Domenica , 17 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Altoforno spento
08 Settembre 2014
   

La mia vecchia Pontedoro, ché io non so neppure come si scrive, ma lo scrivo così perché mi piace. Centrale Enel in disarmo, l’altoforno Lucchini spento, archeologia industriale del passato, una spiaggia cadente e quel che resta dei ricordi. Il Quagliodromo, tra lo scintillare delle acque sotto il riflesso del sole, un posto dove chiamano le spiagge con nomi e numeri, gabbianelle e aironi non lo sanno, si spostano inconsapevoli tra Perelli 1, a destra della centrale inattiva, milioni d’anni fa scenario d’un epilogo a carbone fermato dal referendum. Erano i tempi in cui credevamo alla politica, adesso resta soltanto un povero bagno costruito tra le ciminiere come nel film di Virzì, un bagno e il mare di settembre, triste come le tamerici salmastre ed arse che si affacciano sul litorale, macchia mediterranea e sterpaglie, bassa come i ricordi che si tuffano tra le onde increspate d’un mare tranquillo. Alle spalle dei miei pensieri il Monte Calvi, Campiglia e gli scavi del calcare, la montagna distrutta che avrebbe cambiato il clima e modificato il corso dei venti. Perelli 1 e un immenso retone da pesca piazzato nel mare da chissà quale pescatore, ai tempi in cui ero un bambino distratto da sogni e pensieri, non mi fermavo a guardare la realtà, tutto era troppo normale. Adesso, invece, è il normale a diventare straordinario, persino un ristorante che separa Perelli 1 da Perelli 2, luogo di cene luculliane, eccessi giovanili che non rammento, troppo cambiato nel volgere degli anni. I bagni gestiti da operai dell’altoforno in cassa integrazione, in aspettativa, prepensionati, che non sono gli stessi bagni di Viareggio, neppure dell’Elba, ma spiaggia riconvertita al turismo. Un mare privato che convive con arenili stretti lasciati al popolo delle ferie a basso costo, un mondo di operai, un sottoproletariato urbano diverso dagli anni Settanta, che la domenica pranza ancora su tavoli improvvisati tra pini e tamerici, lecci e calette assolate. All’orizzonte cespugli bassi e informi modellati dal vento, braccia di pini ritorte, forcelle di rami in croce, scolpite da sole e salmastro, un bagno che sfoggia un nome tropicale e ombrelloni caraibici con il tetto di guano. Il Nano Verde, accampamento di giovani a caccia di emozioni estive, tra fitta boscaglia e pineta marittima, alta, imponente, che scopre le prime case di Riotorto, improvvisa apparizione sul litorale, la spiaggia del Mortelliccio, Carbonifera, arenile con sentori africani per il viandante marino che scorge due insolite palme sul litorale. La nostra spiaggia bassa e stretta che fa intuire il golfo di Follonica, il nostro mare brullo, chiazzato di ricordi industriali e pineta, lecci e tamerici, cosparso di canzoni d’amore perdute, racconti lasciati appassire sulla punta della penna, emozioni dimenticate, pomeriggi indimenticabili. Pochi cespugli a ridosso delle dune, sembra d’essere in un vecchio film di Pasolini o in una commedia di Citti, pare di trovarsi sulla spiaggia di Casotto, Ostia o Fregene non importa, è il nostro mare, la nostra Maremma assolata, un tempo flagellata da zanzare e malaria, adesso arenile per turisti e indigeni, tra Torre del Sale e Torre Mozza, in odor di pirati e pinete. Pratoranieri è già Follonica, con i grattacieli di mare, rimpianto del tempo perduto e d’una pineta fantastica scambiata per posti di lavoro, per un lavoro che adesso ci abbandona e non sappiamo che fare. Alle spalle dei pensieri la campagna, uliveti e bosco, davanti ai nostri occhi lo Scoglio della Troia, Punta Ala, le Formiche, Porto Santo Stefano, il Giglio e il fantasma d’una nave affondata. La barca fa rotta di nuovo verso Piombino. Tempo è di ritornare ai nostri altiforni spenti, alla collina della Tolla, al Porto che si spinge nel mare, per abbracciare l’Elba. Piombino è un gigante addormentato, senza fumi, senza odori, senza i finti tramonti color rosso fuoco. A ogni ora del giorno, va in scena il riposo del guerriero, il riposo eterno, tra una centrale elettrica inattiva e un altoforno spento, solo tanto mare e spiagge abbandonate, tra quel che resta di Pontedoro e la macchia mediterranea. Pini marittimi della mia infanzia, sentinelle d’un’adolescenza perduta, sorveglianti storici del mio presente. Vive nei miei ricordi un perduto splendore.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Il Foglio letterario, Estate 2016
  Gordiano Lupi. Per non spegnere il nostro futuro
  Gordiano Lupi. Piombino Leggendaria
  Alberto Figliolia. Calcio e acciaio di Gordiano Lupi
  Raccontare Piombino
  Gordiano Lupi. Perché scrivo poco di Cuba
  Gordiano Lupi domani al Liceo Leonardo di Milano
  Gordiano Lupi presenta Yoani Sánchez all'Università di Pisa
  Gordiano Lupi
  Federico Fellini by Mediane. L'ultimo lavoro di Gordiano Lupi
  Lo scrittore toscano dell'anno 2011. Gordiano Lupi tra i vincitori
  Almeno il pane, Fidel
  “Yoani Sánchez. In attesa della primavera” di Gordiano Lupi
  Fidel Castro compie 85 anni
  Gordiano Lupi. Lettera da lontano
  Marisa Cecchetti. Del “Miracolo a Piombino” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Il mio triste mondiale
  Gordiano Lupi. Storia della commedia sexy all'italiana
  I libri di Gordiano Lupi su Cuba a Miami
  Gordiano Lupi allo Speciale TG1 su Cuba. Domenica 23 alle ore 23
  Gordiano Lupi. Avana Killing
  Patrizia Garofalo. Le segrete del castello
  Gordiano Lupi. LA MIA AVANA
  In libreria Pierino contro tutti
  Gordiano Lupi. Il viaggio è un’avventura bianca e blu
  “Focus Cuba”. Al Carnevale di Castrovillari con William Navarrete e Gordiano Lupi
  Caffè Letterari a Reggio Emilia. Baraghini, Bianciardi, Lupi, Anelli e Bucciarelli
  Due, anzi tre, appuntamenti con Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino
  Lettera di Yoani Sánchez, “intrappolata nella rete”, agli studenti di Cuneo
  Il cielo sopra Piombino
  Gordiano Lupi. Fernando di Leo e il suo cinema nero e perverso. Novità in libreria
  Gordiano Lupi. Lo scrittore sfigato
  Gordiano Lupi a Caserta per parlare di Cuba
  La situazione a Cuba e i blogger alternativi
  Gordiano Lupi. Sogno di primavera
  Vetrina/ Gordiano Lupi. Il sogno d’una cosa
  Gordiano Lupi al Camaiore 2014 (XXVI Premio letterario) con Stefania Sandrelli
  Gordiano Lupi. Una terribile eredità
  Patrizia Garofalo. Sono al fianco di chi si batte per la democrazia e la libertà
  Una terribile eredità. Gordiano Lupi in Campidoglio con Giovanni De Ficchy
  Spazio libreria, con Lupi e Micheletti, alla Festa Pd di Piombino
  Veleno. Dieci storie per non dormire
  Gordiano Lupi. I miei Mondiali
  Gordiano Lupi. Velina o Calciatore, altro che scrittore!
  Lupi su Cuba a Bologna. Aperitivo letterario venerdì alle 18
  “La nostra iniziativa è per una Cuba democratica, pluralista e libera”
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Yoani Sánchez. Lady, I love you
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Cor(ro)sivoTV/ Gordiano Lupi. Un tuttologo di nome Saviano
  Gordiano Lupi. San Giuseppe Artigiano
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Gordiano Lupi. La morte di un padre
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino. Storia di Marco e di un gabbiano
  Gordiano Lupi. Comunista? No, grazie
  Gordiano Lupi su Radio Rai Tre con “Cuba Magica”
  Un Cappuccetto rosso sangue. Un film che ricorda Joe D’Amato
  Marsiglia e L'Avana: luoghi dell'anima per due scrittori
  Gordiano Lupi. Un reduce, L'Avana, l'ambiguità del male
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, in attesa della primavera
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Gordiano Lupi. Cattive storie di provincia
  Gordiano Lupi e Sabina Marchesi. Coppie diaboliche
  Gordiano Lupi. Domani e Empoli, con Giusti e Guerri
  Gordiano Lupi. Ancora una volta febbraio
  Gordiano Lupi. Confesso che ho sbagliato
  Stefano Pacini e Gordiano Lupi. Mi Cuba
  Marcello Rotili. Autentico elegante romanzo della memoria
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy