Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
28 Novembre 2007
 

Cosa resterà di noi, di questo tempo che arde e si consuma come un fuoco di paglia?

Cenere. Montagne stratosferiche di cenere che ci toglieranno la luce del sole. E quando la cellulosa sarà stata tutta utilizzata per fabbricare carta convertita in libri destinati fin da prima della nascita al macero, cosa resterà se non l’odore di bruciato e la vaga memoria dei tempi in cui ogni foglio di carta racchiudeva una goccia d’inchiostro tramutata in conoscenza?

Che ci è preso a tutti quanti, si può sapere? Perché stiamo divorando tanta carta, perché non ci stiamo dormendo la notte per l’affanno di dover a tutti i costi tirare fuori ogni giorno almeno un verso, una minima riflessione, l’incipit di un racconto da spalmare subito su carta prima che l’idea si dilegui, senza peraltro darle il tempo di formarsi, chiarirsi, consolidarsi, forgiarsi al fuoco della passione che da solo si alimenta. Perché siamo tutti presi in questa battaglia del dire, chi scrive e chi pubblica, in un mercato che solo sa di mercato, fra sfruttatori e sfruttati che si trattano in guanti bianchi nell’illusione di fare ognuno il proprio affare, chi pagando chi riscuotendo, chi tirando le sue trecento copie pagate profumatamente in partenza dallo scrittore-poeta-illuso, chi regalando i suoi libri mai messi in distribuzione da incredibili editori e reali gatto-volpe della carta stampata che se le inventano tutte per restare a galla in un’acqua tumultuosa.

A  volte può anche accadere che un nome della grande editoria, magari in crisi, possa inventarsi una formula come questa: mettere il suo nome e il suo marchio a disposizione per fare da specchietto per le allodole, gli autori “prescelti” si vedono arrivare a casa l’invito personalizzato per aderire alla realizzazione di un’antologia poetica che non arriverà mai in libreria, ma che farà la felicità di anime sensibili in cerca della comunicazione profonda. Non vi dico se anch'io sono entrata in questa favola senza lieto fine.

E il poeta, vistosi pubblicato dal prestigioso editore, conserverà ancora  a lungo l'illusione di essere stato individuato fra le innumerevoli voci della poesia contemporanea in quanto rappresentativo di un valore che va continuamente riaffermato.  Salvo poi fare il botto quando – a consegna dei libri avvenuta – si renderà conto che tutto l’apporto del prestigioso marchio consiste in realtà in un “coordinamento” nella realizzazione del volume, e ciò scritto all’ultima pagina in una mezza riga in caratteri appena leggibili.

C’è da interrogarsi sul senso di tutto ciò e prima di tutti dovrebbero farlo gli autori, quelli che alimentano un mercato che non conosce e non rispetta regole. INTERROGATIVI DI CERTO ANCHE INTERROCATTIVI!

Forse si dovrebbe fare come le sagge mucche, che ruminano e ruminano per trasformare l’erba in latte, rilasciando alla terra ottimo concime che a sua volta riproduce erba.

Forse, il poeta illuso, dovrebbe decidersi alla fame della parola scritta e stampata, per non alimentare il mercato degli editori stampa e fuggi e dei sognatori impenitenti delusi.

 

Maria Lanciotti

 

 


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mimose
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L’ultima freccia...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Boom e controtendenza (1998)
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. oblivion
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cela i tuoi versi...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Erano i giorni che non si spengono a notte
  Maria Lanciotti. Un sorriso che non si spegne
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Vieni, mio caro uomo...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Poi finirono le parole...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. I colori della barbarie
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku classico con e senza kigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Meditando
  Maria Lanciotti. Lascia ch’io cerchi la mia strada...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ho conosciuto una ragazza...
  Maria Lanciotti. “Canto di primavera”
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Maria Lanciotti. E Gesù lagrimò
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eppure sai...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Seducente Natura
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ora che le parole...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Scorreva come lava nella gola...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Generazioni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Veranda sul mare d’inverno...
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti. Forty Fingers ‒ Altre note sul sesto rigo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Brevemente
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco, più della bianca neve...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non più picchi e strapiombi...
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nossignori...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti. I brevissimi/ E io aspetto Elisa
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Maria Lanciotti. Fotogrammi
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Salva con nome, Patrizia Garofalo
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Petra VoXo. Dove sono finite le voci delle bambine?
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Notte di primavera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Amina e la maledizione dell’abate
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sempre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Borgata Mondo
  Maria Lanciotti. Panorama
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Petali
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per una morte bianca in fonderia
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Il viaggio continua…
  “La voce delle bambine” all’ex chiesa di San Francesco a Velletri (Roma)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E tu ridevi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pensiero d’aprile
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Amore mio
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Carezze di aghi
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  “La sacca del pastore” di Maria Lanciotti
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. Natale all’ipermercato
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Romanza
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Maria Lanciotti. La Natura che combatte
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Casi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pasqua 2022
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Roma. Trentennale del Movimento studentesco “La Pantera”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Se mi strappassi di dosso...
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. M’invita ancora...
  Maria Lanciotti. 1960 ‒ Versi giovanili
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Antico padre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cosmo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  I brevissimi/ Maria Lanciotti. Voci dall’isola
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non darti pena...
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy