirata fuori per lucidarla, era così bella mentre brillava al sole che non la rimisi subito a posto, la sera me ne dimenticai e la mattina dopo non c’era più.

Rubata di notte fuori dalla porta di casa, a pochi metri dal letto in cui dormivo.

Quando si viene derubati ci si sente aggrediti nella propria intimità; il luogo dove si presume che il ladro sia passato ed abbia messo le mani sembra non appartenerti più come prima, violato da persone che non sai se ti sono estranee o conosciute.

La conca non aveva un posto fisso, dentro casa.

Mi piaceva spostarla spesso e dovunque stava bene, dava valore all’ambiente.

Sarebbe passata ai miei discendenti, e avrebbe continuato a tramandare la sua scrittura segreta, alfabeto complesso ottenuto con una lavorazione anch’essa segreta.

Tramontata l’arte del rame, soppiantata dalla produzione in serie di oggetti in finto rame, si va alla ricerca delle ultime occasioni d’acquisto di pezzi antichi, di cui eredi indegni si disfano per ingordigia di liquidità.

Il rame oggi si lavora per usi industriali e va a ruba. I ladri di rame spogliano pure i cimiteri.

E così, qualcuno si è preso la mia conca centenaria che finirà fusa per ricavarne cavi o fili elettrici, che poi saranno forse rubati per essere rivenduti a peso, e ancora fusi per farne ancora cavi e fili elettrici.

Per mia fortuna ho avuto tanti anni per tentare di decifrare la scrittura segreta della conca di rame, e credo di aver afferrato il significato di almeno qualcuno dei suoi segni: ogni incisione il passo sapiente del tempo.

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Amina e la maledizione dell’abate
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.6%
NO
 24.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy