Sabato , 21 Ottobre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Sogno di primavera
Cartolina da Piombino
Cartolina da Piombino 
14 Febbraio 2012
   

a mia moglie Dargys

 

 

La finestra della nostra aula scopre un panorama di isole lontane e il mare frange la scogliera proprio sotto i nostri occhi.

Voli di gabbiani sulla piazza più antica del paese, rifugio di ragazzini innamorati che si abbracciano sulle panchine di marmo.

Pensionati che guardano e sorridono. Ricordano tempi lontani.

Io e Roberto mettiamo in atto la solita fuga durante l’intervallo e scappiamo tra le antiche scogliere, vicino alla fonte e al vecchio ospedale distrutto. Lo sappiamo che i professori non vogliono e che è vietato uscire da scuola per ogni motivo. Ma è troppo bello volare sul mare per raccontarsi sogni e avventure mai vissute. Perché la scuola è una cosa, ma la vita è un’altra.

– Il mare è perfetto. Sa sempre quello che vuole, – dico con gli occhi immersi tra le onde che frangono la costa.

Lui mi guarda sorpreso.

– Non ti capisco, Marina. Cosa vuoi dire?

– Lo vedi come sa dosare il rumore delle onde, quasi fossero parole? Sa sempre quello che deve dire. E fa risuonare le scogliere di sorrisi e dolori.

– Il mare non ha un pensiero proprio. È mosso dai venti e dal caso, – risponde scettico Roberto.

Mi fa rabbia a volte Roberto. Mai che si lasci andare a ciò che tiene dentro. Tutto per lui deve avere una spiegazione razionale.

La vista del mare muove dentro me una tempesta di sensazioni.

Lo vedo come una persona che si risveglia e si agita in mille pensieri. Il suo umore condiziona il mio modo di pensare e accompagna la mia vita.

– Però è bello quello che dici – aggiunge – sai trovare delle immagini affascinanti. Da grande dovresti fare la scrittrice.

Alzo la testa e sorrido.

– E l’acciaieria, Roberto? Dimmi cosa ti ricorda.

– Non saprei. Solo mio padre che lavora e torna a casa stanco.

– A me quando la osservo di notte fa l’impressione di un bambino che piange. Un ragazzino indifeso che chiede aiuto. Rumoreggia dolorante dalle siviere e dall’altoforno. Perde lacrime di sofferenza dalle immense ciminiere. Mi fa tanta tenerezza.

– Ti vengono delle idee…

– Di giorno invece mi spaventa. È un mostro gigantesco, invincibile, che inghiotte tutti coloro che si avvicinano. Non riesco neppure a guardarla, perché ho paura che mi catturi, mandandomi incontro le spire dei suoi fumi rossastri.

– Ne hai della fantasia…

Credo di averlo sconvolto, come sempre. La vita reale è così monotona. Scuola, genitori, lezione, vasche in corso con gli amici. Se non la condisco con un po’ d’immaginazione non riesco ad affrontarla. Per questo vengo sul mare con Roberto. Ogni giorno, quando suona la campanella della ricreazione. Lo facciamo d’inverno, quando il libeccio e il ponente scuotono i vetri della nostra aula e non sarebbe prudente avventurarsi sul muro in granito della piazza sul mare. A maggior ragione ci andiamo ora che le giornate si fanno più dolci e il sole riscalda le ore del mattino. Marzo è il mese delle mimose, delle prime ginestre in fiore, la natura si risveglia e riscopre i colori. Il mare è calmo e in pace con il mondo. Riesce a parlare con tranquillità, scandisce bene le parole. Io lo comprendo, come un vecchio amico che confida gioie e dolori. Per questo le decisioni importanti vengo a prenderle insieme a lui, tra queste rocce di calcare che scendono a picco su barche e rumore di vento.

Il fumo delle lontane ciminiere si scorge in lontananza, proprio dove un vecchio cimitero di mare affoga ricordi e asciuga lacrime di rimpianti. L’acciaieria, dove il padre di Roberto va a farsi inghiottire ogni giorno, macina ancora delusioni e paure. Adesso il suo aspetto di mostro gigantesco mi fa abbassare lo sguardo.

Attenderò la notte per amarla, perché la preferisco come un bambino indifeso. E le asciugherò le lacrime che cadono dagli altiforni.

– Roberto, la senti la primavera nell’aria?

– Non me lo dire, non ho voglia di far niente. Non riesco a studiare. E la mamma mi sgrida. Apro il libro, lo richiudo, fingo di leggere. Ma penso solo a correre fuori con gli amici.

– Io a primavera sogno spesso una strada coperta di fiori e rami di ginestra. Vedo petali di rosa che sbocciano nel mare e l’infinito che mi accoglie. Stanotte c’eri anche tu nel mio sogno.

– Io? E perché mai?

– Perché questa primavera è anche nostra.

– Non ti comprendo. Oggi sei più complicata del solito.

– Da quanto tempo veniamo insieme su queste rocce per scambiarci i nostri pensieri?

– Non ricordo. È diventata un’abitudine. Prima o poi ci beccano, me lo sento. Allora ci toccherà smettere e stare nel corridoio come gli altri.

– Credo che dovremo smettere prima. E il nostro sogno non avrà il tempo di correre per le strade di questa primavera.

– Che vuoi dire?

– Devo partire, Roberto. Lo devo lasciare questo mare che si spalanca di fronte ai nostri occhi ogni giorno con un umore diverso. Non potrò più vedere la gigantesca acciaieria che mi fa provare tenerezza o paura. E non potrò più venire con te su queste scogliere. Mio padre dice che tutto questo mi farà diventare grande, ma intanto riesco solo a soffrire…

Roberto mi guarda e comprende. Il suo volto sorridente si è fatto serio, lascia trasparire la paura di perdere un sogno e di lasciare al vento questa primavera. Le scorribande proibite tra le scogliere, i sogni e le fantasie che raccontavo soltanto a lui che estasiato mi stava a sentire. La nostra unione perfetta e complice, mentre nei corridoi della scuola suonava la campanella della ricreazione. Roberto ha smesso di guardare i pescatori sulla punta del faro e di accarezzare lontani voli di gabbiani sulla costa. Adesso guarda soltanto me e tende una mano verso i capelli che scendono ondulati sulle spalle. Mi accarezza il viso solcato da lacrime. Si avvicina. Il nostro sogno diventerà primavera, questo è certo. Anche se potrà farlo soltanto per un breve istante.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  San Valentino al Mart
  Gordiano Lupi. Avana Killing
  Gordiano Lupi. Ancora una volta febbraio
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Cor(ro)sivoTV/ Gordiano Lupi. Un tuttologo di nome Saviano
  Il cielo sopra Piombino
  “Focus Cuba”. Al Carnevale di Castrovillari con William Navarrete e Gordiano Lupi
  Una terribile eredità. Gordiano Lupi in Campidoglio con Giovanni De Ficchy
  Fidel Castro compie 85 anni
  Gordiano Lupi. Velina o Calciatore, altro che scrittore!
  Gordiano Lupi. Il mio triste mondiale
  Marsiglia e L'Avana: luoghi dell'anima per due scrittori
  Lupi su Cuba a Bologna. Aperitivo letterario venerdì alle 18
  Gordiano Lupi. LA MIA AVANA
  Federico Fellini by Mediane. L'ultimo lavoro di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Storia della commedia sexy all'italiana
  Gordiano Lupi allo Speciale TG1 su Cuba. Domenica 23 alle ore 23
  Patrizia Garofalo. Le segrete del castello
  Veleno. Dieci storie per non dormire
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino
  Gordiano Lupi. Domani e Empoli, con Giusti e Guerri
  “Yoani Sánchez. In attesa della primavera” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Piombino Leggendaria
  Vetrina/ Gordiano Lupi. Il sogno d’una cosa
  Gordiano Lupi. Un reduce, L'Avana, l'ambiguità del male
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  La situazione a Cuba e i blogger alternativi
  Gordiano Lupi su Radio Rai Tre con “Cuba Magica”
  Due, anzi tre, appuntamenti con Gordiano Lupi
  Lettera di Yoani Sánchez, “intrappolata nella rete”, agli studenti di Cuneo
  Gordiano Lupi. Fernando di Leo e il suo cinema nero e perverso. Novità in libreria
  Gordiano Lupi. Una terribile eredità
  Gordiano Lupi. Lo scrittore sfigato
  Gordiano Lupi a Caserta per parlare di Cuba
  Alberto Figliolia. Calcio e acciaio di Gordiano Lupi
  Caffè Letterari a Reggio Emilia. Baraghini, Bianciardi, Lupi, Anelli e Bucciarelli
  I libri di Gordiano Lupi su Cuba a Miami
  Gordiano Lupi. I miei Mondiali
  Spazio libreria, con Lupi e Micheletti, alla Festa Pd di Piombino
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino. Storia di Marco e di un gabbiano
  Gordiano Lupi. San Giuseppe Artigiano
  Patrizia Garofalo. Sono al fianco di chi si batte per la democrazia e la libertà
  Gordiano Lupi presenta Yoani Sánchez all'Università di Pisa
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Gordiano Lupi. Il viaggio è un’avventura bianca e blu
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Yoani Sánchez. Lady, I love you
  Gordiano Lupi. Comunista? No, grazie
  Almeno il pane, Fidel
  Gordiano Lupi. Perché scrivo poco di Cuba
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Gordiano Lupi. La morte di un padre
  Lo scrittore toscano dell'anno 2011. Gordiano Lupi tra i vincitori
  Gordiano Lupi domani al Liceo Leonardo di Milano
  “La nostra iniziativa è per una Cuba democratica, pluralista e libera”
  Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi al Camaiore 2014 (XXVI Premio letterario) con Stefania Sandrelli
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, in attesa della primavera
  Un Cappuccetto rosso sangue. Un film che ricorda Joe D’Amato
  Gordiano Lupi e Sabina Marchesi. Coppie diaboliche
  Gordiano Lupi. Confesso che ho sbagliato
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Gordiano Lupi. Per non spegnere il nostro futuro
  Stefano Pacini e Gordiano Lupi. Mi Cuba
  Gordiano Lupi. Lettera da lontano
  Marcello Rotili. Autentico elegante romanzo della memoria
  Gordiano Lupi. Cattive storie di provincia
  Marisa Cecchetti. Del “Miracolo a Piombino” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Altoforno spento
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.3%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy