Venerdì , 15 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un Cappuccetto rosso sangue. Un film che ricorda Joe D’Amato 
Ultima prova di Stefano Simone, giovane regista di Manfredonia
29 Maggio 2009
 

Cappuccetto Rosso - Italia, 2009, col., 31'

Genere: Horror - Formato: 16:9 (1.78:1) - Audio: Stereo PCM. Produzione: Foglio Cinema. Regia: Stefano Simone. Sceneggiatura: Emanuele Mattana, dal racconto di Gordiano Lupi. Musiche: Luca Auriemma. Fotografia e montaggio: Stefano Simone. - Interpreti: Luca Peracino, Soraia Di Fazio, Sara Ronco, Andrea Zamburlin, Giovanni Pipia.


Sono la persona meno adatta a parlare in maniera distaccata di questo film, perché è tratto da un mio racconto, ma se lo faccio è perché ho notato qualcosa di buono nella sua realizzazione. Di solito tra scrittori e registi non corre buon sangue, i primi se ne stanno sulla difensiva a dire quant’è bello il loro racconto e come gliel’hanno rovinato sprovveduti registi. Posso citare esempi eclatanti come Lettere da Capri di Soldati e L’uomo che guarda di Moravia, resi al cinema da Tinto Brass, nel primo caso con la disapprovazione dello scrittore e nel secondo delle eredi. Io faccio eccezione, probabilmente perché sono meno bravo di Soldati e Moravia, soprattutto non ho la pretesa di fare letteratura, ma semplice narrativa di genere.

Stefano Simone ha ventidue anni, vive a Torino ma è nativo di Manfredonia. Ho visto alcuni suoi corti come Infatuazione, L’uomo vestito di nero, Lo storpio, Il gatto nero dalle grinfie di Satana, Contratto per vendetta e Istinto omicida, girati in digitale nel periodo 2005 - 2008, che - tra alti e bassi - facevano intravedere buone potenzialità. Il suo miglior lavoro è Kenneth (2009), una storia a metà strada tra il noir duro e la pellicola del terrore, perché i truci fatti raccontati non appartengono all’orrore soprannaturale, ma alla cronaca quotidiana. È stato dopo Kenneth che la nostra amicizia si è consolidata. Simone ha letto alcuni miei racconti contenuti in Cattive storie di provincia e mi ha proposto di dare vita a una collaborazione.

Il progetto Cappuccetto Rosso nasce da un nostro colloquio durante la fiera del libro di Chiari e dalla volontà di rendere omaggio al vecchio cinema italiano che entrambi amiamo. Non per niente il corto è dedicato a Mario Bava, Lucio Fulci e Joe D’Amato, il primo come maestro assoluto e irraggiungibile, mentre gli altri vengono citati esplicitamente in diverse sequenze. Un bravo a Emanuele Mattana, che ha sceneggiato il racconto ricorrendo a intuizioni originali che lo hanno reso più cinematografico e anche al regista che ha saputo dare alla trama l’impostazione giusta. Il mio racconto Cappuccetto Rosso deriva dalle Fiabe al contrario di Gianni Rodari e da una storia di Aldo Zelli (scrittore per ragazzi a me caro), ma non è niente più che una fiaba dark che capovolge i ruoli e mette in scena una bambina cattiva e perversa contro un lupo buono, vittima della situazione. Simone riesce a umanizzare il lupo (cosa non facile) nei panni di un ragazzo che si aggira per i boschi delle colline torinesi e che la madre manda a portare del cibo alla nonna malata. Nel bosco avviene l’incontro con la perfida Cappuccetto Rosso, vestita con una seducente minigonna e armata di coltellaccio per uccidere i malcapitati. Simone realizza ottimi effettacci alla Fulci e alla Joe D’Amato: gole tagliate, pezzi di arti mozzati, sangue, splatter senza limiti, resti umani in decomposizione. La parte finale nella casa della nonna è un trionfo di suspense, abbiamo il pasto orrendo (omaggio al Joe D’Amato di Buio Omega ma anche al cinema di Lenzi e Deodato), ma soprattutto una parte gore che ricorda sequenze del miglior Fulci. Ho trovato buona la trasformazione del ragazzo in lupo che sfodera denti da belva prima di aggredire Cappuccetto Rosso. Mattana e Simone utilizzano alcune soluzioni narrative dei miei racconti cubani (“Parto di sangue” e “Il sapore della carne” contenuti in Nero tropicale edito da Terzo Millennio) per creare un finale sconvolgente e vietato ai minori.

Tra le cose migliori del film: una fotografia con ottime sequenze paesaggistiche del comune di Perrero, tenebrosi notturni di città deserte e dei boschi torinesi, un montaggio senza eccessivi tempi morti, la musica intensa che sottolinea i momenti di maggior tensione. L’ambientazione nel bosco è ben fatta, la storia è credibile, per quanto surreale, convince lo spettatore che sta vivendo una tragedia che potrebbe davvero accadere. Le citazioni dirette o indirette sono molte. Mi fa piacere ricordare che il ragazzo va a scuola e stringe sotto il braccio il mio libro sul cinema di Joe D’Amato. Una scuola così piacerebbe anche a mio figlio. Il finale è un chiaro omaggio ad Antropopahgus, solo che il ragazzo non divora le sue viscere, ma quelle della perfida Cappuccetto Rosso. Una piccola nota stonata viene dalla recitazione degli interpreti, che in alcuni frangenti potevano caratterizzare meglio i personaggi. Avrei visto volentieri una Cappuccetto Rosso più sensuale e cattiva, mentre in certi casi si limita a ripetere con poca convinzione le battute previste dal copione. Tutto sommato il giudizio sul film è ampiamente positivo e devo dire che Cappuccetto Rosso è il lavoro più interessante del giovane regista pugliese. Da vedere!


Gordiano Lupi


Foto allegate

Articoli correlati

  Gordiano Lupi. Weekend tra amici (2013) di Stefano Simone
  Gordiano Lupi. Sophia (2012) di Stefano Simone
  Anna Castigliego. Una favola horror per Stefano Simone
  Il cielo sopra Piombino
  Gordiano Lupi. Gli scacchi della vita (2014) di Stefano Simone
  Gordiano Lupi. Una vita nel mistero
  Gordiano Lupi. Il mio amico Peppe Zullo (2016) di Stefano Simone
  Stefano Simone alla Festa delle Arti di Piombino
  Gordiano Lupi. Kenneth (2008). Un corto thriller di Stefano Simone
  Unfacebook (2011) di Stefano Simone
  Stefano Simone: il regista che gioca a scacchi con il cinema
  Gordiano Lupi. Una promessa del cinema italiano. Stefano Simone
  Gordiano Lupi al Camaiore 2014 (XXVI Premio letterario) con Stefania Sandrelli
  Gordiano Lupi. Perché scrivo poco di Cuba
  Gordiano Lupi. Il viaggio è un’avventura bianca e blu
  Caffè Letterari a Reggio Emilia. Baraghini, Bianciardi, Lupi, Anelli e Bucciarelli
  Gordiano Lupi. Altoforno spento
  Gordiano Lupi presenta Yoani Sánchez all'Università di Pisa
  Gordiano Lupi
  Federico Fellini by Mediane. L'ultimo lavoro di Gordiano Lupi
  Almeno il pane, Fidel
  Gordiano Lupi. Per non spegnere il nostro futuro
  Gordiano Lupi. Domani e Empoli, con Giusti e Guerri
  “Yoani Sánchez. In attesa della primavera” di Gordiano Lupi
  Fidel Castro compie 85 anni
  Gordiano Lupi. Lettera da lontano
  Marisa Cecchetti. Del “Miracolo a Piombino” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Il mio triste mondiale
  Gordiano Lupi. Storia della commedia sexy all'italiana
  Gordiano Lupi domani al Liceo Leonardo di Milano
  I libri di Gordiano Lupi su Cuba a Miami
  Gordiano Lupi allo Speciale TG1 su Cuba. Domenica 23 alle ore 23
  Gordiano Lupi. Avana Killing
  Patrizia Garofalo. Le segrete del castello
  Gordiano Lupi. LA MIA AVANA
  Una terribile eredità. Gordiano Lupi in Campidoglio con Giovanni De Ficchy
  In libreria Pierino contro tutti
  Gordiano Lupi. Piombino Leggendaria
  “Focus Cuba”. Al Carnevale di Castrovillari con William Navarrete e Gordiano Lupi
  Due, anzi tre, appuntamenti con Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino
  Alberto Figliolia. Calcio e acciaio di Gordiano Lupi
  Lettera di Yoani Sánchez, “intrappolata nella rete”, agli studenti di Cuneo
  Gordiano Lupi. Fernando di Leo e il suo cinema nero e perverso. Novità in libreria
  Gordiano Lupi. Lo scrittore sfigato
  Gordiano Lupi a Caserta per parlare di Cuba
  La situazione a Cuba e i blogger alternativi
  Gordiano Lupi. Sogno di primavera
  Vetrina/ Gordiano Lupi. Il sogno d’una cosa
  Gordiano Lupi. Una terribile eredità
  Patrizia Garofalo. Sono al fianco di chi si batte per la democrazia e la libertà
  Lo scrittore toscano dell'anno 2011. Gordiano Lupi tra i vincitori
  Spazio libreria, con Lupi e Micheletti, alla Festa Pd di Piombino
  Veleno. Dieci storie per non dormire
  Gordiano Lupi. I miei Mondiali
  Gordiano Lupi. Velina o Calciatore, altro che scrittore!
  Lupi su Cuba a Bologna. Aperitivo letterario venerdì alle 18
  “La nostra iniziativa è per una Cuba democratica, pluralista e libera”
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Yoani Sánchez. Lady, I love you
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Cor(ro)sivoTV/ Gordiano Lupi. Un tuttologo di nome Saviano
  Gordiano Lupi. San Giuseppe Artigiano
  Gordiano Lupi su Radio Rai Tre con “Cuba Magica”
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Gordiano Lupi. La morte di un padre
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino. Storia di Marco e di un gabbiano
  Gordiano Lupi. Comunista? No, grazie
  Marsiglia e L'Avana: luoghi dell'anima per due scrittori
  Gordiano Lupi. Un reduce, L'Avana, l'ambiguità del male
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, in attesa della primavera
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Gordiano Lupi. Cattive storie di provincia
  Gordiano Lupi e Sabina Marchesi. Coppie diaboliche
  Gordiano Lupi. Ancora una volta febbraio
  Gordiano Lupi. Confesso che ho sbagliato
  Stefano Pacini e Gordiano Lupi. Mi Cuba
  Marcello Rotili. Autentico elegante romanzo della memoria
  Appunti sul cinema erotico italiano
  Gordiano Lupi: L’eros nel cinema di Joe D’Amato
  Il romanzo di una generazione perduta
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy