Domenica , 24 Giugno 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: Invettiva
10 Settembre 2007
 

 

Quel primo settembre lì, quello della Invettiva per sdegno e maledizione, avrebbe potuto essere un giorno come tutti gli altri se uno sfogliando L’Espresso e Libero non avesse sgranato gli occhi di fronte a una verità che ci sbatte in faccia ogni giorno da tempo immemorabile. Del resto arriva sempre il momento in cui il vaso trabocca. E l’invettiva sgorga e scorre come piombo fuso. E di filippiche non se ne può più.

Cos’è che abbiamo scoperto, negli ultimi tempi? Che la politica è sporca? Che i politicanti ci sguazzano beatamente, dentro la sporcizia? Che destra sinistra centro e diverticoli vari «So’ cuggini e fra parenti/ nun se fanno i comprimenti:/ torneranno più cordiali/ li rapporti personali» (da La ninna-nanna de la guerra di Trilussa, ottobre 1914).

Cos’è che abbiamo scoperto, in questi ultimi giorni che non fosse stato già denunciato in tutte le lingue in tutte le salse in tutti i modi possibili? «… i ministri puliti i buffoni di corte/ ladri di polli/ super pensioni/ ladri di stato e stupratori/ il grasso ventre dei commendatori/ diete politicizzate/ evasori legalizzati/ auto blu/ sangue blu/ cieli blu/ amore blu/ rock and blues/ Eya alalà…» (da Nuntereggae più di Rino Gaetano ai tempi dell’Italia delle P38 e della strategia della tensione).

I pidocchi sono bestie schifose oltre che pericolose, ma si possono facilmente schiacciare - come si è sempre fatto in tempo di guerra, carestia e pestilenza - solo premendo un dito. I pidocchi non possono attecchire ovunque ma su terreno adatto, e se si vuole evitare di ingrassare questi parassiti infestanti occorre prima di tutto ficcarsi dentro una bagnarola piena di acqua bollente e salata e scorticarsi a dovere con un guanto di corda ogni parte del corpo, barba capelli e peli compresi.

Piove governo ladro” non regge più, non ha mai retto. Seppellire – simbolicamente - i Pidocchi di turno, non vuol dire estinguere la specie. E non vuol dire che eliminando di volta in volta i Pidocchi si arrivi a eliminare “I VAMPIRI DEL MALE”, quelli che ci si aspetta - Paradosso di Zenone - che i pidocchi possano fronteggiare.

Cominciamo da noi. Io comincio da me. Sulla mia pelle fra i miei capelli fra i miei peli fra le dita delle mie mani e dei miei piedi, fra le pieghe dei miei vestiti e tantomeno sottopelle, nessun Pidocchio potrà mai allignare.

E la mia non è antipolitica. Il mio è il rifiuto della politica sporca, alla quale non volterò mai le spalle ma sulla quale punterò sempre tutta la mia attenzione. Perché non si dica di me “non c’era e se c’era dormiva”.

E il mio non è populismo. Se per populismo s’intende “totale chiusura”. Troppo comodo.

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti. Murale
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Amina e la maledizione dell’abate
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Maria Lanciotti: Questione di QI
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy